Cantina ‘Pietra di Tommasone’, Ischia

“…‘A primma vota ca nce sò venuto
‘ncopp’ a stu scoglio d’oro illuminato,
senza parola sò rimasto, e muto
pe chesta spiaggia me sò ‘ncammenato…”

Totò

Cantina ‘Pietra di Tommasone’, Ischia in un bicchiere!

La cantina ‘Pietra di Tommasone’  (tel. 081 333 0330) è stata  la mia porta per Ischia, quando   ho deciso di visitarla in un caldo weekend di fine Giugno. Ho avuto modo di  esplorare questa perla delle isole del ‘Golfo di Napoli’ grazie alle sue uve. Le stesse che insieme a quelle di altre 25 cantine campane  hanno contribuito alla creazione di ‘Mosaico per Procida 2022’.

‘Mosaico per Procida 2022’ è la  grand cuvée realizzata per  Procida in occasione della sua elezione a   capitale della cultura nel 2022 . Un progetto firmato da  Roberto Cipresso, winemaker di fama internazionale, e capitanato da Gaetano Cataldo , eclettico sommelier e direttore della ‘Associazione Identintità Mediterranee’.

Ancora una volta il vino mi ha fatto volare verso posti nuovi in Italia.  Per vivermeli attraverso la conoscenza di quelle anime che li abitano ogni giorno e che con il loro lavoro li magnificano. Per cui rotolate con me verso Sud leggendo questo articolo.  Capirete che ci sono segnali di intelligenza imprenditoriale condivisa , che fanno sperare che insieme si puo’ dare di più’.

cantina-del-mare-ristorante-lacco-ameno-pier-paolo-iovinelli

Il fascino di Ischia 

Come vi dicevo , la cantina ‘Pietra di Tommasone’   per me è stato un  viaggio infinito  per scoprire Ischia  . Quello che più mi ha colpito è stato il calore della sua gente, e il suo ricco patrimonio enogastronomico. Un mix atomico che ho sperimentato stando in compagnia di Pier Paolo Iovinelli , proprietario di Cantina del Mare’ . Questo è un famoso ristorante (tel.  081 1837 2339) in Via Roma, 20, 80076, a  Lacco Ameno ,  nonché partner esclusivo della bottiglia procidana su citata.

Pier Paolo Iovinelli è un Napoletano dal cuore d’oro che mi ha fatto da cicerone. Non solo. Non dimenticherò mai le serate trascorse nel suo locale intimo e raffinato, dove ho provato il meglio della cucina di Ischia.  E soprattutto non finirò mai di ringraziarlo per la sua  disponibilità nel perlustrare alcuni itinerari  sconosciuti di Ischia , di cui mi ha dato solo un assaggio.

Ischia, non solo terme!

Perdersi a  Ischia è un’esperienza da fare almeno una volta nella vita. Con i suoi 64. 000 abitanti Ischia  è , dopo la Sicilia e la Sardegna , l’isola più popolosa d’Italia. L’impressione che si ha una volta che ci si va,  è quella di essere proiettati in una dimensione particolare.

Voglio dire che a Ischia ci si  sente sempre in vacanza , pur restando all’interno di paesini organizzati come delle piccole città. In tutto sono sei  i comuni che fanno parte di Ischia , i quali si susseguono l’uno dopo l’altro in tutto il loro splendore:

Ischia  offre molto di più delle sue coste e dei  suoi rinomati centri termali. Ti inebria per l’arte, la cultura, e il suo grande patrimonio vitivinicolo, che la cantina ‘Pietra di Tommasone’   contribuisce  ad arricchire con i suoi nettari divini.

Ischia, la  piccola Hollywood di Angelo Rizzoli

E non finisce qui! Forse non sapevate che nel 1951 Ischia diventò una delle mete turistiche più ambite del jet set internazionale. Esattamente in questo periodo   Angelo Rizzoli, editore e produttore cinematografico, vi ci approdò con il suo panfilo. Da allora l’imprenditore milanese trasformò un territorio di contadini e pescatori in  una piccola Hollywood.

Ischia Angelo Rizzoli cominciò a girare film , costruire alberghi e centri termali. Quanto bastava per attirare personaggi famosi del calibro di Richard Burton, Liz Taylor, Ava Gardner, Charlie Chaplin, e  Duchi di Windsor compresi.

La fama di  Ischia continua ancora ai giorni nostri, perché è un posto chic in cui si può villeggiare in ogni momento dell’anno. Tuttavia essa  possiede anche un lato selvaggio. E ci sono dei luoghi nascosti  in  una vegetazione lussureggiante, che desidero scovare quanto  prima !

pietra-di-tommasone-cantina-ischia-lacco-ameno

‘Pietra di Tommasone’, un giorno in cantina a Ischia

Quando sono approdata  a Ischia Porto  il caldo torrido dell’estate è stato attenuato dall’aria condizionata della  hall della ‘ Locanda sul Mare’ , il mio  delizioso albergo  a due passi dal molo. Alla reception mi  ha fatto accomodare  la dolcissima  Olimpia De Angelis  . Questa signora tutto pepe mi ha accompagnato nella mia stanza posta al secondo piano di questa  centralissima struttura . Essa  è arredata con gusto  dai quadri dell’artsita Giuseppe Macrì   .

L’ ospitalità dei campani è davvero proverbiale. E quella di Giuseppe Andreoli    e Lucia Monti è stata indimenticabile. Marito e moglie mi hanno fatto sentire come a casa quando sono arrivata nella loro cantina ‘Pietra di Tommasone’ , sita in via Pro.le Lacco Fango, 144, 80076 , a  Lacco Ameno.  

Appena sono scesa dalla macchina, si è spalancato il cancello di un eden immenso. Giuseppe Andreoli e Lucia Montan mi hanno  accolto con un grande sorriso, facendomi girare in lungo e in largo la loro  straordinaria tenuta.

Alla fine della nostra camminata per le viuzze della cantina ‘Pietra di Tommasone’ , ci siamo seduti su una spettacolare terrazza con vista sull’azzurro del Golfo di Napoli. E ho avuto il piacere e la fortuna di ascoltare il racconto di questa magnifica e moderna azienda vitivinicola. Buona lettura!

‘Pietra di Tommasone’, la storia di un sogno diventato realtà a Ischia

La cantina ‘Pietra di Tommasone’ è davvero un luogo benedetto da Dio. Essa è immersa in una natura ancora incontaminata. Le sue radici affondano nel 1870. L’hanno messa su mattone dopo mattone  il bisnonno, il nonno e il padre  di  Lucia Monti. Questi sono rispettivamente: Pietro, Tommaso e Antonio Monti. Ognuno di loro contribuì in modo diverso alla nascita della  cantina ‘Pietra di Tommasone’ .

Pietro Monti ne costruì le fondamenta. Tommaso Monti, detto Tommasone’ per via delle grosse proprietà terriere, l’allargò e la battezzò.  Antonio Monti invece l’ avviò definitivamente  nel 1999, gestendo parimenti  la sua  ‘Osteria dei Centovini’ , una trattoria Italiana molto rinomata a Colonia (Germania).

Antonio Monti smise di importare vini per i suoi banchetti, e si mise a farli!  Questo perché desiderava tornare alle sue origini contadine per farle fruttare in patria. Come del resto si faceva da secoli in famiglia. L’ antico palmeto e un vecchio torchio che adornano la cantina  ‘Pietra di Tommasone’   , dimostrano  tuttora il forte legame della famiglia  Monti con la vite. Un legame che  non è stato cambiato, ma solo trasformato in meglio!

Pier Paolo Sirch e la svolta

Intanto Antonio Monti sposato con la teutonica Birgit, avviò le figlie Lucia e Barbara Monti in studi di settore. Successivamente per dare forma alle sue idee imprenditoriali, si affidò a importanti professionisti. Tra questi è da menzionare  Pier Paolo Sirch , luminare di agronomia, che gli fece una consulenza ad hoc per ottenere vini di prestigio.

A seguire ci fu  Renato Germini , direttore di ‘Agrotecnica Isontina’ . Questa  ditta friulana si occupò degli impianti aziendali , da quelli della vinificazione fino a quelli dell’ imbottigliamento. Da allora in poi fu tutto un divenire. Si attrezzò la cantina a regola d’arte, unendo il sapere antico alle tecniche più moderne.

‘Pitechusa’, l’antica Ischia

Con dedizione e sacrifici la cantina ‘Pietra di Tommasone’   finalmente vendemmiò per la prima volta nel 2004 . Ne vennero fuori  due vini straordinari , che sono :

Non c’è da stupirsi per la scelta del nome Pithecusa ( che da un termine greco significa ‘popolata dalle scimmie’ , anche se non è stata mai trovata traccia di questi animali in zona!). Quest’ultimo infatti era il vecchio toponimo dato a Ischia dagli Eubei, i greci che la colonizzarono. E che  tra le altre cose vi introdussero  la viticultura.

Ischia e il vino, un passato glorioso

Sin dai tempi più remoti nelle vene degli abitanti di Ischia scorre vino, perché esso insieme all’olio era una preziosa fonte di alimentazione. Cosa che è attestata del resto dal ritrovamento  nella necropoli di San Montano  nei pressi di Lacco Ameno della famosa  ‘Coppa di Nestore’  .

Su questa piccola tazza di 10 cm. risalente al VIII sec a. C è incisa un’ iscrizione che fa riferimento al consumo del vino nei banchetti. Un reperto archeologico tra l’altro fondamentale perché è una delle testimonianze più antiche dell’uso del Greco arcaico.

Il buio del Medioevo 

Il paesaggio di Ischia  è incorniciato dalle sue ordinate vigne , che degradano  dalle montagne  fino alle coste sabbiose. Inoltre esse , tra alti e bassi, rappresentarono una solida base per l’economia isolana per lunghi periodi storici. Alla profonda crisi agricola in epoca Medioevale,  subentrò una bella ripresa per i vini ischitani ( per lo più per i bianchi). Questi erano esportati con orgoglio nei principali mercati italiani fino in Dalmazia. E che dire del Greco di Ischia , che fu magnificato da Sante Lancerio, bottigliere di Papa Paolo III!

Nel XIX però la devastazione della fillossera determinò un cambio di rotta, favorendo a Ischia la diffusione della coltivazione del tabacco e di uve meno rappresentative del territorio. Tra queste il  Sangiovese, il  Barbera, e vitigni internazionali quali Merlot, Chardonnay e Cabernet Franc.

La rinascita enologica a Ischia

A questo si aggiunga il boom economico degli anni Cinquanta che distrasse l’interesse degli isolani (fenomeno dilagante in tutta Italia!) verso il turismo e l’edilizia, perché forniva un guadagno più immediato e proficuo.

Negli ultimi anni  per fortuna c’è stata una vera e propria rinascita vitivinicola a Ischia , che mira al recupero di uve autoctone, e alla ricerca di  una filiera di mercato ricercata e di valore. Tutto questo lo si deve grazie all’impegno di nuove generazioni di winemaker preparati e appassionati. Esattamente  come Lucia Monti e Giuseppe Andreoli  della cantina ‘Pietra di Tommasone’  , che stanno lavorando sodo per salvaguardare il  futuro enoico di Ischia.

‘Pietra di Tommasone’, il vino a Ischia oggi

Chi semina raccoglie! E se gli scaffali di ‘Pietra di Tommasone’  sono perennemente svuotati, si può stare certi che la strada è quella giusta.  Con una produzione di  120.000 bottiglie di vino all’anno, il trend dell’ esportazione aziendale  è orientato per soddisfare una clientela per lo più regionale.  Con delle punte comunque anche in Lazio e Puglia e uno sguardo proiettato verso l’Europa e Oltre Oceano.

Dal 2009 a oggi con i suoi ‘Pietra di Tommasone’   è una delle realtà vitivinicole più rappresentative di Ischia. In tutto  sono circa 17 ettari vitati di proprietà. Essi sono suddivisi in 15 parcelle di piccole dimensione distribuite tra Lacco Ameno a Nord, Forio a Ovest e  Sant’Angelo a Sud.

Tutti gli appezzamenti sono fertili, ma molti di loto sono ripidi e scoscesi. Per questo motivo per renderli coltivabili si ricorre ai caratteristici terrazzamenti detti in dialetto  ‘parracine’ , che sono  muretti a secco in tufo verde. Ci troviamo di fronte a un dedalo di poggi mediamente alti,  che in località ‘Monte Zunta’ sfiorano i 450 metri s.l.m.  Qui si pratica la  viticultura eroica, perché l’intervento delle macchine è praticamente impossibile.

‘Pietra di Tommasone’, una cantina biologica

La determinazione  di Lucia Monti e il know-how squisitamente partenopeo di Giuseppe Andreoli sono gli assi principali  del  successo della cantina ‘Pietra di Tommasone’  .

‘Pietra di Tommasone’  è  green , perché si pratica  un’agricoltura sostenibile. Per un rispetto totale e continuo dell’ambiente ifatti si seguono alcune regole rigide quali:

  • Trattamenti chimici nelle vigne solo in caso di danni irreparabili;
  • Ricorso ai diserbanti meccanici, insetticida bio, e funghicidi per contrastare i danni delle malattie più comuni dovuti all’umidità , alla peronospora  alla flavescenza dorata , e al mal d’esca ;
  • Riduzione al minimo del contenuto di anidride solforosa per i vini; questi sono imbottigliati in vetro leggero e imballati con un packaging eco-friendly;
  • Utilizzo di  silos in acciaio inox per la vinificazione dei bianchi;
  • Affinamento dei rossi  nel fresco  delle antiche grotte della cantina.

Cosa rende così speciali i vini di ‘Pietra di Tommasone’ ? Il terroir di Ischia!

Il segreto del carattere esclusivo dei vini di ‘Pietra di Tommasone’  è che sono fatti a Ischia ! Si tratta di un terroir unico, un equilibrio perfetto di fattori pedoclimatici che si può trovare solo qui:

  • La presenza del Monte Epomeo  ( 789 mt), un vulcano sottomarino sprofondato negli ultimi 130.000 anni. Incastonato come un cameo al centro di Ischia, esso arricchisce i suoli di magnesio, fosforo e potassio. Sostanze queste ultime che conferiscono una spiccata mineralità  ai vini;
  • Terreni per la gran parte collinari, ben drenati, mitigati dal mare e protetti dai monti. Per cui si generano rossi e  bianchi freschi, di ottima beva, dal gusto ricco, equilibrati in acidità e sapidità, e molto longevi;
  • Un clima mite, un’esposizione solare costante, e una ventilazione che attenuano l’umidità, e di conseguenza il rischio di gravi malattie per la vite stessa.

vini-tommasone-ischia

La degustazione dei vini di ‘Ischia Biancolella’ e ‘Ischia Forastera’

Durante il corso della mia giornata a ‘Pietra di Tommasone’  ho avuto modo di imparare molte cose sul vino di  Ischia . Per la mia degustazione ho scelto due vini simbolo di questa terra magica che sono:

  • ‘Ischia Biancolella Doc 2021’ : Questo bianco è fatto da Biancolella in purezza. Esso è un vitigno millenario e fiore all’occhiello di Ischia Originario della Corsica e diffuso qui dai Greci, il Biancolella è molto apprezzato e richiesto oltre oceano, specie in Australia e California. Al naso sprigiona odori di pesca gialla, e gelsomino. Al palato è consistente, sapido, con un finale tipicamente mandorlato. L’ideale per antipasti freddi con salse agrodolci, verdure, fritture di pesce, creme di verdure e carine bianche. Si sposa divinamente con il coniglio alla cacciatore, una delle ricetta locali più richieste dai buongustai;
  • ‘Ischia Forastera Doc 2021’  : Questo bianco è ricavato al 100% dal Forastera. Le origini di questo vitigno sono sconosciute . La sua presenza a Ischia è attestata dal 1800. Però per essere un ‘forestiero’ , si è ambientato benissimo . E pare che esso attecchisca solamente a Forio. Rispetto al Biancolella , il Forastera risulta essere più sapido. Al naso presenta sentori di frutta tropicale, pera Williams, e pepe bianco. Avvolge il palato, e si abbina bene con crostacei, e con gli spaghetti alle vongole.

I vitigni autoctoni  di Ischia

Ischia incanta per il  blu delle sue acque cristalline ,  il  giallo di un sol leone , ma principalmente per il verde dei suoi vigneti. . In questo scenario paradisiaco ‘Pietra di Tommasone’  coltiva i seguenti vitigni autoctoni:

I vini della cantina ‘Pietra di Tommasone’

Grazie a questa grande  varietà di uve autoctone la cantina ‘Pietra di Tommasone’  offre una variegata linea di vini bianchi  (il 70 % della produzione vinicola totale) , rosé (principalmente da Aglianico) , e rossi  . Tutti questi elisir sono etichettati dagli acquerelli di  Massimo Venia , che li illumina con il tocco delicato del suo pennello.

I vini della cantina ‘Pietra di Tommasone’ stupiscono per le loro peculiarità organolettiche.  Oltretutto il loro ottimo rapporto qualità prezzo fa riscuotere molti  riconoscimenti , come quello conferito al vino ‘Ischia Bianco Terradei 2020′ dalla guida ‘Berebene 2022’  .

E per gli amanti  delle bollicine la cantina ‘Pietra di Tommasone’  realizza pure spumanti fruttati , eleganti, e dalla piacevole acidità .  Essi sono confezionati con uve selezionate , raccolte a mano, e sono vinificati con pressatura soffice e fermentazione a temperatura controllata.

‘Ischia Banco Spumante DOC’  sotto gli abissi

‘Pietra di Tommasone’   vuol dire anche voglia di sperimentare, unendo all’istinto il rigore della ricerca scientifiche. Sulla scia di un vecchio esperimento fatto a Portofino dalla ‘Cantina Bissont’ di Pier Luigi Lugano , si sono calati negli abissi di Casamicciola (a 37 /40 metri di profondità):

Qual è la ragione  di tutto questo? Ha per caso a che fare con un piano specifico di marketing? Assolutamente no. Ci sono due valide motivazioni tecniche per invecchiare le bolle nelle acque salate di Ischia rispetto ad altri ambienti:

  • La prima è che  la seconda rifermentazione (24 mesi)  assicura meno contatto con la luce e una temperatura molto più costante;
  • La seconda è che c’è una contropressione tale da garantire un gusto e un perlage particolare e  intenso.

L’appuntamento per stappare il primo sughero sarà nel 2024. E non vediamo l’ora di assaggiare  i risultati di questa impresa faraonica che sta facendo molto rumore!

‘Cosmetica Tommasone’, i benefici dell’uva per la pelle

Le novità non finiscono qui. L’uva non è solo impiegata per avere dell’eccellente vino. Niente viene sprecato da questo prezioso frutto. E dal suo succo e dalla sua polpa Barbara Monti, sorella di Lucia Monti,  crea ‘Cosmetica Tommasone’.

‘Cosmetica Tommasone’ è una marca di cosmetici preparati nei laboratori di Torino e acquistabili on line . Questi comprendono :

Si formulano così dei trattamenti naturali, che hanno per l’epidermide:

  • Ottime proprietà nutrienti ;
  • Un effetto rivitalizzante, purificante e ringiovanente

Cosa c’è nell’uva che fa bene alla pelle?

I polifenoli dell’uva , come il resveratrolo, ci proteggono dai radicali liberi e contrastano l’invecchiamento precoce. Oltretutto oligoelementi e minerali, come il magnesio e il calcio, stimolano la circolazione sanguigna e rassodano il tessuto cutaneo.

Tantissimi centri benessere all’avanguardia hanno attivato la vinoterapia tra i loro servizi. E sono sempre più i brand che stanno imboccando questa strada. Personalmente ho provato ‘Vin Day ‘n’ Night’ , che è un unguento straordinario avere un aspetto luminoso, idratato e levigato.

cantina-pietra-di-tommasone-lucia-monti-giuseppe-andreoli-ischia

10 Motivi per scegliere Ischia !

L’unicità di Ischia  è nel sorriso dei passanti che incontri, in  una passeggiata in spiaggia, oppure  in  questi 10 punti di interesse da non farsi scappare:

  1. Castello Aragonese: questo castello è una fortezza greca rimaneggiata nel corso dei secoli, che è collegata al resto dell’isola da un  caratteristico ponte;
  2. Torrione di Forio: questo è un punto strategico dal quale venivano fatti gli avvistamenti dei nemici; per questo per gli ischitani è sempre stato simbolo di protezione;
  3. Chiesa del Soccorso di Forio: questa è la tipica chiesa del Mediterraneo,  tinta di un binaco candido e costruita  in cima a un promontorio. Dedicata alla ‘Madonna della Neve’ , raccoglie molti ex voto di prodi marinari;
  4. Borgo di Sant’Angelo: questo è un delizioso villaggio marinaro , che con il suo centro chiuso al traffico merita una tappa per una pausa caffè o per fare dello shopping ;
  5. Baia di Sorgeto:  questa baia è  una sorgente di acqua termale che incontra le correnti marine . Nonostante vi si accede attraverso  250 gradini, vale la pena farci un salto, specie quando le temperature sono miti;
  6. Spiaggia di Chiaia a Forio’: questa è la  spiaggia più grande e comoda di Ischia  . Essa dista appena 300 metri  da  Forio,  ed è  raggiungibile tranquillamente  a piedi;
  7. ‘Baia di San Montano’ : questa è una mezzaluna di sabbia dorata , ombreggiata a tratti dal Monte Vico. Qui è esattamente è dove  andare se volete allontanarvi dal rumore e dallo stress urbano;
  8. ‘Lungomare di Casamicciola’ ,  ‘Lungomare di Lacco Ameno’ ‘Lungomare di Forio’ : vi consiglio di fare due passi lungo questi 3 km di percorso che segue la silhoutte di  Ischia .  Potete   fermarvi per ammirare un tramonto o il famoso fenomeno del ‘raggio verde’ !
  9. Nitrodi: il ‘Ministero della Salute’  ha certificato le  proprietà depurative di questa sorgente , e le sue  capacità curative  contro  gastriti , ulcere,  e altre malattie dermatologiche;
  10. Parchi termali di PoseidonParchi termali di Negombo, ‘Giardini di Afrodite’‘Terme O’ Vagnitiello’ , ‘Terme di Castiglione’,  e Terme di Cavascura : queste terme sono un toccasana per la vostra  salute. Qui avrete modo di curare mente e spirito, divertendovi e togliendovi di dosso tutta la noia e la pesantezza  della routine quotidiana.

C’è altro da vedere e fare a Ischia ? Certamente! Ma non basta un fine settimana per afferrarne l’ essenza, di cui ho carpito qualcosa grazie alla cantina ‘Pietra di Tommasone’ . Per questa ragione a fine Ottobre farò nuovamente tappa qui. Per godermi tutto quello che Ischia  puo’ offrire , lontano dalle folle  dell’alta stagione turistica, esattamente come piace a me!

 

If you like my post, please subscribe to the socials of www.WeLoveitaly.eu :