Sorrentino Cantina del Vesuvio

“Io amo la luna, assai più del sole. Amo la notte, le strade vuote, morte, la campagna buia, con le ombre, i fruscii, le rane che fanno cra cra, l’eleganza tetra della notte. È bella la notte: bella quanto il giorno è volgare. Io amo tutto ciò che è scuro, tranquillo, senza rumore. La risata fa rumore. Come il giorno.”
Totò

Via Toledo 156, la porta per Napoli

Un racconto ha un inizio, una continuazione ed una fine, ma non quello del mio viaggio a Napoli, perché, come in uno breve di Čechov, non puoi scrivere in maniera regolare in quanto di regolare non ti capita nulla in questa città, che ti incanta e ammalia proprio come il canto della sirena Partenope , che la partorisce trasformandosi in scoglio per il dolore inflittole dal fallito tentativo di sedurre  l’insensibile Ulisse.  

La porta per Napoli me la aprono la bella e affascinante Roberta di Porzio, e  l’eclettico Salvatore di Vaia proprietari dell’ “In Centro Bed & Breakfast” sito in  via Toledo 156 Proprio da via Toledo, arteria principale di Napoli che ti porta ovunque e meta preferita degli viaggatori del Grand Tour (a cui sono sentimentalmente legata , scherzo del destino non so!), comincia la mia avventura. Avventura che però vi svelo a ritroso, partendo dal cuore del mio itinerario campano presso la “Cantina Sorrentino” nel Vesuvio (1281 mt) e il ristorante “Le Palette” a Capri sotto la guida dell’indimenticabile maître  stellato Gabriele Massa. Tutti questi sono dei personaggi singolari,  difficili da descrivere tout court per l’alto spessore del loro essere, del loro vissuto e dell’attaccamento incondizionato alle loro radici, e perciò riserverò a ognuno di loro un articolo per potere anche io rendermi conto in prima persona dell’esperienza unica di questi cinque giorni travolgenti a Napoli !

“InCentro B&B “, Via Toledo, 156, Napoli

2 Luglio 2020, Napoli. Mi sveglio  di buon ora nel mio “In Centro Bed & Breakfast” di  via Toledo 156  tra le lenzuola candide della mia stanza regale ‘Posillipo, letteralmente il mio “riposo dagli affanni” in linea con  il significato del termine greco “Pausilypon” da cui deriva,  che oltretutto firma anche uno dei quartieri più suggestivi di Napoli.  Questa suite infatti , che è un negativo dell’ingegno di  Roberta  realizzato  in positivo dalla maestria di  Salvatore , è il mio approdo dove gettare l’ancora per rilassarmi, tra gli arredi che la trasformano in una piccola barca che rimane ferma nel blu polvere delle sue pareti e sotto il soffitto sintesi di una vela illuminata in notturna . Abbandono il mio “In Centro Bed & Breakfast” , e mi avvio tra la folla per il mio primo caffè nero bollente a Napoli all’ “Augustus”,  uno dei suoi bar più storici; non mi faccio ovviamente mancare nulla sfogliatella alla ricotta compresa, emblema della ricca tradizione dolciaria partenopea. La voglia di vagare è più forte del caldo africano della mattinata e facendomi coraggio mi dirigo verso la vicina  “Metropolitana Toledo”, che già di per sé è un capolavoro,  con le sue maioliche azzurre fuoriuscite dalla testa dell’artista catalano Oscar Tusquets . Il design al servizio della funzionalità e viceversa per creare un museo all’aperto “al costo di una corsa in metro”, parafrasando il critico Achille Bonito Oliva: questo è il trend di un progetto di riqualificazione urbana della Napoli contemporanea, cioè quello di riportare l’arte nella vita quotidiana della gente, all’interno dell’ urbe per conferire un’identità ai “non luoghi” utilizzando spazi comuni dove si supera il concetto di decorazione. Giunta alla Stazione Garibaldi prendo la Circumvesuviana per vedere Sorrento e poi direzione  “Cantina Sorrentino”!

 

Storia della famiglia Sorrentino

Dopo un’ora in un regionale veloce e senza aria condizionata (il lato oscuro di  Napoli !)  sono a Sorrento . Percorro le viuzze del centro piene di negozietti di limoncelli e souvenir fino a Piazza Tasso adornata dalla statua del patrono Sant’Antonio Abbate , e  mi rifugio immediatamente all’ombra di un chioschetto per  rianimarmi dall’afa con una spremuta d’arancia ghiacciata.  Piazza Tasso è il  salotto di Sorrento che omaggia l’illustre e omonimo poeta Torquato Tasso,  che ha i suoi natali in questo paesino incastonato tra agrumi e acque azzurre cristalline. Subito dopo Corso Italia,  mi appare in tutto il suo  splendore Marina Grande, e appena affondo i piedi nella sabbia dorata socchiudo gli occhi ed  immagino Sorrento  come in cartolina frequentata da star del calibro di Sofia LorenVittorio De Sica Dino Risi.

Purtroppo visito Sorrento  di fretta perché raggiungo  Torre Annunziata  , dove mi aspetta sorridente e solare  Giuseppe Sorrentino   titolare della  “Cantina Sorrentino”  , che mi invita per un’intervista.  La fortuna premia gli audaci specie se entri nelle grazie del cosmopolita  Gabriele Massa che mi fornisce il prezioso contatto! Entriamo in macchina e pochi minuti dopo di tragitto, da lontano si scorge un agglomerato di case, che man mano che ci avviciniamo prendono forma: ci fermiamo a Boscotrecase il gioiello di Giuseppe  che dal 1337 , quando è poco più di un folto bosco detto  “Sylva Mala” con tre monasteri religiosi e una riserva di caccia angioina, successivamente  prospera in un delizioso borgo nel cuore del Parco del Vesuvio  a circa 250 metri sopra il livello del mare.  

Sorrentino Cantina Vesuvio

Sorrentino Cantina Vesuvio

Mentre guida  Giuseppe  mi parla dell’amore per la sua famiglia e della loro azienda la “Cantina Sorrentino”, che da tre generazioni produce vini di altissima qualità, olio, confetture, e il Pomodorino del Piennolo del Vesuvio D.O.P., un fiore all’ occhiello dell’agricoltura campana, orgoglio puro per la sua squisitezza tanto da essere perfino rappresentato nella scena del tradizionale presepe napoletano. Giuseppe  mi fa scendere dalla sua vettura che di bianco ormai non ha più nulla per via del polverone grigio che la copre per intero appena parcheggia davanti l’ingresso della cantina.  La tenuta consiste di 35 ettari di proprietà prospiciente  il Vesuvio che fa da sfondo al mio pranzo luculliano all’interno dell’elegantissima e minimale sala degustazione, un terrazzo in legno tutto a vetrate che si staglia sulla penisola Sorrentina, Capri,  Pompei e l’isolotto di Rovigliano, una fortezza costruita dagli aragonesi per difendere quei confini. Dalla cucina a vista gestita da mamma Angela Cascone, esce il menù del giorno rigorosamente a chilometri zero: una bruschetta rossa adagiata su un contorno di melanzane e zucchine grigliate, olive verdi, formaggi e salumi locali , degli spaghetti  sciuè sciuè , cioè in dialetto preparati veloci  con sugo di pummarola fresca , basilico e parmigiano, che ti mettono in pace con il mondo, e per finire una cocotte di parmigiana da urlo! Quelle pietanze sconvolgono i miei sensi e mi riportano per un attimo alla mia Sicilia, con cui Napoli condivide, oltre che la prelibatezza e la semplicità degli ingredienti di una gloriosa e acclamata gastronomia, una storia antica quanto l’uomo. Giuseppe è di una ospitalità disarmante, la sua professionalità e nobiltà d’animo è lampante, la respiri nell’aria in ogni gesto, in ogni parola spesa per conversare della sua vita, dei suoi affetti, del suo lavoro e dei suoi sogni che si intersecano l’uno con l’altro senza problemi chiudendo il cerchio della sua esistenza che è assolutamente felice. E come non esserlo in quel paradiso terrestre che,  come mi spiega Giuseppe davanti alla prima  bollicina di benvenuto, è  quel lembo di Eden rubato da Lucifero angelo del male e collocato poi nel Golfo di Napoli dopo la sua cacciata dal regno dei cieli. Quest’ultima è una perdita inaudita che addolora Cristo a tal punto che ivi piangendo irriga le viscere di questa terra mutando le sue lacrime soavi in vino, la “DOC Lacryma Christi”, punta di diamante della “Cantina Sorrentino” , che dal 1983 raggruppa tutte quelle viti secolari e indigene dei 15 comuni adiacenti al sinuoso vulcano che hanno una storia  che si perde nella notte dei tempi. Distratta di volta in volta dal suono assordante delle cicale e dalla suggestività di quei paesaggi infiniti che si confondono tra il Tirreno e la volta celeste,  rimango immobile ad ascoltare Giuseppe , che mi confida i segreti di un podere che da rustico e prevalentemente sfruttato per l’economia domestica nel 1800 è diventato oggi la “Cantina Sorrentino”, un’impresa agricola di importanza rilevante per la crescita e lo sviluppo di tutta la filiera produttiva, commerciale e turistica,  curata in ogni particolare, dove nulla è lasciato al caso.

Nonna Benigna

Il traino per la realizzazione di un business autentico per la  “Cantina Sorrentino” è nonna Benigna , che, classe 1953 e cresciuta a pane e vino, eredita dei possedimenti e , dopo qualche tentennamento nel cambiare rotta perché stanca della vita agreste, nel 1965 , quando prevale l’autentica sua vena di contadina esperta e savia, finisce  per organizzare tutti i suoi averi e quelli del marito per custodire e tramandare a prole e nipoti  i suoi tesori, dai vitigni autoctoni a tante varietà di frutta e ortaggi.  Da allora l’attività passa nelle mani del figlio Paolo Sorrentino che alterna giacca e cravatta in banca a guantoni da imprenditore agricolo.  Nel 1988 Paolo  intesta tutti i beni alla moglie Angela portando avanti un impero, che poi a partire dal 2001, è gelosamente e attivamente gestito dalle sue creature:  il più grande Giuseppe , senior manager e addetto alle pubbliche relazioni , e le figlie Benigna , l’enologa,  e Maria Paola , la responsabile marketing e comunicazione. A loro fianco si aggiungono nuove figure di esperti enoici da Bonaiuto Santolo e Marco Stefanini a Carmine Valentino, l’ultimo rimasto fino al 2010. C’è una forte identità in questa cantina, i  “Sorrentino” sono degli appassionati di vino e sono consapevoli della responsabilità che ricoprono, e la loro energia e competenza è devoluta al mantenimento degli elevati standard qualitativi del  vino vesuviano che, come tutto l’oro rosso e bianco delle cinte vulcaniche, oggi è di nicchia, ricercato in tutto il mondo e sicuramente molto di moda. Ci sono delle ragioni valide a tutto questo e ciò è da ricercarsi nella natura dei terreni e nelle caratteristiche pedoclimatiche dei vitigni aziendali, che si estendono in filari di un verde rigoglioso tutto attorno alla “muntagna” , come i napoletani si rivolgono affettuosamente e riverentemente al Vesuvio. Andiamo a capire il perché dell’eccezionalità di questo terroir !  


 

Il Vesuvio e il nettare divino

I vulcani esercitano un fascino misterioso. Sono montagne vive, mutevoli, in grado di fare affiorare in superficie l’anima calda del pianeta, e il loro ambiente circostante è di una suggestione ancestrale, che ci riporta agli albori del primo motore. I vini del Vesuvio  sono introvabili altrove, perché è un luogo magico e senza pari, pur tristemente celebre per la terribile eruzione del 79 d.C. che rade al suolo Ercolano e Pompei, oggi tra i siti archeologici più famosi e visitati del globo.

Tuttavia, il Vesuvio non è solo simbolo e testimonianza del passato, ma anche di come la vite dimora da millenni e fa da padrona nel Golfo di Napoli e nel suo entroterra sin dai primi insediamenti greci del XVIII secolo a.C. tra Ischia e Cuma. All’epoca degli antichi Romani, la Campania è rinomata per il ben noto “Falerno”, e anche quando la viticoltura si diffonde nelle nuove colonie dell’Impero, in particolare in Spagna e nel sud della Francia, i vini vesuviani si distinguono e sono richiesti per il loro valore indiscusso. Gli scavi presso la “Villa Augustea di Somma Vesuviana” (II secolo d. C.) stanno portando alla luce una dimora di campagna considerata il più clamoroso esempio di vinificazione dell’antichità, che ci conferma come la cultura e il commercio del vino è da sempre centrale in questi spazi vegliati da madre Vesuvio. Si tratta di un patrimonio enorme , una distesa di terreni lavorabili fino ad un massimo di altitudine che va dai 280 ai 780 metri, oltre i quali si trovano solo scenari lunari, una fonte di ricchezza custodita e regolamentata dal  “Consorzio Tutela dei Vini del Vesuvio” risalente al 2015. Quest’ultimo persegue l’obiettivo di migliorare la viticultura portandola al massimo delle sue potenzialità, rivisitando il sapere secolare per le colture di questi posti in chiave moderna grazie all’utilizzo della tecnologia per tutto ciò che serve a garantirne il pregio, il monitoraggio e favorire la sperimentazione, cosa che sta alla base della filosofia aziendale della cantina “Cantina Sorrentino” , che ne è membro attivo! Ma cos’è che rende i “Vini Sorrentino” così speciali come quelli che degusto davanti al panorama mozzafiato del Golfo di Napoli insieme a Giuseppe cantastorie e nume del Vesuvio ? La risposta è nei suoli vulcanici (tra i più vasti dell’Europa continentale con riferimento ai crateri esplosivi ancora attivi) da cui questi vini sono generati, la cui fertilità è conseguenza delle varie eruzioni nel versante sud -occidentale dove stanno i vigneti aziendali, che lo arricchiscono di minerali, pietre pomici, lapilli e potassio. Se a ciò si aggiunge un clima mite in inverno e caldo d’estate, e una posizione geografica che risente dell’influsso marino e di un’importante ventosità moderata dall’azione riparatrice delle catene montuose, si può intuire l’incomparabile tipicità di queste viti tra le poche a essere a piede franco grazie all’azione della sabbia, che le nutre e le ha difese dagli effetti nefasti della fillossera di fine Ottocento. Inoltre, alta porosità del sottosuolo e costante stress idrico costituiscono un’arma efficace contro gli attacchi di patogeni, favorendo così spontaneamente la conduzione biologica dei vigneti della “Cantina Sorrentino”, da cui sortiscono prodotti sani che vengono trasformati in modo naturale senza sconvolgere chimicamente le loro potenzialità. Ed è in questi strati di basalto che prosperano le secolari varietà autoctone vesuviane, quali CaprettoneFalanghinaCatalanescaPiedirosso e Aglianico , che formano il  “ Lacryma Christi DOC” , che secondo il recente disciplinare del 1983 può essere bianco, rosso e rosato. La “Cantina Sorrentino” rappresenta egregiamente il  “ Lacryma Christi DOC” con le sue tre linee aziendali “Bollicine”, “Classica” e “Prodivi”, trattando i vitigni vesuviani secondo le esigenze che richiedono quali: uso di appropriati sistemi di allevamento (da quello usuale della pergola a quello più recente della spalliera), accurata selezione delle uve, terrazzamenti , orientamento studiato dei filari , rese equilibrate , ed infine un lavoro impeccabile in cantina.

Lacryma Christi DOC Vini del Vesuvio

Incontrare Giuseppe è una buona stella, perché ho modo di assaggiare questi ricercati vini vesuviani attraverso alcune delle migliori  etichette della “Cantina Sorrentino” , create apposta per il piacere del palato e della mente:

  • “Dorè Lacryma Christi del Vesuvio Bianco Spumante DOC”: è in assoluto il primo maestoso tentativo di Metodo Charmat da  “DOC Lacryma Christi” a partire da Caprettone per il  90% e Falanghina per il rimanente 10%, come Giuseppe vuole sottolineare  chiamandolo apposta “Dorè”, ossia duplice ossequio  alla musica e alla grandezza reale di  Carlo D’Angio. Questo spumante fa affinamento per otto mesi in tini di acciaio con delle bollicine tanto fini da sembrare quasi evanescenti, ha un bel colore giallo paglierino chiaro, e sprigiona degli aromi fini e floreali, alla bocca ha un gusto etereo e fruttato, ed è perfetto da abbinare con antipasti e golosità di mare,  e  secondi di carne bianca;
  • “Benita 31 Caprettone DOC Bio 2019”: in onore della nonna Benigna, è un vino biologico di Caprettone in purezza. L’etimologia di Caprettone potrebbe fare riferimento alla forma del grappolo, che ricorda la barbetta della capra, oppure ai pastori suoi probabili originari coltivatori. A lungo  scambiato per il più affermato “Coda di Volpe”, il vitigno Caprettone viene alla ribalta nel 2014 con l’inserimento della varietà nel “Registro Nazionale delle Varietà di Vite (Mipaaf)”, catturando l’attenzione di tanti sommelier ed estimatori, che stanno contribuendo efficacemente al posizionamento del vino sulle principali piazze internazionali. “Benita 31 Caprettone DOC 2019”  è un bianco piacevole, deciso al naso con delle note minerali di grafite, mediterraneo nei sentori di finocchietto e timo e piacevolmente agrumato nei toni del bergamotto. Il sorso rimanda ad un’energia piena e succosa e con il suo finale lungo di note balsamiche di menta è l’ideale per calmare l’arsura estiva,  magari davanti a delle invitanti linguine allo scoglio;
  • “Vigna Lapilli Lacryma Christi del Vesuvio Bianco DOC Superiore 2018”: nasce da uve selezionate di Caprettone 80% e Falanghina 20% del vigneto “Vigna Lapillo” pieno appunto di lava e lapilli che si riflettono nella mineralità e grazia di questo bianco dal colore giallo paglierino, dal profumo intenso, che è corposo al gusto con sentori fruttati di mandorla, pesca bianca e pera. Se siete travolti dalla bontà di crostacei e molluschi, è il suo!
  • “Lacryma Cristi del Vesuvio Rosato DOC Bio 2018”: da  Piedirosso 100%  è il rosé per ogni tipo di banchetto, che dona piacere tanto alle papille gustative quanto alla vista.
    Un rosato dal colore cerasuolo che colpisce per la sua mineralità , il suo essere amabilmente fruttato, e  che  si presta a essere d’accompagnamento per arrosti di carne bianca, risotti, pesci tipici del napoletano, o per la classica zuppa di polipi servita con salsa di Pomodorini del Piennolo del Vesuvio D.O.P.;
  • “7 Moggi Vesuvio Piedirosso Bio 2018”: intitolato al “moggio” unità di misura agraria vesuviana corrispondente ad un terzo di un ettaro, questo rosso dal profondo color rubino è fuoriuscito dalle mani di papà Paolo che compra altra terra ove semina Piedirosso di cui questo rosso è fatto al 100% ; si presenta fruttato al naso e morbido al palato
    e la sua dolcezza  simile a quella del Pinot Nero gli consente di sposarsi con cibi molto diversi tra loro, come lasagnette di pesce azzurro e pomodorini, ma anche pizza e formaggi assortiti;
  • Lacryma Christi Rosso Vesuvio Bio 2016”:  proviene dai 500 m2 dati in gestione agli apicoltori , e da questo punto di alta salubrità dell’aria,  viene fuori  un rosso di  Piedirosso 80% e Aglianico 20%  , contraddistinto  da un forte  colore rubino e dalle sue inconfondibili  note di more; in bocca è molto asciutto e  leggero,  ma l’affinamento di 12 mesi in botte grande Allier di rovere sloveno ed altri 14 in bottiglia gli rilascia una punta di  piccantezza e liquirizia, giusto carni, paste e agnello.
Napoli nel cuore
Napoli nel cuore

Inebriata dai “Vini Sorrentino” mi incammino con  Giuseppe  all’interno del Parco del Vesuvio, la cui bellezza smorza di poco i fumi dell’alcol, perché  mi perdo tra le magnifiche vigne aziendali che abbracciano dei casolari  ristrutturati a Guest Houses  per la gioia dei Wine Lovers . I “Sorrentino” sanno trasmettere il Vesuvio con i loro vini, e offrono anche una superba  Bed & Wine Experience” a tutti quei viaggiatori che vogliono concedersi una fuga per connettersi con il proprio Io, lontano dal rumore, dal caos cittadino, da ogni pensiero, al fine di ritrovare quel senso di libertà che è facile recuperare in questo pianeta incandescente e selvaggio aggentilito dalla mano sapiente di chi ci abita e lo venera da millenni. I “Sorrentino” ti viziano dandoti la possibilità di essere coccolati dai loro servizi di gamma  “Vesuvio Inn” : da quelli più pratici quali transfer da e per l’aeroporto, porto , stazione e parcheggio gratuito, a quelli più sofisticati quali quelli di Horse Tours”, “Cooking Classes” e colazione a bordo piscina . I “Sorrentino” mettono a disposizione anche una depandance collegata alla cantina (in cui aprirà il loro prossimo ristorante ) che ospita delle camere deluxe che vi faranno innamorare di Napoli e che non vi toglierete più di dosso. Proprio come è successo a me! L’unica cosa che rimpiango é l’essere andata via così presto, ma il rimedio è tornarci !

Enjoy it!

Stefania

 

 

 

 

 

Spread the love