Food & Progress 2018, Florence, Tuscany

Tuscan food is  a kind of cucina povera or “poor cooking.” A concept that started very literally, it’s about simple meals that are inexpensive and could easily be made in large amounts.

Today it remains largely the same – but by choice instead of economy. Tuscan cooking doesn’t use complicated seasonings or elaborate creations because they’re not needed. Instead it’s made using fresh, high-quality ingredients that bring out the natural flavors in each dish, simple or not. When you arrive in Tuscany you will be faced with one doubt . What are the foods I can’t miss, what will I regret not having eaten? If you came and visit   “Food & Wine in Progress 2018 ” , you will have an idea! “Food & Wine in Progress 2018 ” is about Culinary Specialities in Florence and  showcases Tuscan Excellence. 

Food & Wine in Progress 2018 ”  has a lot to offer to the guests from locally sourced products to Wine Tastings with AIS (Italian  Sommelier  Association).

The program begins with Conferences, Master Classes, each focusing on a specific thematic about Wine & Food. Food & Wine in Progress 2018 ”  has a lot to offer to the guests, from locally sourced products to Wine Tastings with AIS (Italian  Sommelier  Association). The program begins with Conferences, Master Classes, each focusing on a specific thematic about Wine & Food.

My favourite Master Class is the one about Riesling . I’m learning a lot about Germany Wine  Production  in  Pfalz thanks to a special Wine Tasting organized by the “ Bassermann-Jordan Winery “.

“ Bassermann-JordanWinery “ is  an established leader and an example of the efficiency of Riesling Production in GermanyThe history of the “ Bassermann-JordanWinery “ is the history of a family dynasty that has helped to establish quality viticulture for almost 300 years. Generation after generation, important personalities emerge from it who know how to preserve and develop the importance of the estate and top Palatinate Wines with intelligence, expertise and intuition as well as economic and political influence – up to the top rank of the world. Their wine labels are landmarks and stand for Wines from the best locations and pioneering work in cultivation and vinification with a passion for quality. These Wines are fruity ,  elegant and fit any specific need. These are Characteristic Wines of Origin which are cultivated and matured ecologically according to anthroposophical teachings. For most of their  Wines Art Nouveau label is used.

There are also  interesting Cooking Shows (including fresh pasta and vegan recipes)  at “Food & Wine in Progress 2018 ” and  hundreds of fans who come to join this magic Wine & Food Exibition.

Enjoy it !

Stefania

Roberto Cipresso: a DiVine Novel

… perché se vuoi emozionare, devi provare per primo le emozioni che desideri suscitare…/…if you want to thrill someone,  try first to feel  the same emotions you desire to awake…” . R. Cipresso.

Wine Tasting at “Nautilus” Restaurant, Tirrenia, Pisa. 

Scanning across the bookshelves in my flat, it dawns on me that my collection falls into three categories: Wine, Food & Travel! Three passions that blend in perfect harmony to a special book, that is “Wine, the secret Novel” written by Roberto Cipresso.

This Outstanding Work is available for purchase in occasion of its presentation prepared by the same author Roberto Cipresso. It takes place at “Nautilius”, an elegant restaurant in Tirrenia, Pisa. On 28th November 2018  Andrea Baldeschi, an experienced Sommelier and the owner of the fascinating place by the seaside, invites me for this memorable event. It is especially a Guided Tasting of Wines from Roberto Cipresso’s most significant Labels , paired with delicious  dishes:

 

 

Guests  enjoy the pleasant atmosphere and the refined cooking, and they are under lovely Roberto‘s spellBefore I sit down together with the other people to taste the lavish food, “Nautilius” ‘s  Wine Cellar grabs my attention. After a while , Andrea leads me in a journey through his best Wines, such as “Masseto”, “Le Difese”, “Sassicaia”, “Keber”, “Dom Perignon 2009”, and more over. Andrea is very proud of his fine Wines Collection. He talks with me about his jewellery, his restaurant “Nautilius”. Andrea manages it with great enthusiasm and success since last April, after his former experience in the catering service. Our conversation about his great Wine Cellar goes on , and at a certain point, he tells me about an incredible story about his precious treasure: the White Wine “Chateau Montelena”-he owns the Top “Chateau Montelena” vintages! Let’s go to France! 

 

“Chateau Montelena”’ and the Judgment of Paris.

“Chateau Montelena”’s history is unbelievable. It is in the Napa Valley and California.

Founded just north of Calistoga by a senator and San Francisco entrepreneur in 1882 at the turn of the century, it was one of the largest wineries in the state. Prohibition put an end to “Montelena”’s winemaking, and the next major era began in 1968, when Jim Barrett purchased the estate. Jim fell in love with this exceptional property. He had a dream of  winemaking at the highest quality level. In 1976 “Chateau Montelena” put California at the forefront of the wine world. That year there was an exclusive tasting at the “Inter-Continental” Hotel in Paris. Four white Burgundies were tasted against six California  Chardonnays. When the scores were tallied, the French Judges were convinced that the top-ranking white wine was one of their own. In fact, it was “Chateau Montelena’s 1973 Chardonnay”, rated above all other wines. This seminal event has been memorialized in the book ”The Judgment of Paris,”” by George Taber, as well as in the 2008 feature film “Bottle Shock”. Today “Chateau Montelena”’s distinct 19th century stone structure stands as a quality icon in Napa Valley , consistently producing some of the finest wines in California. Master Winemaker Bo Barrett, Jim’s son, now runs the estate with the help of Winemaker Matt Crafton .

“Wine, the Secret Novel”  by Roberto Cipresso.

At the end of the “Chateau Montelena” ’s tale,Andrea brings me in the main lounge of his ”Nautilius”  to start the gala dinner in honour of  his friend Roberto CipressoI really enjoy Roberto ‘s  sentimental speech about his book “Wine, the secret Novel” . We  all Wine Lovers and Experts are delight to listen to Roberto, while speaking about his passion, Wine ! 

Roberto Cipresso is an Oenologist, a Winemaker, a Writer, but above all he is a Visionary Leader . His way of  life makes him stand out from the rest of the crowd in the Wine Field. I can feel Roberto‘s personality power, while presenting his book.  He can imagine things that others cannot imagine. He sees the whole process of a big picture, and not a single step. He is present and focused, you can connect with him when you  talk about what he has  in mind, when he  teaches you something about Wine, his Travels, his previous job experiences, his Life! 

Roberto Cipresso, a native  of  Bassano del Grappa (Veneto), completes his agricultural studies and starts his  Winemaking career  at the outstanding estate of “Ciacci Piccolomini d’Aragona” in 1987 . 

Some years later he and two partners founds “Fattoria La Fiorita”, located in Castelnuovo dell’Abate, near Montalcino. He collaborates with well-known  Wine Producers in Italy (“Case Basse”, “Poggio Antico”and abroad (Achaval-Ferrer Winery, Argentina). Roberto ‘s chances to put his professional skills and  ideas about Wine into action are three of his major projects:

 

    • “Winemaking”: a Wine Consultancy for  wine-industry professionals ( in collaboration with his brother Gianfranco, his friend Santiago Achaval , and the Universities of Padova, Venezia, Palermo,Torino, Pisa and Udine); 

 

  • “Wine Circus”: a laboratory aimed at ones who don’t inherit a winery and want to manage a wine label! 

Recalling the most important Roberto‘s enterprising ventures and lifetime achievements awards in terms of Wine & Food  culture, means understanding his complex and sensitive soul: 

 

 

The list would already be too long! Roberto is a creative and multitalented man. Along with the benefits of his many abilities and passions, there is his love for writing, occuring in his books about Wine and its Mystery published between  2006 and 2009:

    • “The Romance of Wine”: my great discovery about an Outline of  Mankind’s History throughout the one of Viticulture Worldwide

 

 

Roberto is also a frequent speaker at different national and international conferences on technical-scientific nature  at Wine Schools and important Universities world-wide.

“Cipresso 43th Parallel”.

Roberto still continues his  incredbile adventure  in his challanging Wine Experiment  entitled “Cipresso 43th”, moving ahead with his ambitious and global vision of the concept of Terroir

“Cipresso 43th” is an attempt to create an Oenological Itinerary using only grapes grown at 43th degrees North Latitude.  According to Roberto’s recent researchesthe 43th Parallel is a magical line with  singular physical/spiritual features for Wine Production. It is  situated halfway between the Equator and the North Pole, running through central and florid places that have shaped the main phases in the evolution of Vine Culture from Mesopotamia  to the USA. A circular line that engulf the Earth among important autochthonous vines:

Roberto demonstrates his  theory about the inimitable  Terroir of Wines produced along the 43th Parallel in his three red Wines  I’m  sipping this evening: 

 

 

In collaboration with the University of Florence, Roberto Cipresso is studying what makes the 43th Parallel so special for Wine Production together with its general aspects (geography, geology, orography, climates, soils, altitudes,etc). Moreover, Roberto remarks that there is Something Magic and Mystical  behind the 43th Parallel, because it is the same axis where holy places are also  located, from Medjugorje, Assisi, Santiago De Compostela to Lourdes . And, of course, that is something very special for Roberto, who think of   himself as an atheist! 

Roberto‘s life is a strivinfor Exellence and Harmony  not only  for Wine, but above all for  Life.  

He is open minded . He doesn’t  limit himself to his own thoughts and ideas. When you talk to him, he listens to what you talk about attentively. He  encourages you to be as creative as possible and never afraid of presenting your point of view! Roberto  gives me a big picture of  his vision about Wine and living in this world. His job  is  an essential part of his existence. It’s not only about running a laboratory or doing analysis, it’s  mainly to be part of making Something Amazing. It’s to combine Science, Creativity and Love, that keeps things interesting, and a  great industry to be in as well. You are surrounded by great Food, Wine, and awesome People. It’s hard work, but very rewarding, like this unforgettable Tasting Dinner skillfully prepared  by Andrea Baldeschi at “Nautilius” restaurant Tirrenia, Pisa. .

Roberto experiments with unconventional colors to find inspiration for his Next Masterpiece, that is still to come! I’m looking forward to it!

Enjoy it! 

Stefania 

 

 

 

Vinoè 2018: Wine Exibition at Stazione Leopolda, Florence

“One should always be drunk. That’s all that matters…But with what? With wine, with poetry, or with virtue, as you chose. But get drunk.” 
― Charles Baudelaire

Florence is not only the “Cradle of the Renaissance”, because its historical center is a triumph of art, but it’s a lively city . There are lots of things to do, such as traditional Festivals, Art and Cultural manifestations that represent the core of the city and its inhabitants. Experiencing Florence in this way means  living the city as a local! 

As the capital of Tuscany, Florence has remarkable Wines, most notably the deep red wine Chianti Classico. Florence offers Wine Festivals lots  all the year long.  In addition, every restaurant, every cafe, sometimes every vendor on the street sells Florence’s best Wines. Above all Tuscany is famous for its Chianti , made with perfect purple Sangiovese grapes grown in the golden sunlight of the Tuscan hills. You’ll also find fine Wines like the”Brunello di Montalcino”, “Pomino Vin Santo” and other “Trebiano White Wines”, and “Moscadello” varieties for sweet wines! It takes a long time to speak about Wine in Tuscany, so it’s better to participate in the Wine Exibition ““Vinoè”, held in Stazione Leopolda, Florence, from from Saturday 27 to Monday 29 October 2018.

“Vinoè”now in its third edition, is  an event dedicated to Italian and International Wine Excellence , and it is organized by FISAR (Italian Federation of Hotel and Catering Sommeliers). There are not only exihibitors with their best bottles of white, sparkling, rosé and red wines, but also cooking shows . 

“Vinoè” is a meeting point for Wine Lovers.  It is possible in 3 days  to discover: 

“Vinoè” is a really beautiful and inspiring experience. There are lots of visitors and I have the fantastic opportunity to taste High Quality Wine such as: 

Three Extraordinary Wineries  give me the idea what Passion for Wine and Life means. 

I want to share with you my favourite Wineries of this unforgettable Wine Kermesse: Claudio Cipressi Winery, Molise”, “Piccini/Tenuta Mora, Tuscany” and “Tenuta del Travale, Calabria”They are 

Claudio Cipressi Winery, is located in San Felice del Molise, Campobasso. Since 2014 it has become officially certified as organic . 

Molise is a beautiful region with a unique landscape. It is largely uncontaminated and the vineyards have great potential, which is why Claudio Cipressi cultivates 16 hectares with enthusiasm. Claudio Cipressi has reintroduced the Tintilia a native white grape variety.

“Tenuta Mora Winery”  is owned by the historic Tuscan Producer Tenute Piccini, one of the most popular brand of Chianti, Chianti Classico, and Brunello Wines in Italy and the world.

“Tenuta Mora  is a boutique Winery located on the Etna volcano, a black mountain looking at a blue shining sea, a unique place able to craft hidden wine gems. The two vineyards of “Tenuta Mora ” are located at about 650-700m in Contrada Rovittello, in the municipality of Castiglione di Sicilia and Contrada Torre, in the municipality of Linguaglossa. The philosophy of “Tenuta Mora Winery” is one grape, one territory. Their main grapes are Nerello Mascalese and Nerello Cappuccio. The average age of vines sits at around 15 years old . Vineyards on the Etna feature extremely fertile volcanic soils at an altitude of 650-700 meters above sea level (2100-2300 ft), with important temperature variations between day and night considerably influencing the quality of the grapes. Other properties under the Piccini umbrella are Valiano in Chianti ClassicoVilla al Cortille in Montalcino, Tenuta Moraia in the Maremma Toscana, and Regio Cantinain the Aglianico del Vulture DOC zone of Basilicata.  They are passionate about Winemaking! 

Tenuta del Travale”  is located in Rovito, Cosenza, a thirty minute drive from the spectacular blue sea of the Tyrrhenian coast in Calabria.

Calabria is a wine region waiting to be discovered. Calabrian Wine has not received the recognition it deserves, even though the region of Calabria has a very long history of vine cultivation. The territory is gorgeous, but the economic problems of the region have prevented it from achieving its full potential. A goal that was pursued with determination by the owners of “Tenuta del Travale” , Raffaella Ciardullo and his husband Nicola Piluso. Today they run this stunning  estate revitalising the old territory.  They carry on the intent of defending the ancient Calabrian origin of Nerello Mascalese with one single label “Eleuteria” (there is  some evidence that Nerello Mascalese may be related to Mantonico Bianco, an ancientCalabrian grape). “Tenuta del Travale” covers two hectares of hilly terrain. Founded in 1993, the estate cultivates today only 2 varieties of vines, Nerello Mescalese and Nerello Cappuccio, from which are produced Red Wines with the IGP recognition

 “Vinoè” 20018 is not only a sensorial experience. It’s the perfect place where you can understand why the story behind each Wine in your glass matters. There’s the Value of Work according to human passion and effort. An example of Authentic Life to follow in the caos of these times!

Enjoy it ! 

Stefania

 

Cantina Benanti: un viaggio nel cuore dell’Etna. II Parte

Il sogno di visitare la Cantina Benanti in Sicilia si realizza per il mio compleanno,  l’08 Ottobre 2018. 

Più tempo passa più il vino è buono, e Giuseppe Benanti “ha 20 anni il resto è esperienza”, come lui dice. Giuseppe accoglie me e la mia amica Anna nel cuore dell’Etna, a Viagrande, nella sua cantina  con lo stesso sorriso del primo incontro al Vinitaly 2018. Io e Anna partiamo da Pisa e arriviamo all’aeroporto di Catania, noleggiamo una  Fiat Cinquecento e ci avviamo in albergo. Sistemiamo le valigie e ci dirigiamo in un ristorante nei pressi del Castel Ursino. L’aria è ancora estiva, e c’è tanta gente seduta fuori ai tavoli: ordiniamo vino rosso e carne di cavallo alla griglia, specialità di queste parti. Facciamo un giro per le strade illuminate del boulevard di Cataniavia Etnea,  e parliamo dei nostri ricordi legati alla città  e di come è a volte difficile stare lontani dall’isola. 

Colazione da Saiva, nota e storica pasticceria e tavola calda di Catania, con caffè nero bollente e due dolci enormi tipici della gastronomia siciliana

Cariche di energia per iniziare la giornata con la nostra visita alla Cantina Benanti. Giornata piena di sole, direzione Viagrande. Il tragitto da Catania è breve, dopo circa 20 minuti siamo nel regno di Giuseppe Benanti. Si apre un cancello in ferro battuto e vediamo un lungo viale alberato, ci incamminiamo ed è come essere entrati in un altro mondo. Lasciamo il caos di Catania per entrare in un’altra dimensione, un posto unico immerso nel verde, dove ogni cosa sembra essere messa al posto giusto. C’è un grande palazzo a due piani in pietra lavica, un giardino adiacente e Giuseppe è lì che  aspetta me ed Anna con il suo inseparabile amico Jo, un pastore tedesco affabile e cordiale, e una Magnum di “Noblesse”, bollicine di puro Carricante. Entriamo insieme nel vecchio palmento, antiche vasche scavate nella roccia e collegate da un canale, in cui avveniva la pigiatura dell’uva per produrre il mosto. Giuseppe spiega con un rigore quasi scientifico l’importanza di quel vecchio palmento e la sua funzione per la produzione del vino. E con una nota di melanconia ricorda i profumi del mosto di quando è piccolo, quando il nonno lo porta a pistare la racina  (pestare l’uva), e cita in dialetto catanese i versi dei canti dei contadini di un tempo che accompagnavano le fatiche e le gioie del fare il vino . Il palmento è rimasto integro, e da lì attraverso una porta a vetri si va al salone delle feste. Il salone delle feste è grande, con al centro un pianoforte a coda,  dei mobili di prestigio abbelliti  da specchi antichi e quadri di valore. Giuseppe ama, cura e celebra l’Arte e la Bellezza in tutte le sue forme, che siano  le sue vigne alle pendici dell’Etna o le tele secolari, che acquista e colleziona nella grande sala aristocratica, i cui personaggi enigmatici sono oggi alcune delle etichette dei suoi vini. Come quella che adorna il primo metodo classico di Carricante dell’ Etna nato nel 2003, il “Noblesse”. Si tratta del ritratto di un nobile misterioso, che Giuseppe trova  e rispolvera a  Palermo, che si fa risalire al periodo in cui Antoon Van Dick vive in Sicilia. L’atmosfera del superbo salotto è riscaldata dalla presenza di un camino, che immagino accesso, con intorno amici, curiosi che come me ed Anna sono lì in visita e parlano dei bei momenti e brindano come noi alla vita. E di calici al cielo Giuseppe ne ha innalzati, essendo un curioso di natura, dai mille interessi, non ultimi quelli per le auto d’epoca, traversate in moto degli USA, fotografia digitale. Slanci che si fondono in quell’energia unica  che respiri man mano che prosegue la visita della cantina verso la  sala degustazione. Questa è più luminosa. Ci sono tavoli, sedie spaziose e una gigantografia colorata, che, come i bei libri cartonati da collezione sparpagliati ovunque, hanno come soggetto l’Etna. Dopo si fa un salto nella cella dove dorme il vino, pieno di barrique e tonneau, che stanno li ad aspettare di finire il loro lavoro, e successivamente ci rechiamo nell’area relax, accanto alla magnifica piscina, da cui si vede il Monteserra.

Dopo un altro breve giro nel giardino della cantina, il brontolio dello stomaco ci suggerisce che è ora di pranzo.

Ci allontaniamo da Via grande in macchina per pranzare alla “Trattoria Scalo Grande”in un paesino di pescatori della costa catanese: gamberoni freschi, linguine alla vongole e quanto di più buono il mare di Sicilia può regalare al palato umano.  Siamo seduti con di fronte un panorama mozzafiato, sembra una scena di un quadro di Antonino Leto nelle sue rappresentazioni veriste della Sicilia: un mare blu cobalto, delle barche che ondeggiano e dei gabbiani che virando nell’aria sembrano quasi darci il benvenuto. Tornati in cantina  Giuseppe ci inizia alla magnifica degustazione dei Vini Benant, e fornisce dei dettagli sulla Cantina Benanti, sui vigneti, e in particolare sull’importante contributo di tutto lo staff aziendale, ed in particolare  quello dei due figli , Antonio e Salvino, a cui oggi è affidata la direzione. 

L’origine della famiglia Benanti è bolognese e va indietro nel lontano 1734. A quel tempo si chiamano “Benati”, poi grazie a un provvedimento regale, si chiede a un loro antenato di spostarsi in Sicilia e fare fiorire un ramo e al tempo stesso di cambiare il nome da “Benati” a “Benanti”. 

Sono da generazioni proprietari terrieri, dediti alla viticultura dell’Etna, che poi diventano anche imprenditori nel campo della farmaceutica, quando il padre di Giuseppe Benanti, Antonino Benanti, fonda a  Catania nel 1935  la  Sifi, una delle più importanti aziende al mondo  in campo oftalmologico.  Il vino è una passione di famiglia, trasformato da  Giuseppe Benanti, anche lui imprenditore farmaceutico, nella Cantina Benanti nel 1988 a Viagrande, versante Est dell’Etna. Giuseppe è a pranzo con l’amico medico Francesco Micale al Circolo del golf di Castiglione, “Il Picciolo”, Castiglione di Sicilia, desidera un gran vino rosso dell’Etna, ma niente di simile sulla carta! Giuseppe sceglie di valorizzare il territorio Etneo, da sempre comunque votato alla viticultura, ma non vuole solo la qualità, vuole l’eccellenza. Giuseppe inizia un progetto portato avanti assieme a grandi dell’Enologia: Salvo Foti, il  professor Rocco Di Stefano dell’”Istituto Sperimentale per l’Enologia di Asti” e il professor Jean Siegrist dell’ ’”INRA” di Beaune. Nascono le basi per produrre grandi vini sull’ Etna e si dà inizio alla svolta. Le vigne acquistate o gestite, nei comuni di Castiglione di Sicilia (Etna nord) e Milo (Etna est), sono già impiantate o vengono impiantate a Nerello Mascalese (Castiglione di Sicilia) e Carricante (Milo), i vitigni autoctoni del vulcano. Giuseppe scommette da  subito e  con decisione su tali varietà, effettuando circa 150 prove di micro vinificazione e valorizzando sia i tradizionali assemblaggi tipici della DOC Etna Rosso (Nerello Mascalese + Nerello Cappuccio) che i monovitigni, all’epoca una vera rarità. A metà degli anni novanta. Giuseppe collabora con coltivatori di Santa Maria di Licodia (Etna sudovest), mentre nel 1998, quindi dieci anni dopo la sua fondazione, l’azienda si espande anche sul Monte Serra a Viagrande (Etna sudest). Un lavoro pionieristico quello di Giuseppe e dalla fondazione della Cantina Benanti a oggi l’obiettivo dell’azienda vitivinicola è sempre lo stesso: portare in un bicchiere di vino rosso o bianco, tutto il Terroir dell’Etna. Il risultato : una produzione di vini autentici ed eleganti capaci di esaltare le diverse tipicità di più versanti e contrade della DOC Etna, oggettivamente differenti fra loro per esposizione, temperatura, altitudine, tipologia di suolo vulcanico, luminosità, piovosità, ventilazione, sistema di allevamento e quindi vocazione. Grazie alla passione e al genio di Giuseppe Benanti, l’Etna fa parlare  di “Rinascita” e successo. L’Etna diventa un nuovo distretto vinicolo d’eccellenza, attira altri produttori giunti in seguito nella “Muntagna”, ispirati dai traguardi ottenuti dalla Cantina Benanti negli anni ‘9o nella lavorazione del Carricante, del Nerello Mascalese e del Nerello Cappuccio. Nel 2005 invece l’azienda avvia una lunga ed importantissima sperimentazione che porta nel 2010 alla selezione ed all’ottenimento del brevetto di quattro lieviti autoctoni. Ancora oggi, esempio unico sull’Etna.

Nel 2012 i gemelli Antonio e Salvino, classe 1974, reduci da esperienze accademiche e lavorative di diversi anni all’estero e poi in Italia, accompagnano il padre Giuseppe Benanti in questa splendida avventura imprenditoriale. 

Antonio e Salvino portano energia e innovazione nella Cantina Benanti, mantenendo intatte la filosofia aziendale, cioè la valorizzazione dei Vitigni Autoctoni Etnei. I fratelli Benanti si  formano alla “International School di Ginevra” ed in seguito alla “European Business School ed all’Imperial College di Londra”. Un ricco percorso accademico, seguito da altre importanti esperienze lavorative formative nel campo della finanza anglossassone. L’idea di Antonio e Salvino è quella di portare i Vini Benanti in giro per l’Italia e il mondo, vini di alto livello pensati per tutti, e  non solo per esperti e palati sofisticati. Una tattica vincente che conferma il grande successo dei Vini Benanti nel mercato nazionale e internazionale. Antonio e Salvino portano avanti strategie molto chiare e pienamente condivise, ed agiscono da subito con grande decisione facendo scelte importanti, come quelle di seguito riportate:
• attribuzione del ruolo di Responsabile Tecnico Vigna e Cantina ad Enzo Calì,
enologo etneo dipendente della’Cantina Benanti dal 2004; 
• dismissione di alcune proprietà ed alcuni vigneti e terreni considerati non
strategici o non funzionali al progetto, con conseguente abbandono dei vini ad essi collegati;
• acquisto di ulteriori terreni e di vigneti, in parte anche da conferitori storici, ubicati in sotto zone di eccellenza sull’Etna a Rovittello e a Milo, due località
tradizionalmente importanti per l’azienda;
• avvio formale del processo finalizzato all’ottenimento della certificazione biologica per vigneti e cantina;
• effettuazione di importanti investimenti in cantina, con nuovi sistemi di controllo delle temperature, nuova strumentazione di laboratorio, una nuova pressa pneumatica, botti grandi in sostituzione di legni più piccoli, impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili;
• allestimento di nuovi e moderni spazi sia per lo stoccaggio e la movimentazione (circa 250 posti pallet) che per il lungo affinamento (circa 200 posti pallet) del vino imbottigliato, con impianti di condizionamento all’ avanguardia; 
• sviluppo di un’attività di accoglienza e degustazioni in cantina che ben presto
innalza lo standard sull’Etna e consente di interagire ogni anno con migliaia di
appassionati e professionisti del mondo del vino italiani e stranieri;
• ampliamento, rinnovamento e consolidamento della rete commerciale, composta da distributori e importatori specializzati in vini di eccellenza, oggi in grado di coprire circa quaranta mercati in circa trenta paesi nel mondo.
Antonio e Salvino portano a termine il  passaggio generazionale, ma il core business   rimane sempre  loro padre  Giuseppe Benanti !

La Cantina Benanti si estende per 20 ha, nei comuni di Castiglione di Sicilia, frazione Rovittello (versante nord), Milo (est) e Viagrande (sudest) più 10 ha in gestione a Santa Maria di Licodia (sudovest)

La produzione, altamente specializzata, oggi ammonta a circa 160.000 bottiglie (obiettivo nel medio periodo 190.000-200.000)

I Vini  Benanti prodotti: 

“Spumanti”:

“Classici”:

“Contrade”:

Single Vineyard”:

I Vini Benanti sono esportati in importanti mercati esteri, tra i quali spiccano gli Stati Uniti, il Canada, la Gran Bretagna, la Francia, la Scandinavia, la Svizzera, il Belgio, la Russia, l’Austria, Singapore, Hong Kong, la Cina continentale, il Giappone, l’Australia e la Nuova Zelanda, ricevendo apprezzamenti convinti ed unanimi e creando consenso tra gli appassionati e tra i professionisti, figure chiave nella divulgazione della conoscenza dei Vini Etnei.

Fra i principali riconoscimenti ottenuti risaltano quello di “Cantina Italiana dell’Anno”:

La Cantina Benanti è diventata un’azienda di nicchia specializzata nella produzione di vini dell’Etna, votata all’eccellenza qualitativa. I Vini Benanti esprimono appieno  il Terroir Etneo,  sono vini autentici, fatti per durare nel tempo ed accompagnare i piatti delle migliori cucine. Non sono vini alla moda, né puntano ad esserlo. Essi ambiscono invece ad entrare nell’élite dei grandi vini d’Europa. I Vini Benanti sono di grande carattere, tipicità ed eleganza capaci di emozionare e fare innamorare chi li beve e di essere ricordati nel tempo. 

.

Il vino non è un business è una passione, e la cosa più bella è condividere questa passione con qualcun altro per tirare fuori delle emozioni, e ricordarsi di queste per sempre. Ed ecco il mio regalo per il mio compleanno,  questa giornata in Cantina con il Cavaliere Benanti: non la dimenticherò mai, insieme al profumo, al sapore dei Vini Benanti.

La Bellezza della Semplicità. Per chi sa ancora apprezzarla. 

Enjoy it! 

Stefania 

Grazie Giuseppe per quello che SEI e FAI

Fisar : Degustazione Champagne 18 Ottobre 2018, Convento dei Cappucini,Pisa

Capodanno, Natale, il cuore di ogni festa è nelle bollicine  che salgono  brillanti lungo i  calici. Certo, oggi nei bicchieri possono fare splendida figura spumanti italiani o spagnoli, americani e perfino australiani, bianchi o rosati, secchi e dolci, ma all’inizio c’era soltanto lui: lo Champagne

Si tratta di un mondo affascinante, su cui non si finisce mai di imparare . Così per approfondire le mie conoscenze, e per bere oro liquido, partecipo alla Degustazione di Champagne organizzata dalla Fisar di Pisa  il  18 Ottobre 2018. All’interno della suggestiva Biblioteca del Convento dei Cappuccini di Pisa l’esperto Sommelier Luca Canapicchi  svela a un folto pubblico di partecipanti, tutti i segreti dello Champagne in modo semplice e coinvolgente: caratteristiche, origini, zone di produzione, differenze tra i piccoli e grandi produttori , legislazione , denominazioni, appellazioni. Mi auguro il mio resoconto su quanto apprendo, possa essere utile ai neofiti e possa offrire qualche spunto interessante per chi ha maggiore esperienza. 

10 Cose da sapere sullo Champagne 

1. Lo Champagne è diverso dallo Spumante: sono vini effervescenti ottenuti da diverse qualità di uva coltivate nel mondo e secondo differenti metodi di lavorazione. Un vino Spumante può essere dunque molto diverso per origine e tipologia. I migliori Spumanti, e non solo in Italia, hanno guadagnato la denominazione di origine geografica che ne garantisce la qualità e la provenienza. Un esempio è il Franciacorta, prodotto secondo un rigido disciplinare, o il Prosecco Spumante, oggi sempre più apprezzato; 

2. Lo Champagne è  coltivato nell’omonima zona , Nord Est Parigi, (34.000 ettari), divisa in 5 aeree: le Montagne di Reims  , la Valle della Marna  , la Cote des Blancs , la Cote de Sèzanne e la Cote des Bar (Aube);

3. Lo Champagne e il clima :  possiede aromi di eccezionale finezza perché nasce da grappoli maturati oltre il 49° parallelo, ultima frontiera a nord per la coltivazione della vite;  è questo il segreto della sua inimitabile eleganza, dell’armonico equilibrio tra la freschezza acidula del suo sapore e la calda dolcezza della sua alcolicità;

4. Lo Champagne e il terreno : ma le uve dello Champagne non riuscirebbero a maturare nel rigido clima continentale francese se il terreno (gesso, calcare, ecc… ) su cui sono impiantate le viti non avesse un sottosuolo che riverbera il calore del sole e che dosa alle radici l’acqua della pioggia, assorbendola quando è in eccesso e restituendola lentamente durante la siccità estiva.

5. I vitigni consentiti per la produzione dello Champagne sono tre: Pinot Nero (Montagna di Reims) che da Pinot Meunier (Valle della Marna) e Chardonnay (la Cote des Blancs); i primi due sono a bacca nera e conferiscono allo Champagne corpo e freschezza, il terzo è   bacca bianca e dona delicatezza ;  in misura nettamente minore, altri vitigni come Arbanne e Petit Meslier

6. Lo Champagne è ottenuto con il Metodo Classico/“Champenoise”, di cui le fasi principali sono : 

  • Vinificazione in bianco del Pinot Nero,  Pinot Meunier, e Chardonnay (Vin de Clair ) e  loro assemblaggio  detto Cuvée : i tre vitigni principali possono essere di diversa annata (se no si parla di Millesimato) e di diversa provenienza;
  • Seconda Fermentazione/Presa di Spuma (che avviene prima in tini e poi in bottiglia) per aggiunta  alla Cuvée di zuccheri e lieviti;
  • Affinamento a contatto con i lieviti, fondamentale per dare allo Champagne le note aromatiche;
  • Remuage (manuale o meccanico):  dopo il contatto con i lieviti avviene un  processo che consiste nel ruotare le bottiglie di qualche millimetro ogni giorno per far scivolare i depositi nel collo della bottiglia;
  • Dégorgement o Sboccatura: rimozione del deposito, raggiunta la posizione verticale, con il collo verso il basso ; 
  • Liqueur de Dosage o D’expédition : nella fase conclusiva, verrà aggiunto uncomposto spesso da zucchero di canna disciolto nel vino, in dosi variabili a seconda della tipologia di vino prodotto (Doux 50 gr/l ; Demi-Sec 32-50 gr/l ; Sec tra 17 -32 g / l ; Doux più di 50 g / l; Demi-Sec  32 -50 g /l;  Extra Dry tra 12 -17 g / l; Brut meno di 12 g / l; Extra Brut  0 – 6 g / l; Pas Dosé o Dosage Zéro con una concentrazione inferiore ai 3 g / l)

7. Tiplogia di Champagne

  • Blanc de Blancs, ottenute esclusivamente da uve Chardonnay;
  • Blanc de Noirs, ottenuto vinificando in bianco uve nere (Pinot Noir e Pinot Meunier);
  • Rosé, miscelando vino bianco o vino rosso, oppure da uve rosse vinificate in rosato;
  • Cuvée speciale, assemblaggio di vini eccezionale qualità (ogni Maison la chiama con nome diverso).;
  • Millesimato, è lo Champagne che dichiara in etichetta l’anno della vendemmia;
  • Grand Cru, è fatto con uve raccolte in vigneti classificati 100%;
  • Premier Cru, è fatto con uve raccolte in vigneti classificati tra il 90% e il 99%;
  • Monocru, preparato con le uve di un solo vigneto anziché con Cuvée. Molto raro

8. Dimensioni bottiglie Champagne

 

9. Storia/Leggenda dello Champagne: comincia con Pierre Pérignon, il  monaco benedettino che fu cantiniere e amministratore  dell’Abbazia di Hautvillers per 47 anni, dal 1668 al 1715, e che è universalmente conosciuto come l’inventore dello Champagne

10. Fatti importanti nella seconda metà dell’Ottocento per lo Champagne

  • Il chimico francese Louis Pasteur dimostra l’attività dei lieviti e il loro ruolo centrale nella fermentazione, gettando le basi per l’Enologia moderna. Negli stessi anni nasce l’Ampelografia, la scienza che studia e classifica le caratteristiche morfologiche dei vitigni, e l’Agronomia si orienta verso un approccio scientifico;
  • Madame Clicquot produce nel 1810 il primo Champagne Millesimato e inventa la prima Table de Remouage, una tavola che inclina le bottiglie, facendo gradualmente scivolare i sedimenti verso il collo della bottiglia, da dove possono essere rimossi per rendere il vino più limpido e prezioso; 
  •  Louise Pommery, alla morte del marito, gestisce  l’azienda di famiglia fondata nel 1858 che impegnata fino a quel momento nel commercio della lana, punta dopo alla produzione di Champagne. Louise Pommery ha successo, e in breve tempo il marchio di famiglia assurge ad un ruolo di primo piano fra le “Maison” della Regione; 
  • Nel XVIII secolo nascono le Grandi Maison : Ruinart, Moèt, Vander-Veken, Delamotte, Veuve Cliquot, Heidsieck, Jacquesson, Krug; il loro talento risiede nell’ elaborazione di Cuvée che riflettano immutabilmente lo stile caratteristico di ogni marchio attraverso l’assemblaggio di vitigni, Cru e annate provenienti essenzialmente dagli acquisti di uve presso i Vigneron (piccoli viticoltori) con i quali stipulano contratti di partnership pluriennali; 
  • 1882 primi  Sindacati e Associazioni di categoria che lottano per la difesa della denominazione e delle tecniche di viticoltura; 
  • Fine del XIX  secolo diffusione di alcune terribili malattie della vite come  l’ Oidio, e la Peronospora che si propagano in tutta Europa portando al grave danneggiamento di quasi tutti i vigneti;  in modo particolare per la più distruttiva, la Fillossera (un insetto giunto dall America che attacca le radici della pianta provocandone rapidamente la morte),  l’unico rimedio si rivela l’innesto di viti europee su portainnesto di vite americana, immune dal parassita; 
  • 1911 Scala dei Cru: Gran Cru (17 villaggi), Premier Cru (44 villaggi) e Cru (255 villaggi),  classificazione territoriale con cui  legalmente si certifica  la qualità delle uve costantemente più alta che nel resto della regione a Nord Est di Parigi, Reims, quella tradizionalmente più vocata per la produzione di Champagne
  • Legge sullo Champagne;  
  • AOC Champagne; 
  • 1941 nascita della  CIVC (Comité Interprofessionnel du vin de Champagne) ; senza queste azioni, “Champagne” sarebbe divenuto un nome generico, sinonimo di un metodi di elaborazione di vini effervescenti. 

La bellissima serata prosegue con la degustazione delle seguenti etichette, provenienti dai territori più rappresentativi e da produttori di rilievo nel panorama degli Champagne, in abbinamento a degli stuzzichini:

Ho davvero apprezzato la preparazione di Luca Canapicchi,  e soprattutto tutto ciò che di nuovo imparo da questa Degustazione di Champagne  unica ideata e ben orchestrata dalla Fisar di Pisa. Sorseggiando un nettare divino pregiatissimo con una storia lunga quasi 300 anni, ringrazio in modo particolare alcuni dei rappresentanti della Fisar di Pisa, Salvo Pulvirenti e Luigi Vaglini, che per l’accoglienza, e per darmi la possibilità di  scrivere un post su questa eccezionale esperienza nel mio blog sulle Bellezze d’Italia www.WeLoveItaly.eu . 

Enjoy it ! 

Stefania