Ca Avignone, cantina dei Colli Euganei

Ca Avignone, cantina dei Colli Euganei

Cominciano agli ultimi di giugno, nelle splendide
mattinate; cominciano ad accordare in lirica
monotonia le voci argute e squillanti.
Prima una, due, tre, quattro, da altrettanti alberi;
poi dieci, venti, cento, mille, non si sa di dove,
pazze di sole; poi tutto un gran coro che aumenta
d’intonazione e di intensità col calore e col luglio, e
canta, canta, canta, sui capi, d’attorno, ai piedi
dei mietitori.
Finisce la mietitura, ma non il coro.

G. Carducci

Cà Avignone, Cantina dei Colli Euganei

Un freddo fine settimana di un Dicembre del 2020 mi ritrovo alla stazione di Monselice, una pittoresca cittadina vicino Padova, nel Veneto. Mi allontano dai binari per cercare l’uscita dove mi attende Nicola Ercolino, che insieme alla moglie Antonella Sala , è responsabile della cantina ‘Ca Avignone’, presso cui trascorro  tutto il weekend. ‘Ca Avignone’, fiorisce otto anni fa grazie al prezioso sodalizio con Roberto Cipresso, enologo di fama internazionale a Montalcino, con cui ho iniziato l’avventura del mio wine reporting alla scoperta delle più pregiate ed interessanti aziende vinicole con cui collabora. Un viaggio anche questo che mi porta in un posto straordinario e mai visto prima, che mi dimostra ancora una volta, che un vino racconta un territorio e molto di più.

È quasi l’imbrunire. Tutto intorno è deserto per le disposizioni contro il  Covid 19, un virus che senza nessun preavviso ha sconvolto le nostre vite e  il pianeta intero con  tutte le terribili  conseguenze per la salute, l’economia, la socialità e la lista sarebbe interminabile. Il sangue però scorre ancora nelle vene e il mio auspicio è quello che tutti possano avere la possibilità e la forza di reagire, di considerare i propri comportamenti e modificarli in modo più efficace rispetto alle difficoltà innescate da questo morbo. Bisognerebbe assumere un atteggiamento positivo volto alla soluzione di un problema, piuttosto che all’autodistruzione nel dolore, che se momentaneo è umano e in qualche modo addirittura consolante, ma alla lunga risulta essere inutile e frustrante. Questa mia spedizione è diversa dalle altre, è catartica, introspettiva, è un tentativo per non spegnere del tutto il fuoco che hai dentro. E per alimentare questa fiammella che scalda, mi godo tutto, ogni istante, pure il silenzio rumoroso, manifesto di come tutto ciò che prima era normale adesso è un miraggio. Parafrasando  Goethe, vale davvero la pena “vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo”!

Ca Avignone, cantina dei Colli Euganei
‘Ca Avignone’, cantina dei Colli Euganei

Un po’ smarrita tra lo scroscio della pioggia e gli ultimi sbuffi dei treni che si arrestano al capolinea, mi guardo intorno, e la vista di una rocca mi lascia attonita con quel fascio di luci rosse che la avvolge  quasi a proteggerla. Una targhetta di fianco a una fontana mi informa che  in cima lassù si erge il ‘Castello Cini’, un complesso di  quattro nuclei principali (l’XI – XVI secolo) con annessa la massiccia torre fatta da Ezzelino III da Romano su ordine dell’imperatore Federico II di Svevia. L’ Italia! Non inizi neppure il cammino che già ti stupisce e ti lascia senza parole. Intanto mi avvicino al parcheggio, dove incontro Nicola  che mi viene a prendere in auto e mi accoglie con un sorriso smagliante che colora un po’ il grigiore di quel venerdì uggioso. Rotto il ghiaccio dei primi convenevoli, Nicola  mi mette subito a mio agio e mi accenna un po’ di sé e della sua famiglia durante il tragitto verso ‘Petrarca Holiday House’, il mio alloggio esclusivo di fronte i colli bolognesi. Nicola e Antonella sono una coppia d’imprenditori che amano  la natura, e dopo anni di lavoro e di giri per il mondo, hanno deciso di dedicarsi quasi del tutto alla loro attività di winemaker nella loro tenuta, ‘Ca Avignone’, incastonata come una gemma  nel ‘Parco dei Colli Euganei’, una delle prime aree verdi istituite nel Veneto nel 1989 .

I Colli Euganei

Vini minerali e di una eleganza sopraffina quelli che regalano i Colli Euganei, un paradiso di 52 vulcani , la cui origine geologica risale a 135 milioni di anni fa, quando il pianeta era spartito in due grossi blocchi divisi da un oceano ,che per tensioni crostali fecero innalzare la catena alpina. I Colli Euganei si generarono più avanti a causa di eruzioni vulcaniche sottomarine non del tutto esplose in superficie per il ristagno del magma. Si tratta  di  ‘laccoliti’ , come sono conosciuti in gergo tecnico , cioè una sorta di accumulo di detriti a forma di  fungo , che una volta emersi , si diversificarono in altitudine  (dai 53 ai 400 metri ) , di cui la massima è  quella del  Monte Venda (600 mt) . Un arcipelago di rilievi sospinti su dalla lava e rimasti tali   fino a quando il mare gradualmente si ritirò  innanzi alla Pianura Padana , che si  fece  spazio in seguito a processi  alluvionali.

Ci inerpichiamo su una stradina piccola e stretta che ci conduce a destinazione. Siamo ad Arquà Petrarca, una deliziosa e incantevole borgata medievale di poche anime, che con i suoi addobbi natalizi sembra quasi essere un presepe vivente, spoglio però di tutta la gente che normalmente sotto le feste affolla le sue contrade, riempiendola di allegria e spensieratezza. La salita ci porta fino al mio alberghetto attraverso un sentiero illuminato da dei lampioni. Il cancello fa quasi fatica ad aprirsi. I suoi intagli in ferro battuto picchiettano contro gli aghi dei pini fronzuti, che per il loro peso crollano su dei cespugli di rosmarino e capperi che adornano lateralmente quel raffinato casolare e preannunciano la mediterraneità di questa oasi sperduta nel deserto. Nicola  chiude la vettura e mi dà una mano a sistemare i bagagli davanti l’uscio, quando improvvisamente mi fermo a contemplare la bellezza del paesaggio. Dei piccoli faretti sparsi tra gli alberi di castagno e una coperta di stelle schiariscono il fondo valle, dove in mezzo a una nebbiolina fitta si scorgono i contorni di uno skyline ondeggiante, che dal mare Adriatico alle mie spalle gira in modo circolare attraversando tutti i piccoli villaggi dell’entroterra veneto per poi sparire nell’orizzonte infinito.  A distrarmi da quell’incanto lo scodinzolio di Lana, un pastore bianco maremmano che mi si struscia addosso, una guardia perfetta per i ladri, che con un fare goffo e docile mi invita a entrare in casa. Nicola  mi fa accomodare e mi sento in alta quota quando intravedo un bel piatto fumante di pasta e fagioli con delle porzioni abbondanti di: soppressata, pane in crosta, olive nere, parmigiano, evo in purezza, e un singolare taglio bordolese di produzione propria. Dopo essersi accertato che fosse tutto di mio gradimento e che non mi mancasse nulla, Nicola   mi augura una buona serata. Si scusa di non potersi intrattenere a lungo  e di una cena parca ,  casalinga , arrangiata  alla buona da Antonella  per le chiusure di Conte. Riduttivo esternargli che la sua classe e il gesto della sua dolce metà mi spiazzano, vorrei ringraziare, ma non serve molto, perché sarebbe un continuo, e capisco che la gentilezza e la generosità fa parte del loro modo di essere. Mi limito a salutare, in qualche modo farò per mostrare loro la mia riconoscenza.

Degustazione '3 Tinto', il taglio bordolese Italiano, a Petrarca Holiday House, Arquà Petrarca
‘3 Tinto’, il taglio bordolese Italiano,  ‘Petrarca Holiday House’ 

Con calma assaporo quel pasto luculliano finendo praticamente tutto. Nella pace più assoluta, ascoltando un po’ di musica jazz, mi accosto al camino stanca ma felice. Lo scoppiettio del fuoco mi coccola mentre leggo delle guide che mi anticipano i segreti di quei luoghi ameni. Le pagine di quei libri  sono ormai impolverate a furia di non essere più sfogliate dai turisti dopo lo scorso segno di una crisi economica imperante ovunque, che ha affondato tutti i settori senza esclusione di colpi. Sono attimi in cui rifletti su quanto sta succedendo di così inaspettato, crudele e quasi a i limiti dell’assurdo, e nell’animo avverto tutta la fragilità e la vulnerabilità dell’essere umano. Poi però mi riprendo rapita dalle immagini di qui volumi sul  Veneto  , sul   suo immenso patrimonio, artistico, culturale, paesaggistico ed enogastronomico.  Mi pervade un senso di libertà.  Quella è per me come un’ora d’aria dalla prigione, respirata in totale sicurezza per raccontare un’esperienza indelebile nella memoria, per condividere una storia di chi con molta tenacia e determinazione nonostante tutto, va avanti. Un inno alla collaborazione, alla solidarietà, alla fratellanza. Una promessa al reinventare in meglio noi stessi e la nostra presenza su questo pianeta, che è saturo e che, se non corriamo ai ripari, giustamente si ribellerà eliminando la nostra specie che di tutto il Creato è la più distruttiva. Un messaggio di speranza per chi sta soffrendo più di altri, per non arrendersi.  Un augurio affinché questa maledetta pandemia possa essere presto debellata, perché ce la stiamo mettendo tutta! Ed è l’energia di cui necessito, di cui necessitiamo, quella che mi piace trasmettere, perché come affermavano gli antichi greci πάντα ῥεῖ’’,  “tutto passa”. Spalanco la finestra per contemplare ancora un po’ quella meraviglia, che già a notte fonda è un teatro plen air. Due leprotti che giocano sotto gli ulivi, il susseguirsi di alture dai contorni non ben definiti e di vallate che accolgono minuscoli paesini con i loro tetti spioventi e qualche campanile che fa capolino da una luna gigante, la cui luce bianca si riflette fin dove riesco a vedere, sbiadendo man mano fino a sparire all’arrivo  dell’alba di domani.

Risveglio ad Arquà Petrarca

I galli cantano e mi svegliano. Scendo giù dalle scale della soffitta che ha accolto il mio sonno. Rimango ancora un po’ sotto il piumone infreddolita. Mentre il calore delle stufe si propaga nelle stanze, mi preparo un caffè nero bollente e dopo una doccia tonificante , il programma è quello di recarmi in centro ad Arquà Petrarca, che , posta tra il Monte Piccolo e il  Monte Ventolone, è  in assoluto la perla  dei Colli Euganei. L’incombere di una forte tempesta di vento mi fa cambiare idea, così esco fuori in veranda a inebriarmi dell’odore della terra bagnata prima che Nicola   venga a prelevarmi.

La fame vince sulle intemperie! A metà mattinata lo stomaco brontola e per farlo tacere, mi decido di cercare un bar nelle vicinanze per divorare un cornetto e scaldarmi con un cappuccino d’asporto! Per mia fortuna Matteo Zanato , il proprietario del residence, mi raggiunge per assicurarsi che tutto sia apposto e per scortarmi giù ad Arquà  a rifocillarmi . Matteo  è dispiaciuto di non avermi lasciato nulla di pronto da mangiare, e gli rammento che in quelle condizioni di restrizioni si è fatto più di un miracolo a organizzare il mio fine settimana per l’intervista. Matteo non può darmi torto, e più sollevato mi fa cenno di montare sulla sua jeep per mettere qualcosa sotto i denti. Mentre discendiamo giù per quelle viuzze ciottolate e venate dalle radici di tronchi titanici, Matteo mi dice sommariamente qualcosa su di lui, definendosi un self made man. Dopo aver  rinunciato  al ruolo di d-jay per una nota band musicale per portare avanti la baracca tra consorte e due bambini, Matteo eredita un podere dal padre e lo adibisce a b&b , offrendo agli stranieri lì in vacanza un servizio alquanto insolito quanto ricercato, quello della pesca dell’ introvabile pesce persico. Le stagioni primaverili sono una fucina di tedeschi che calano giù per divertirsi con lui nei laghi a bordo delle sue barche, che purtroppo al presente sono ormeggiate nel prato della sua dépendance per colpa della peste cinese!  Anche per Matteo è lontano il ricordo del suono di quel motore, che azionava con ottimi risultati la sua impresa concepita poco a poco con così tanto sforzo e devozione.  Matteo non molla, perché primo non ne ha voglia, secondo non può neppure permetterselo, per cui escogiterà un piano B! Intanto ci avviamo e dopo pochi minuti giungiamo ad Arquà Petrarca . Ci intrufoliamo in un bistrot per far colazione, siamo gli unici clienti, e al riparo dal freddo consumiamo in piedi delle paste al miele e un buon tè alla vaniglia.

Francesco Petrarca
Francesco Petrarca

Tra una chiacchiera e l’altra la mia attenzione casca su un imponente mausoleo che scorgo da un lucernaio, e  Matteo   soddisfa la mia curiosità, riferendomi che  quella è la chiesetta  di  ‘Santa Maria Assunta’, il cui sagrato, sito accanto al massiccio ‘Palazzo Contarini’ e ‘Casa Strozzi’ (esempi emblematici dell’architettura delle antiche famiglie patrizie veneziane), da secoli custodisce gelosamente le spoglie di Francesco Petrarca, il sommo poeta italiano. I suoi resti , alcuni  dei quali misteriosamente trafugati, giacciono all’interno di una tomba in pregiato marmo rosso di Verona , costruita dal genero Francescuolo da Borsano, il quale si ispirò ai sarcofagi romani e ai sepolcri più classici su modello di ‘Antenore’ a Padova. Usciamo per scrutare più da vicino quel monumento sacro, e con mesta reverenza tolgo alcune foglie ringrinzite da un’iscrizione commemorativa, che recita le ultime volontà del dotto Toscano: “Questa pietra ricopre le fredde ossa di Francesco Petrarca, accogli o Vergine Madre, l’Anima sua e tu, figlio della Vergine, perdona. Possa essa stanca della terra, riposare nella rocca celeste”. Matteo mi spiega che Petrarca per sfuggire all’epidemia che colpì Milano (coincidenza strana che mi fa quasi paura!) si trasferì prima a Padova,  e poi su invito dell’amico Francesco il Vecchio da Carrara ad Arquà, dove acquistò una villa del Duecento, adibita  ora a  museo , in cui si stabilì definitivamente insieme alla figlia e la nipote. Come narra una legenda, Petrarca esalò gli ultimi respiri (1374) nella quiete del suo giardino, mentre stava ultimando i suoi scritti. Petrarca  ha ribattezzato Arquà e  l’ha resa famosa,  un tempio per pellegrini da ogni dove, un turismo per lo più letterario  fatto di  scrittori  di fama internazionale, da Shelley, Foscolo, Guinizelli, Ruzante e D’Annunzio fino a Zanzotto e molti altri. Le lancette dell’orologio si fermano quando stai bene, non mi sono accorta che è già mezzogiorno, sono in ritardo perché devo andare in cantina da Nicola ! Per fortuna   Matteo  si presta gentilmente ad accompagnarmi.

Il Mediterraneo nella pianura Padana, Colli Euganei
Il Mediterraneo nella pianura Padana, Colli Euganei

Il passo a ‘Ca Avignone’ è davvero breve. Un sole leone inaugura il nostro ingresso nel possedimento di Nicola  e Antonella  , immerso in filari di vigne dal  verde sgargiante, dove ci danno un caloroso benvenuto, stringendoci così affettuosamente la mano da farci male! Dopo avere scambiato un paio di opinioni con  Nicola su dei fatti riguardanti dei vicini in comune legati a multe e vigili, a Matteo squilla il telefono.  Ci comunica rammaricato che si deve allontanare per degli impegni e il suo improrogabile torneo a golf. Antonella è una spumeggiante morettina dai lineamenti aggraziati, e il suo modo di fare è tipico di una donna determinata e realizzata. Percepisco questi tratti della sua personalità, sarà l’istinto femminile, ancora prima di approfondire la sua conoscenza, e ne ho conferma non appena perlustriamo la sua villetta. Mi colpisce la raffinatezza e la semplicità dello stile country chic degli esterni quasi in contrasto con quello ultramoderno degli arredamenti.  Un gioco equilibrato di opposti, ingentilito dai quadri e dai mobili shabby di Antonella , artista a tutto tondo quando sveste i panni di commercialista e mamma premurosa. Il bianco predomina, come il colore degli infissi delle due ampie vetrate all’inglese che abbelliscono una terrazza con pavimento in cotto, oltre la quale spunta un salone enorme ammobiliato con pochi pezzi importanti e minimali.  A sinistra del soggiorno c’è una scala che porta alle camere da letto, un caminetto, e una cucina total black con un’isola centrale, dotata di tanti di quei comfort e accessori da fare invidia a Cracco! Antonella , da brava chef, vuole essere da sola a preparare il banchetto. Chi osa contraddirla! Nicola  ne approfitta per mostrarmi il suo studio dove mi decanta come si è immolato a Dioniso.

 

I Vini dei Colli Euganei

Nelle mensole fanno bella mostra vari oggetti estrosi, orientaleggianti, tutti disposti in maniera ordinata. Penso siano dei souvenir, gli ultimi cimeli di un trascorso da globe trotter, e non mi sbaglio. Quella vita da affarista cosmopolita è stata appesa a un chiodo, a    Nicola   non  importa più, o meglio gli è servita fino a quando gli interessava.  In questo c’è la risultante del suo background   educativo, illustratomi con molta poca attenzione ai dettagli, perché Nicola   non è uno da riflettori, ma da dietro le quinte, va alla sostanza! Nicola  studia a Venezia e dopo una laurea in agronomia e un master in management, si dedica prima al commercio e  manifattura di gioielli  (importando dalla Cina la tecnica di vuotatura dell’oro sconosciuta in Italia), e dopo anni di spola tra l’ Asia e il Bel Paese,  passa a immettere nel mercato grosse realtà industriali locali. Annoiato e deluso dagli individui e dalle istituzioni che bramano solamente soldi senza altro fine, Nicola  fa della sua passione che è il vino  il suo business  principale , ed è così che nasce ‘Ca Avignone’, che da sette anni  delizia i palati dei più esigenti  wine lover / expert nazionali ed esteri. Difficile stare chiusi fra le mura domestiche quando una giornata frizzante quasi primaverile ti sprona a farti baciare dai raggi solari, e allora ci spostiamo nel davanzale e proseguiamo la nostra conversazione stando comodi su un divanetto all’aperto.

Snodandosi per circa quattro ettari e collocata a un’altezza di circa 1, 86 metri  ‘Cà Avignone’   è una cantina intitolata dalla via omonima in cui è ubicata al civico 13, zona rinomata per le sue terme frequentate dai papi. Le terme euganee sono attestate qui sin dalla preistoria, si sono progredite attraverso i Romani e i Veneziani  fino  a ciò che sono attualmente, un complesso di 13 stabilimenti, 220 piscine , con  una capacità ricettiva di 13.000 posti. Il bacino idrominerario dei Colli Euganei include i comuni di: Abano Terme, Arquà Petrarca, Baone, Battaglia Terme, Due Carrare, Galzignano Terme, Monselice, Montegrotto Terme, Teolo e Torreglia, per un’estensione complessiva di circa 23 Km2, costituendo una delle più stupefacenti risorse termali a livello europeo e una meta turistica di alto livello senza eguali in Italia. In base a delle ricerche degli anni Settanta, si è scoperto che la fonte di calore di queste acque termali non è vulcanico come qualcuno potrebbe immaginare, ma meteorico (precipitazioni). Queste acque provengono dai bacini dei Monti Lessini nelle Prealpi, e discendendo nelle Piccole Dolomiti (Monte Pasubio) si riscaldano automaticamente  , arrivando a toccare delle fratture di rocce calcaree a una profondità di circa 3.000 metri.  Appena sfiorano un basamento solido e impermeabile, queste acque si arrestano e si arricchiscono di sali minerali e altre sostanze disciolte nel loro lungo percorso a cascata.  Poi per pressione idraulica risalgono verso il mantello un po’ saline e leggermente radioattive ad una temperatura media di 75°C.

Gli Ercolini, vini di ‘Ca Avignone’, Colli Euganei

Sto prendendo appunti , Nicola  conversa animosamente, Antonella  si avvicina e si siede accanto a noi nelle poltrone in vimini e mi omaggia del  suo diario di bordo ‘Storia di un insolito viaggio sui Colli Euganei’, un  baedeker che narra i luoghi dell’ infanzia , l’  esodo  dalla città alla campagna, un resoconto su un passaggio significativo quello da un’esistenza frenetica a una più autentica e intima nei Colli Euganei . La coppia si apparta per imbastire la tavola, e nell’attesa divoro un capitolo sulla viticoltura dei Colli Euganei, che Antonella documenta con riferimenti al suo sopralluogo al ‘Museo del Vino dei Colli Euganei’ allestito a Vò nella sede del ‘Consorzio di Tutela dei Vini Euganei’ fondato nel 1972 . Scavi fatti a Este di reperti archeologici in terracotta, ciotole e coppe legati al consumo del vino, testimoniano come Bacco abbia trionfato da queste parti a partire  dal VII – VI secolo a.C fino all ’impero Romano , cadendo nell’oblio fino a  quando resuscitò grazie ai  monaci nell’anno Mille. Fu poi nel Cinquecento che entra in scena il re delle uve degli  Euganei , l’asiatico e dolcissimo Moscato Giallo , introdotto come ingegnosa alternativa alle spezie per le pietanze dei nobili dalle signore dei potenti governatori Veneziani quali gli   Emo Capodilista, i Selvatico, i Contarini e i Mocenigo ,  che circondarono i colli di sontuose residenze e li sanarono con sistemi di bonifica. Successivamente il Moscato Giallo fu selezionato come biotipo  dai viticoltori e da allora  coltivato fino a ottenere l’ambito riconoscimento della DOC nel 1994  e  quella di ‘Colli Euganei Fior d’Arancio DOCG’ o ‘Fior d’Arancio Colli Euganei D OCG’ nel 2011, baldante denominazione che riporta  ai profumi di zagara e di agrumi tipici della vite in  questione, che esplode in tutto il suo sapore  nella versione spumante, passito e secco. La denominazione include il comprensorio padovano di Arquà PetrarcaGalzignano TermeTorreglia ed in parte quello dei comuni di Abano TermeMontegrotto TermeBattaglia TermeDue CarrareMonseliceBaoneEsteCinto EuganeoLozzo AtestinoVo’RovolonCervarese Santa CroceTeoloSelvazzano Dentro .

Il terroir dei Colli  Euganei  (22 mila ettari) è di essenza vulcanica. Diversi orientamenti e altitudini (dai 50 a un massimo di 400 metri) qui favoriscono dei microclimi variegati e un clima quasi mediterraneo: inverni miti, estati calde, asciutte e buone escursioni termiche fra il giorno e la notte. La piovosità media annuale oscilla tra i 700 e i 900 mm con due punte massime, in primavera e autunno. L’umidità relativa è variabile tra la pianura e la collina, dove i valori sono notevolmente inferiori e si registra una temperatura superiore nelle giornate limpide e nelle prime ore del mattino  per il fenomeno dell’inversione termica. Per queste peculiarità i  Colli  Euganei sono ideali per la coltivazione della vite, situata prevalentemente in pendii e declivi che consentono il deflusso delle acque evitando i ristagni. L’alto pregio dei vini euganei è prevalentemente dettato dai suoli di queste montagne, che sono derivati dalla disgregazione delle rocce vulcaniche. Essi  hanno un buon scheletro, e sono ricchi di vulcaniti (rioliti trachiti, basalti,), rocce sedimentarie (biancone, scaglia rossa e marna), alluvioni (conoidi di deiezione, fondovalle alluvionale). Da questa varietà di microelementi ne consegue  l’eccezionale varietà dei vitigni :

Non si finisce mai di imparare.  Ma qual è l’X-factor dei vini di  ‘Cà Avignone’  ? Il terroir unico dei Colli  Euganei  e la mano sapiente dell’uomo!

'Ca Avignone' , Carboon Foot Print , vini green
‘Ca Avignone’ , Carboon Foot Print , vini green

Le etichette Cà Avignone, Carboon Foot Print

Nicola   da bravo sommelier , e con quella umiltà che appartiene solo ai grandi, desidera che esprima il mio giudizio da collega sui suoi nettari , che sono prodotti seguendo i principi più rigorosi sia della tradizione vitivinicola euganea che della innovazione tecnologica, un giusto compromesso tra passato e futuro per questa cantina di nicchia, che oggi vanta  un numero  di  circa 12 000 bottiglie annue.

Sì perché Nicola   e Antonella sono profondamente legati all’immenso patrimonio enologico regionale, e il loro obiettivo è quello di esaltarlo facendo dei vini esclusivi. Nicola   e Antonella desiderano sperimentare e hanno continuamente  meditato su quale fosse  per i loro vini quel qualcosa che facesse la differenza!  Eureka! La matassa si dipanò  quando i coniugi ‘divini’ riportarono  la faccenda a Sabrina, la locandiera de ‘Il Guerriero’, un ristorantino di Arquà, che li mise  in contatto con Roberto Cipresso! Love at first sight! Dopo una serie di ritrovi e colloqui vari, Nicola   e Antonella si affidarono all’esperienza pluriennale e di successo di Roberto da cui scaturirono strategie importantissime. Su tutte primeggia in assoluto quella del ‘vincere senza combattere’, ossia generare nuova domanda,  piuttosto che rimanere bloccato in una spietata lotta concorrenziale senza via di uscita ! Questa tattica di guerra acquisita dalla lettura di ‘Oceano Blu’, la bibbia di Cipresso, nella fattispecie un rivoluzionario manuale sul management di R. Castaldo , insieme all’abilità del sapere delegare agli altri  appresa da Antonella, è tutto quello che Nicola  mi confessa essere alla base della sua nuova visione di fare del vino un grande affare. Questa crescita , a cui aggiungo lo spirito critico e le doti dirigenziali di Nicola sviluppate nel corso della sua brillante carriera (perché personalmente non si attribuirebbe neppure una virtù!), hanno elevato lo standard che contraddistingue i vini della cantina ‘Cà Avignone’, per il  cui lancio sono state fatte alcune scelte cardinali che posso essere così sintetizzate:

  • Il recupero di terreni più adatti alle loro viti;
  • La perizia enologica di Andrea Boaretti, numero uno nella viticultura euganea;
  • Rispetto per l’ecosistema e piena sostenibilità della catena produttiva con vini ‘Carbon Footprint’, cioè fatti riducendo al minimo l’emissione  di CO2. Gli espedienti più esemplari per raggiungere questo traguardo pioneristico sono: l’adozione di vetri sottili e leggeri, tappi in canna da zucchero (che permettono di mantenere l’ossidazione stabile almeno per dieci anni), e Cor-ten per i pali,  un tipo di ferro  più affidabile dello zinco perché emette una patina di ruggine, che presenta un’ottima resistenza alla corrosione atmosferica. Certificata dalla società senese ‘Indaco 2’ ( specializzata nell’ individuare azioni migliorative di mitigazione e compensazione degli impatti ambientali), questa è tutta una metodologia imprenditoriale  che  non è certo dettata da piani di marketing , quanto piuttosto dall’esigenza morale di fornire beni ricorrendo a  fonti pulite e rinnovabili, apportando un contributo per risolvere problemi di considerevole attualità che riguardano l’intera società globale: dal riscaldamento del pianeta ai mutamenti climatici, dall’estinzione graduale della biosfera sino a rischi di assottigliamento della biodiversità.

‘Cà Avignone’ è dunque una cantina dal profilo green, con una politica ecologica che, includendo l’assenza di fitosanitari, diserbanti chimici, e di irrigazione per le loro viti (salvo situazioni realmente problematiche in cui è quasi impossibile non ricorre al rame e allo zolfo e al drenaggio dei terreni), può classificare i suoi vini come biologici, biodinamici e naturali.

Casa Ercolino, vini di ‘Ca Avignone’, ‘3 Tinto’ e ‘Cicale di Arquà’, Colli Euganei

Un certo languorino distoglie me e  Nicola  dai dotti argomenti enoici, traditore è il convivio e la piacevole compagnia. La fine della dissertazione quasi accademica è segnata dallo svolazzare di una tovaglia candida di lino che si srotola lentamente sotto i nostri occhi, su cui Antonella poggia un vaso smaltato di fiori freschi, una brocca d’acqua naturale, un servizio di porcellana e delle posate di argento. Una mise en place curata nei particolari che per gli Ercolini è la regola e non l’eccezione, quindi non una cortesia per gli ospiti, ma una pratica quotidiana, un rituale per manifestare gratitudine al Creatore. Inalo a polmoni pieni quel soffritto d’aglio che esala dalle orecchiette e cime di rapa, che di nordico hanno ben poco, un dubbio che Antonella percepisce subito e sfata sbottando ironicamente: ‘benvenuta giù a Nord! Nicola è di padre napoletano e io di madre calabrese!’ In quella frase è racchiuso il segreto di questa coppia straordinaria, temperamento latino e rigore teutonico in un bicchiere!  Eccovi i protagonisti indiscussi della mia prima degustazione sui Colli Euganei:

  • ‘Cicale di Arquà’: così apostrofato da Antonella per un voluto rimando al frinire delle cicale , un coro mediterraneo che in estate allieta i ritmi lenti dei Colli Euganei, un rifugio dell’anima che assaporo in un calice di questo prosecco ‘col fondo’,  Glera e Moscato al  5 % , che fa macerazione sulle bucce per 15 giorni. Per la sua spiccata struttura ‘Cicale di Arquà’ è paragonabile ai ‘sur lie’ della Francia o agli ‘Orange Wine’ dell’Est. Ancora giovane e torbido è un bianco complesso con bollicine fini, sentori erbacei e di pera,  sapido e morbido al primo sorso con una gradevole persistenza aromatica;
  • ‘3 Tinto 2019 ’: tre rossi come evoca l’etichetta. Un bordolese tutto italiano di Merlot , Cabernet e Carmenere, non filtrato e senza lieviti aggiunti, che pur essendo ancora del 2019, è maledettamente sofisticato al naso per i profumi di frutti di bosco e spezie, è al palato spicca per una contrapposizione calibrata tra morbidezze e tannini.  ‘3 Tinto’ è un rosso pronto, che darà il meglio di sé riposando al fresco e al buio.  Questo vino non può essere annoverato tra le DOC per un 5 %  Carmenere  acquistato di poco oltre i confini, una regolamentazione che se da un lato tutela i vini, dall’altro a volte è troppo ferrea e addio  nuove frontiere. Nicola  allude ai suoi sogni nel cassetto per cui è disposto a superare ogni ostacolo: fare un  Merlot  in purezza e un metodo classico, ma non aggiunge altro! Top secret!
Colli Euganei, mille motivi per esserci
Colli Euganei, mille motivi per esserci

Le nuvole sopraggiungono con l’imbrunire. Finite tutte quelle bontà, sparecchiamo, e andiamo a riposarci un po’. Quando sono nel mio cottage, sdraiata accanto al comignolo il vademecum di Antonella mi alletta allorché elenca tutta una serie di prelibatezze cucinate per dei suoi commensali, tramandate da generazione in generazione e fiore all’occhiello della cuisinè veneta. Lo ‘schissotto’ per esempio apprendo essere il ‘…tipico pane basso e stuzzicante preparato sui colli Euganei , usando farina, strutto-nei tempi andati le nonne mettevano il grasso d’oca-, un po’ di sale e un po’ di zuccherò’. E ancora un primo vegetale con  ‘i bisi di Baone’ , che è ‘…un risotto prelibato preparato con i piselli coltivati nel paese euganeo di Baone…’. Un secondo succulento a base di ‘…galinella alla canavera…’ che ‘…richiede assolutamente la gallina padovana…inconfondibile, è una gallinella molto bella, dalle piume lucide e da un caratteristico ciuffo di penne molto lunghe poste sulla testa …’, condita con ‘pissacan’ , che ‘…è del Tarassaco, un’ erba primaverile che ha al suo centro quei bei fiori gialli….chiamata così perché i cani se ne nutrono quando hanno bisogno di depurarsi’. Dulcis in fundo la crostata di mele, e mi sciolgo in ‘brodo di giuggiole’ , che è nientemeno il liquore di accompagnamento del dessert ‘…di Arquà, molto originale ricavato dai frutti del giuggiolo, che sa di mandorle e frutta secca’. Improvvisamente uno stato di totale e sana pigrizia prende il sopravvento, e mi accascio su dei cuscini morbidi, su cui poggio il viso e sprofondo in un dolce sonno ristoratore. Passa qualche ora e mi ritrovo insieme da Nicola   e Antonella  per desinare e gustare una grigliata di carne , e del gustosissimo radicchio avvolto da della pancetta croccante , il  tutto abbinato ai vini di ‘Cà Avignone’ e a un ‘Friularo’ del 1998  , un rosso simile al  ‘Raboso del Piave’, appartenente alla DOCG Bagnoli (comune di Due Carrare): colore granato, aroma di frutta rossa matura, caldo, con un tannino compatto ma non invasivo, pieno e persistente. Mi ricorda l’Amarone,  Nicola   infatti sottolinea che questo vino un po’ rustico se non troppo maturo, si vendemmia in Novembre dopo l’estate di San Martino, quando sui tralci si posa la prima brina, cosa che gli conferisce l’epiteto di ‘frigoearo’ , cioè ‘freddo’ dal latino  ‘frigus’ .  I fumi dell’alcol ancora non ci abbattono e sono abbastanza sobria per ammirare quel simposio circondata da un lusso smart, confortevole, tra il classico e l’urbano che non passa mai di moda e si fa notare! Trattata come una principessa, la mezzanotte scocca pure per me e mi ritiro nella mia corte con il cuore pieno di gioia che trabocca fino al mio ritorno in patria.

Bortolomiol Winery, Prosecco in Valdobbiadene

Bortolomiol Winery, Prosecco in Valdobbiadene

“One’s destination is never a place, but a new way of seeing things.”
― Henry Miller

A weekend in Valdobbiadene, Veneto 

It was my birthday and what a better present than having a weekend away and going to a wine tasting! While I was in Lucca shopping , I was thinking how best to celebrate my birthday, when Roberto Cipresso, my wine mentor and friend, called me for a get together. Roberto is an international winemaker, who at the age of twenty three moved from Bassano del Grappa to Montalcino, where he now lives with his family running his own winery ‘Winecircus’. When he realized that I was looking for something special to do for my birthday, he suggested visiting the ‘Bortolomiol winery’ in Valdobbiadene.  The ‘Bortolomiol winery’ is one of the most prestigious wine  companies he  deals with, and one of the most representative of the ‘Prosecco area’ in Veneto.  On the first weekend of October, I took the train from Pisa to Venice and then headed to Valdobbiadene, a quaint medieval village, its precious hills of Prosecco set in Veneto. Veneto is a captivating Italian region, full of attractions, and renowned for its wine. All around are dotted small terraced vineyards planted on the steep slopes and almost exclusively dedicated to Prosecco, the most famous of Italy’s sparkling wines. The Prosecco area is marvellous to visit at any time of year, though ideally between April and June, not only the weather mild, though also because there are many Prosecco-related events such as ‘Vino in Villa’ and ‘Primavera del Prosecco’ with fairs, markets, shows and exhibitions. It is now time for me to share with you my unforgettable wine experience , which  revealed yet another hidden Italian treasure!

It was Friday and I arrived in Valdobbiadene in the late afternoon. After I entered my accommodation in ‘Piazza Marconi’, I unpacked, had a shower and then an aperitivo with some friends in a small though elegant cafè. The weather was just right for a stroll in the historic centre of Valdobbiadene. Valdobbiadene may not be as popular as other cities in Italy though is a minuscule, charming tourist destination that is worth a visit. You will be surprised by some of the unique things you can do and the places you can explore.  Valdobbiadene  has been inhabited for over forty thousand years and the first written documents there date back to 1116, when it was conquered by king Enrich V, and in the following centuries by Treviso, the Ezzelini family,  Venice and  Napoleon before finally being annexed by Italy in 1861.  Valdobbiadene is surrounded by important churches, castles and colourful Renaissance buildings aligned to the main square, on which stands a bell tower and the massive ‘Santa Maria Assunta Cathedral’.  On Saturday morning after a huge breakfast and a strong coffee, I went walking along the narrow rural streets of Valdobbiadene for a couple hours,  immersing myself in nature and the green vineyards, whilst admiring the allure of autumn in the falling of leaves from the chestnut trees. The sun was shining and I felt relaxed, simply wondering in contemplation prior to my first sip of Prosecco at the ‘Bortolomiol winery’. Follow me on this Prosecco adventure in Veneto!

Veneto and  its Prosecco 

Veneto is famous all over the world for its Prosecco, unique in its style and taste. Located in the North-Eastern part of Italy, Veneto is a small region, full of landscape of steep hills, which in turn create incredible flavours in its wines.  The delightfully bubbly Prosecco we know and love today, whose name actually derives from the Slovenian word ‘prozek’ ,which means ‘path through the woods’, it  also pertains to the historical village of Prosecco, a suburb of Trieste, close to Duino, where Glera grapes originated and had been cultivated since Roman times.

Romans used the Glera grapes to make a tasty drink called ‘Pucino’, which apparently was the life elixir of Livia, the second wife of the Roman Emperor Augustus, as stated by Pliny the Elder in his ‘Natural History’ written in the first century BC. Since then up until the 18th century the cultivation of the delicious Glera grapes has spread around Northern Italy. The first written mention of Prosecco comes in 1754 in the book Il Roccolo Ditirambo’ by Aureliano Acanti, who wrote: “And now I would like to wet my mouth with that Prosecco with its apple bouquet”. In the 1800’s the academic Francesco Maria Malvolti referred to the quality of local winemaking in stating “thanks to varieties like Marzemini, Bianchetti, Prosecchi, Moscatelli, Malvasie, Glossari” . Malvolti also established the association between Prosecco and its region Conegliano Valdobbiadene.  Prosecco took its next major step forward when in 1868 Count Marco Giulio Balbi Valier cultivated a special grape variety he named ‘Prosecco Balbi’ and published a booklet regarding his important research. Moreover, in 1876 ‘Conegliano’s School of Winemaking’ was founded, becoming a milestone for both the entire winemaking industry and education regarding wine. The Romans may have enjoyed Prosecco, but it wasn’t until the 19th century when Antonio Carpenè subjected the still white wine to a second fermentation that Prosecco acquired its now lasting association with bubbles. Prosecco was going to be something major in the 20th century.  Until the years after World War II, almost all Prosecco was consumed locally, when  it then grew beyond the borders of Veneto and Friuli-Venezia-Giulia, resulting in the production of inferior imitations to the point where wine producers formed a ‘Consortium’ that would go on to create D.O.C.  Up until 2008, vintage Prosecco was protected in Italy as D.O.C.   (‘Controlled Designation of Origin’),  though in 2009 was upgraded to D.O.C.G.(‘Controlled Designation of Origin Guaranteed’).  The Prosecco D.O.C. covers four provinces in Friuli-Venezia-Giulia (Gorizia, Pordenone, Udine, and Trieste) and five in Veneto (Padua, Venice, Treviso, Vicenza, and Belluno). Two D.O.C.G’s.  fall within the D.O.C.: ‘Prosecco Conegliano Valdobbiadene Superiore D.O.C.G.’ and ‘Asolo Prosecco Superiore D.O.C.G.’. For the first, the wines are harvested on the hills between the two eponymous towns, while the latter is produced from its namesake town and is known for its exclusive Extra-Brut vintage (up to 6 grams of residual sugar per liter). The hills where the wine is cultivated are so steep that the vineyards can only be worked by hand, which only adds to the value of the wine. It should come as no surprise that  it is also a lovely place to visit.



In recent years, Prosecco has become very popular, especially in the UK. According to current figures, Britons spent more money in supermarkets over the holidays on Prosecco than on Champagne. It is a big affair for an appellation that didn’t even formally exist until 2009 as the shortage of Prosecco  in 2017 upset wine lovers across the globe!  Prosecco is getting more and more popular, probably because it is a luxury product like Champagne but has a much affordable price! Both Champagne and Prosecco are sparkling wines, though the similarities end there. Let’s go deeper into these differences as regards their terroir, composition, output, flavour, and tasting notes, Prosecco versus Champagne!

  • First thing, Champagne is a sparkling wine produced in the region of Champagne in  France, which is about 80 miles (130 km) Northeast of Paris. Only ‘Champagne’ can be called  ‘Champagne’! Prosecco is produced in the regions of Veneto and Friuli-Venezia-Giuliaclose to Treviso which is about 15 miles (24 km) North of Venice;
  • Champagne can be made as a blend or from a single varietal wine predominantly from Chardonnay, Pinot Noir and Pinot Meunier ; Prosecco is made primarily from Glera grapes;
  • The still wine of Prosecco and ‘Champagne’ are subjected to a second fermentation accomplished by adding a mixture of sugar and yeast, creating the CO2 which makes them sparkling, but is processed in a different way.  Champagne is made using a high-priced method known as the méthode champenoise’ or ‘traditional method’, which happens in the bottle, releasing complexity, texture and flavours like brioche and toast, especially as it ages. Prosecco undergoes the cheap and fast ‘tank method’ , meaning that the second fermentation happens in a single large tank. The tank method’ was invented in 1895 by an Italian, Federico Martinotti, a winemaker in Asti. In 1910, Eugène Charmat, a Frenchman, made some improvements to the process and patented it under his name. In Italy the process is sometimes known as theMartinotti method’, after its original inventor. There are other names for this process: ‘Charmat-Martinotti’, ‘Italian method’, ‘autoclave’ in Italian or ‘cuve close’ in French .This new winemaking technique allowed  sparkling wine production to be performed  in volume at a lower price and in a shorter period of time than any previous method . The method traps carbon dioxide to give the wine its bubbles and its distinct freshness. Due to the reduced contact between the yeast and the base wine produced by this method , Prosecco results in a fruit flavour profile more resembling that of the Glera grapes, which is associated with pear, apple, honeysuckle and floral notes;
  • Champagne encompasses a patchwork of soils endowed with unique characteristics such as the presence of chalk and limestone. Prosecco grapes are harvested on steep, mostly chalk and limestone hills west of Venice  and north of Valpolicella, with traces of clay, marl and marine sandstone.  These hills are situated  between the Dolomite mountains and the Adriatic Sea, a perfect position with a mild climate and plenty of annual rainfall;
  • A good-quality bottle of Champagne can cost between € 50  and € 300- whilst vintage bottles are  sold  for thousands of euros, whereas a bottle of Prosecco can cost as little as $12. The difference in price is partially due to the production method used to make each wine,  Champagne requires a more hands-on and money-intensive process and thus is more expensive!

Prosecco tends to be a little sweeter than  Champagne and, unlike  Champagne, should be consumed young as it doesn’t benefit from bottle aging. Prosecco was generally rather sweet up until the 1960s, after which it was processed better, leading to the high-quality dry wine produced today. Prosecco is now made in four different levels of sweetness: brut nature, brut, dry, extra dry, or demi-sec which is the sweetest.  Today there are 8159 wine estates, 269 sparkling wine producers and around 200 million bottles produced. The Prosecco area includes 15 communes distributed between Conegliano and Valdobbiadene in the province of Treviso and has extended into about 18 000 hectares of good quality agricultural land. Vineyards perch on the southern part of the region at a height between  50 and 500 meters above sea level. The most prestigious zone for the Prosecco production is Cartizze.

Bortolomiol winery, Valdobbiadene

 

Bortolomiol Winery

The  family-run Prosecco winery ‘Bartolomiol’ lies inbetween the hills of Conegliano and Valdobbiadene, the territory of the ‘Prosecco Superiore D.O.C.G.’, where it has been based since 1949. Here are the most prized vineyards for the production of this great sparkling wine, because the steep slopes make it difficult to mechanize the work traditional methods that are more than 200 years old are still used by growers in these hills today.

Conegliano and Valdobbiadene have been designated a ‘UNESCO World Heritage Site’ and are  at opposite ends of the region of Veneto, the first to the east the second to the west. With their different and varying microclimates, complex geologic history, and dedicated winemakers, both came to produce world-class sparkling wine. Conegliano is the site of Italy’s first winemaking school which opened in 1876,  the lands around lands around it carved by glaciers, which smoothed the rocky edges into rolling hills and left deep mineral deposits in the soil. The soil here is a mix of clay, stones, and sand, which yields grapes with more sugar and consequently wine with a persistent and intense fruity and floral aroma even with spicy notes. Valdobbiadene‘s hills in the west are by contrast rugged and steep. The soil here comes partly from ancient sea beds, a mix of marlstone, sandstone, and clay. Wines made from grapes grown in this area tend to be more floral while fruit elements can vary from citrus to sweeter white fruits. The two capitals are also the place where the first Italian wine route was introduced in 1966, now known as the ‘Prosecco and Conegliano Valdobbiadene Hills Wine Route’. It is a circular itinerary spanning approximately 90 km, which offers visitors the opportunity to explore traces of the local rural, civil and religious history , such as awesome vineyards, medieval hamlets, churches and castles.  Cartizze is an even more exclusive sub-designation of the ‘Prosecco Conegliano Valdobbiadene Superiore D.O.C.G.’, one  of the finest versions of Prosecco. The steep hill is known as the ‘Grand Cru’ covering about 107 hectares of the region. For producers in Prosecco, Cartizze is the most honoured area in the region and has witnessed unprecedented popularity all around the world. This south-facing hilly chain is always exposed to the sun, yet constantly catches a breeze from the north-east as well as cold air from the Alps at night which enhances the flavour of the grapes. The marlstone-sandstone soil here is old, but not as deep as that around Conegliano. The highest-quality and most sought-after wines come from this part of the D.O.C.G. region, partly because of the unique growing conditions created by the terrain. The tricky landscape is one of the reasons for the high quality of the grapes, as the steep slopes mean excellent drainage that keeps the vines healthy. The grapes that grow in Cartizze produce wines that are predominantly floral rather than fruity, and usually are made Dry (which is the sweet end of the Prosecco scale).

Saturday, 11 o’clock, Valdobbiadene woke up after a cold windy night with people crowded all around the streets and inside the shops. I went into a tourist office to ask for  information as to how to get to the ‘Bortolomiol winery’.  As it was ten minutes on foot from the historic centre, I decided to go there earlier than my booking at 14:30 ! I rang the bell at the gate, and not a soul was in sight ! After a while and to my relief, a tall, smart man came and welcomed me. It was Diego, who is responsible for the guest relation service. I tried to change the scheduled time of my tour, but he said he could not satisfy my request because it was against company policy.  I was so sorry ! Suddenly, he made a sign for me to go inside the winery and to wait for him there. I opened the brass handled door and fell in love with the big and smart tasting room full of visitors and great Prosecco labels. I sat on a comfortable red sofa and whilst I was reading a magazine, a polite and pretty hostess offered me a glass of a fresh dry white wine. After having greeted his last clients, Diego came close enough to me so that he was certain that no one else could hear  him while he attended to my needs !  Firstly, he was kind enough to invite me to lunch at the winery ,  charming my palate with hand-made bread , parmesan and ham paired of course with Prosecco! After lunch , Diego showed me a map of ‘Filandeta park’, which is home to the ‘Bortolomiol winery’, and he suggested that I go and enjoy myself before my official tasting in the afternoon! I thanked him for his kindness and headed toward ‘Filandeta park’ next to the bell tower of Valdobbiadene. This huge wood was once a silkworm factory, which was bought  and restored by the Bortolomiols as part of their business. The Bortolomiols have contributed significantly not only to the culture and economy of Valdobbiadene, but have also created a corner of paradise inside the municipality, a green space placed  at the disposal of all citizens and any pilgrim who wants to be involved in the real food and wine heritage of Northern Italy. The ‘Bortolomiol winery’ is located exactly in the centre of  Valdobbiadene surrounded by its vineyards inside the stunning ‘Filandeta park’, which is also an open-air wine & arts area. In fact, whilst I was there it hosted an incredible artwork collection by Giovanni Casellato and  Susken Rosenthal. There was a connection between their modern and abstract statues, illustrating the concept of freedom. Reading the plaques adorning these statues, all these sculptures are made of different materials and are a symbol of life and nature,  as well as an entreaty for us to be better human beings, elevating ourselves from earth to heaven in order to find our true path.  I appreciated a lot of what was around me, everything seemed to fall right into place. As the sky was turning grey and the air was getting progressively colder, I went back to the winery. I learnt  a lot about the history of the Bortolomiol family by scanning the  inner descriptive panels and black and white photos that hung on the walls of that magnificent building.  It goes like this! Giuliano Bortolomiol founded the winery in 1949. His father passed on to him a strong passion for  wine and the values of countryside. Giuliano was very young when he decided to attend the prestigious ‘Conegliano Wine School’. Soon after the Second World War, he decided that he wanted to realize an oenological rebirth in his homeland. Thanks to an improvement in production and quality of Prosecco, he has created  his own brand of a new prestigious Italian sparkling wine which would be become known throughout the world. Having obtained the ‘D.O.C.G. designation’,  his dream has come true and ‘Prosecco Superiore’, has become a wine beloved at international level. However, the winery owes its growth to his four daughters, Maria Elena, Elvira, Luisa, and Giuliana, who today together with their mother Ottavia run business with professionalism. In their father’s memory  the four sisters  made the ‘Cuvée Del Fondatore’,  which is one of their best Proseccos  . It is a ‘Valdobbiadene D.O.C.G. Prosecco Superiore Brut’ made from a  single-vineyard cultivated in San Pietro di Barbozza. However, what has set the Bortolomiol family apart is simply their love and their intense dedication to what they have done and still do . Their principles have remained unaltered since its founding, producing high quality products and supporting the promotion of their territory. The Bortolomiols also supports humanitarian projects in Africa such as those representing women rights and the fight against AIDS. Two centuries of tradition lie at the heart of the Bortolomiol family’s understanding and vocation for wine-making in Valdobbiadene, interpreting the varieties used to make their wine in the best possible way, planting the steep hills with hand-tended vineyards and developing a wine making process to enhance the aromatic characteristics , elegance, freshness and vitality which has made their brand stand out.  The Glera grape variety has found an ideal environment in these hills. It is in fact in this area that the variety has always performed at its best and it is from here that universally recognized quality has developed, the cutting edge of which is ‘Superiore di Cartize’.

Giuliano Bortolomiol
Giuliano Bortolomiol, ‘Filandeta Park’, Valdobbiadene

Top Bortolomiol Prosecco Tasting

There’s nothing better and more unconventional than enjoying a glass of classy Prosecco  in front of a fireplace in the lush open spaces at ‘Bortolomiol winery’ on a rainy autumn afternoon. Visiting the ‘Bortolomiol winery’ means that you give yourself the best opportunity of having a fantastic holiday discovering Veneto and tasting some of the finest Prosecco  varieties on offer.

Tasting Prosecco in that elegant room in the ‘Bortolomiol winery’ was really like being in a fairy tale. At two o’ clock a sommelier entertained us showing us a video regarding the history of the denomination, the land and how the whole family exploited their talent for winemaking from their beginnings to current days. Later the young wine expert informed us of some interesting detailed facts regarding Prosecco:

  • proper Prosecco must be made with at least 85% Glera grape and now  must be grown in UNESCO designated areas. Other grapes commonly added to Glera  include native varieties, such as Verdiso, Bianchetta Trevigiana, Perera, Glera Lunga and international grapes, such as Chardonnay, Pinot Bianco and Pinot Grigio;
  • The very best Prosecco has the O.C.G. signifier;
  • While iconic Prosecco  are sparkling, both the O.C. and D.O.C.G. versions can be made in sparkling, semi-sparkling and even still versions;
  • Unlike Champagne and other red and white wines, Proseccois a young wine that doesn’t like to be aged. By the way, recently a new version of  Prosecco  known locally as ‘col fondo’ has been launched onto the market. It is a Prosecco  refermented in the bottle, whose yeasts accumulate at the bottom (‘il fondo’ in Italian) producing a layer of sediment, that gives the wine a fragrant bread crust aroma;
  • Prosecco should be served cold in a tulip glass, as this design allows a little more space for easy swirling of the wine, and focuses the aromatic notes towards the nose;
  • Prosecco is one of the most versatile wines around. It is ideal for drinking at breakfast along with scrambled  eggs, a sweet tipple     in the afternoon to be served with  pastries and as a salty aperitivo or with a variety of dinners.

After my tasting of Prosecco  at the ‘Bortolomiol winery’, I realized that there is so much more to Prosecco  than just reasonably priced bubbles! It is not only the favourite aperitivo for Italians up and down the peninsula, though nowadays is also the most sold sparkling wine in the U.S., because it is refreshing, flavourful, light-bodied, and  (usually) dry. It is my pleasure to list below the best labels I discovered during my wine tasting at the ‘Bortolomiol Winery’:

  • ‘Bandarossa Valdobbiadene DOCG Prosecco Superiore Extra Dry Millesimato’: ‘Banda Rossa’ is the Italian for ‘red band’. Since 1986 Giuliano Bortolomiol has put this mark on bottles containing the best Extra Dry of the year to be consumed with close friends, and today this band indicates wines of a high standard. It is delicate sparkling wine, with a nose and fragrance of mature yellow apple with scents of sweet citrus and flower hints. Its perlage is fine. On the palate it is slightly sweet and creamy balanced by a nice acidity. It is perfect as an aperitivo and for serving with any pleasant and savoury dish such as mozzarella with marinated anchovies, marinated fish and stuffed artichoke;
  • ‘Superiore di Cartize’: The Cartizze hill is a genuine Grand Cru. It is a fragrant sparkling wine with a gentle and persistent perlage. It has a nose with an aroma of exotic fruit, hazelnuts and sweet acacia flowers. On the palate sugars are balanced, having a freshness, notable density and creaminess. This is a wine for special occasions which can be enjoyed on its own or as the perfect accompaniment to fine desserts;
  • ‘Extra brut Riserva del Governatore’: it is a kind of Charmat made from Pinot Noir and Chardonnay It is a very refined and dry sparkling wine. It is quite aromatic, crispy, of medium body with a long last. It goes perfectly with rich fried meat and fish dishes;
  • ‘Filanda Rosé’: Giuliano made his first rosé in the 1970’s, and his four daughters together with their mother made this rosè great, dedicating this wine to the noble women who worked in the Valdobbiadene silk mills, improving the whole area from anybody’s point of view. This wine is made from Pinot Noir of the Oltrepò Pavese – north west Italy. It is light pink in Its bouquet is fruity, complex, and floral. It has a nose that is spicy. In the mouth it is fragrant with a good body. It pairs well with exotic and tasty food;
  • ‘Canto Fermo Valdobbiadene Prosecco D.O.C.G. Tranquillo’: it is a non-sparkling Prosecco, basically a white wine made out of Glera grapes, traditional and very specific to the region. This ‘Prosecco D.O.C. Tranquillo’ offers a different kind of pleasure, more reflective and genuine. In contrast to the sparkling and semi-sparkling versions, ‘Prosecco Tranquillo’ has no carbon dioxide or residual sugars. It is fragrant, fruity fine and very tasty. Pairing foods: all kinds of fish, above all the more delicate dishes.
Bortolomi Prosecco,Valdobbiadene, 100 % Italian Top Quality and Charme
Bortolomiol Prosecco,Valdobbiadene, 100 % Italian Top Quality and Charme

There’s a whole lot you don’t know about Prosecco, from its fascinating history to the rare varieties and the best ways to drink it.  For example, Prosecco is a key ingredient in some worldwide known cocktails, from those which are prepared with ‘Negroni’, ‘Aperol’ or ‘Campari’ to the more easy going ‘Spritz’, ‘Ugo’ and specifically the ‘Bellini’, which was created in 1948 at ‘Harry’s Bar’ in Venice. Prosecco goes incredibly well with many Italian dishes and menus, and of course you’ll find Prosecco  in lot of venetian farmhouses, shops, and restaurants. Before going back to Pisa, I had a dinner in an intimate bistrò in Valdobbiadene , where I had a  Prosecco with an appetizer of  succulent ‘crostini’ seasoned with sorpressa (a traditional cured meat with spices and garlic added to it), and the highly acclaimed ‘risotto con radicchio di Treviso’ (rise stuffed with a lettuce leaf with a unique bitter taste, that can be used and cooked in countless ways). Are you hungry? If your answer is yes, hurry up, and start planning your upcoming trip. Veneto is still a relatively unknown area, which attracts many visitors keen to admire its beauty and who also want to find out more about this fantastic  Italian wine region. Make sure you get there first for an authentic experience like the one I had! 

Enjoy it! 

Stefania

 

 

 

 

Poggio al Sole, il buen ritiro di  Roberto Cipresso a Montalcino

Poggio al Sole, il buen ritiro di Roberto Cipresso a Montalcino

“…Se riesci a parlare con la canaglia
senza perdere la tua onestà
o a passeggiare con i re
senza perdere il senso comune.
Se tanto nemici che amici non possono ferirti
se tutti gli uomini per te contano
ma nessuno troppo.
Se riesci a colmare l’inesorabile minuto
con un momento fatto di sessanta secondi
tua è la terra e tutto ciò che è in essa
e quel che più conta sarai un uomo, figlio mio”
Rudyard Kipling

Un Incontro DiVino

Nulla è per caso, c’è sempre una ragione perché qualcosa accada. Incontrare Roberto Cipresso in qualche modo ti cambia la vita in meglio, perché riesce a indirizzare la tua energia verso quello che inconsciamente stai cercando di tirare fuori da tempo. Una sorta di segnale stradale che, molto sottilmente, indica una via da seguire, anche se non si sa dove porterà. Come un angelo che ti sfiora una spalla, un tocco lieve e la tua pelle è “marchiata” per l’eternità: lui torna a spiegare le sue ali e tu invece incominci a fare sul serio!

Una coincidenza fortunata o buona sorte, non lo so, ma ad oggi quella telefonata di Roberto prima di andare in ferie è un tassello di un mosaico di cui non ho ancora chiaro il soggetto. Qualche settimana fa inaspettatamente  e con mia grande gioia e stupore Roberto mi chiama, e vedendo il suo nome nel mio cellulare non credo ai miei occhi. Prima si complimenta con me del mio ultimo post sui “Garagisti di Sorgono”, figlio del caso nato lo scorso novembre, quando a una cena tra Sommelier  al “Nautilus” di Tirrenia, mi ritrovo per la prima volta davanti a Roberto. Una circostanza propizia insieme a lui, che mi incita a volare nel cuore della Sardegna alla scoperta di questi prodigiosi vignaioli . Dopo mi invita nel suo rifugio segreto “Poggio al Sole” a Montalcino, per darmi il grande privilegio di intervistarlo. Non è certo un treno che mi faccio scappare, quando mi ricapita! Complice ancora una volta la passione per il Vino, mi preparo per questa nuova avventura, felice di scandagliare da vicino l’anima di Roberto. Perché è da un po’ che cerco notizie qui e lì per avere una minima idea di ciò che questo eclettico Wine Globtrotter realizza nel nostro Bel Paese e Oltre Oceano, ma non mi basta. Non voglio stare in superficie, voglio toccare il fondo!  Avere un quadro completo di Roberto e del suo percorso umano, intellettuale e professionale è un’impresa bellissima, ma ardua. Immaginatevi di riuscire a indovinare alla cieca le percentuali dei diversi vitigni di uno  Châteauneuf-du-Pape , il celebre vino rosso francese fatto da ben 13 varietà di uve diverse sia a bacca nera che bianca. Non è una cosa che almeno io sarei mai in grado di fare. Ecco, è uguale con Roberto!  Faccio quello che posso! Bevo tutto d’un fiato questo calice per papi e lo apprezzo più nella sua nuda totalità che nelle sue singole parti complesse. Roberto un nome, mille stili e qualità! 

Poggio al Sole
Poggio al Sole

Poggio al Sole, Montalcino

Un  caldo Venerdì di Giugno e si parte. Un viaggio in macchina di circa due ore e mezza da Pisa lungo la Maremma toscana, tra colline, girasoli e casali antichi, circondati da un verde raggiante e un cielo turchino, che ti danno la risposta al perché hai scelto di vivere qui! Come Dante con Virgilio giunge al Paradiso, io  traghetto a “Poggio al Sole”, il buen ritiro campestre di Roberto, con Giorgia, la receptionist tutto pepe, che mi viene incontro con la sua auto a metà strada, prima che io mi perdessi del tutto. Se vuoi il meglio, il sentiero in cui imbattersi è sempre quello più complicato! Nonostante la mia guida poco brillante e un percorso tortuoso e poco agevole,  varco finalmente il cancello dell’eden attraverso un filare di cipressi alti e maestosi .

“Poggio al Sole” è un’esclusivo agriturismo immerso in due ettari di terra coltivati per lo più a Brunello e pennellati da una vegetazione dolce e avvolgente tra Castelnuovo dell’Abate , Sant’Angelo in Colle, e il Monte Amiata. Nel 1996 Roberto trasforma un vecchio rudere del 1700 in un resort di  5 appartamenti  rivolti ai viaggiatori e ai sognatori, che vogliono rigenerare mente e corpo, lontano da tutto e tutti. Sì, perché l’effetto di quando metti piede lì dentro è devastante, un silenzio che fa rumore, che ti pervade mentre fissi a guardare paesaggi che tolgono il fiato, mentre respiri aria buona, mentre senti profumi di ginestra, lavanda e rosmarino, e ascolti gli alberi parlare al primo fresco venticello che ne muove le foglie. Un’elegante residenza dal sapore antico dove ritrovare se stessi semplicemente rilassandosi e lasciare che tutto scorra leggero come un piccolo ruscello nel bosco. Si apre il sipario. Giorgia mi consegna le chiavi del mio appartamento “Il Sole”, entro nella mia stanza, poso le valigie, mi rinfresco, caffè nero bollente e mi affaccio alla finestra per ammirare la natura in cui “Poggio al Sole” è incastonato come una gemma preziosa .

Poggio al Sole
Poggio al Sole-Montalcino

Non solo Brunello

Non so descrivere esattamente il senso di pace interiore e di beatitudine provato, non ci sono parole adatte, bisogna esserci, niente altro. Il sole che scompare tra gli ulivi secolari e le buganvillee, e che cede il posto al tramonto, è uno spettacolo che ti intimidisce. Una luce soffusa colora d’arancione tutto quanto è intorno: le botti di legno sparse nel giardino, il gelsomino bianco,  i covoni di paglia, i  filari ordinati e i piccoli borghi medievali che si intravedono a distanza.

Rimango sul davanzale di un balconcino intrappolata in quella meraviglia. A distrarmi solo le lancette dell’orologio che segnano le venti, e mi ricordano che è ora di cenare con Roberto e la sua famiglia. Inizio ad affrettarmi e sto appena toccando con mano cosa vuol dire stare dietro Roberto, che è quasi impossibile, non ce la fai! Però tre giorni forse posso reggere. Mi ricarico con una croccante e gustosissima focaccia al pomodoro di una trattoria a pochi chilometri da “Poggio al Sole”, in cui ci rechiamo velocemente per la fame. Sono all’aria aperta intorno a una bella tavola  imbandita con Roberto, i suoi dolcissimi figli Matteo e Gianmarco, e Fabio il padovano, suo instancabile amico e collaboratore. Il caldo è asfissiante, siamo stanchi, e abbiamo la felice idea di metterci dentro il locale in cerca di aria condizionata, ma non ci accorgiamo che siamo finiti accanto al forno! Non si ha la forza di alzarsi e fare qualcosa, tranne che fare due chiacchiere per programmare il mio fine settimana e stare un po’ con Roberto, compatibilmente con i suoi  impegni ! Tra un boccone e l’altro provo a seguire la scaletta di Roberto per i due giorni successivi: sabato relax a “Poggio al Sole” per raccontarmi di lui e della sua incredibile esistenza,  domenica giro della sua cantina. Mi tranquillizzo, si può fare. Roberto mi  incastra tra un’appuntamento e l’altro della sua agenda, e con un sorriso che ti spiazza, ti dice che è contento e che non devo ringraziarlo. No comment! Roberto è fatto così, è pieno di entusiasmo, e corre talmente veloce che non si accorge di quanto sia straordinario, anzi meglio usare il lemma latino extraordinarius, letteralmentefuori dal comune”. Tra le altre cose oltre e  l’umiltà dei grandi, Roberto ha la capacità di farti sentire a casa e parte della sua famiglia, e ti sembra di conoscerlo da secoli. Un uomo di così grande spessore e talento, quando vuole, riesce a donare sempre sé stesso agli altri senza misura. Fosse una poesia Roberto, sarebbe “Se” di Rudyard Kipling, perché “riesce a parlare con la canaglia senza perdere la sua onestà, o a passeggiare con i re senza perdere il suo senso comune”. Ed è questo che più ti rimane impresso e che non dimenticherai mai. Quando Roberto parla ti incanta, e mi confida che lui è quello che è ed ha quello che ha grazie alla presenza costante e all’affetto immenso della moglie Marina, dei suoi bimbi, e di tutti coloro che quotidianamente lo supportano professionalmente in Italia e all’estero . E quando ti senti dire questo, ti auguri solo che al mondo di persone così ce ne possano essere un’infinità. Incredibile ma anche Roberto è sfiancato, e ci ordina quasi imperativamente che è ora di congedarsi. Si risale sulla sua jeep bianca e mi accompagnano gentilmente al “Poggio al Sole”. Li saluto e vado a dormire anche io. Prima di andare a letto vagabondo per “Poggio al Sole”, un regno incantato coperto da un manto di stelle, che  emana un fascino, e suscita di quelle emozioni, che ti toccano nell’intimo più profondo. Mi fa compagnia un calice di prosecco e Macchia, il gattino morbidoso della cascina. Mi addentro lentamente nei meandri della villa, fino a quando non scorgo tra le vigne una piscina sospesa nel buio della notte e illuminata da faretti che esaltano l’azzurro delle sue maioliche e ne definiscono i contorni. Voi cosa avreste fatto al mio posto? Bravi, mi sono lasciata viziare dall’acqua, in cui mi immergo per calmare la calura quasi africana, e da una improvvisa brezza estiva, che mi asciuga dolcemente. Quell’attimo eterno dura fino a quando non rientro in camera e mi faccio coccolare dalle lenzuola di lino bianco del mio letto. La mia mente vaga ancora fino a quando non la spengono fuori le cicale intonando una musica di sottofondo, che mi butta tra le braccia di Morfeo.

Roberto Cipresso
Roberto Cipresso

Roberto Cipresso tra Sacro e Profano

Mi alzo verso le cinque di Sabato mattina e fuori dalla persiana intravedo le sagome di alcuni contadini che stanno vendemmiando in piena campagna toscana. Un quadro di Monet. Riprendo a dormire ma nulla, e scendo giù aspettando l’alba sdraiata su un chaise longue. Chiudo gli occhi per un po’, e li riapro perché Macchia mi sveglia strusciandosi addosso con le sue zampette, quasi a ricordarmi che è ora di alzarsi. Mi tiro su con una abbondante colazione e non voglio fare nulla, solo assecondare i miei ritmi, tanto più tardi a scuotermi ci sarebbe stato Roberto. Così mi dedico esclusivamente a me,  godendo di quello che ho, non ultimo il libro di Roberto “Vino, il Romanzo Segreto”, che voglio finire all’ombra di una quercia al riparo dall’afa di un pieno mezzo giorno di fuoco!

Roberto nasce a Bassano del Grappa nel 1963. Dopo aver terminato agraria nel 1987 si reca a Montalcino  per un incarico di lavoro, e si dà tre mesi per il suo soggiorno. Ormai ubriaco di Vino e della maledetta Toscana, che ti frega appena ti accoglie senza farti andare più via (ne so qualcosa!), Roberto si trasferisce in pianta stabile nella Città del Brunello. Durante la sagra del Tordo a Montalcino, appena ventenne, Roberto, da bravo alpinista qual è, pianta la bandiera rossa e gialla (guarda caso stessi colori di Bassano ) del suo nuovo quartiere di Travaglio in cima alla Torre del paese, un gesto che fa diventare questo straniero uno del posto. Sin da piccolo Roberto è un fanatico della montagna, perché gli insegna ad andare oltre, superando ogni  paura,  ma con la consapevolezza e la saggezza di non sfidare mai i propri limiti.  Motivo per cui dopo l’ incidente di un’arrampicata , decide di dedicarsi solo ed esclusivamente al Vino e ne fa il suo mestiere. Da subito Roberto collabora con alcuni dei più importanti produttori locali e già negli anni ’90 è direttore aziendale di “Ciacci Piccolomini d’Aragona”, cantina con cui ottiene i suoi primi successi:  il “Brunello Riserva 1988” e il “Brunello Vigna Pianrosso 1990” (elogiati ampiamente dalla stampa specializzata internazionale e protagonisti abituali delle più importanti aste di vini pregiati a New York, Chicago e Londra). Parallelamente inizia l’attività di Winemaker presso alcune tra le più importanti cantine italiane. La tensione faustiana di Roberto nei primi anni della sua gioventù è inarrestabile, una sete di conoscenza, di azione, di conquista del bene, che lo portano dritto al successo. Goethe dice che  “l’uomo erra finché aspira”, e  Roberto traduce perfettamente alla lettera la massima dello scrittore tedesco! C’è dentro Roberto un’inquietudine che si porta dietro sin dalla nascita, che lo protende a oltrepassare la linea d’ombra, non esiste nel suo vocabolario la parola “fermarsi” ma affermarsi! Parallelamente alla nascita dei celebri e blasonati Supertuscan, nel 1995 Roberto crea il vino “La Quadratura del Cerchio”, un’ idea completamente nuova e per molti aspetti rivoluzionaria. Nelle sue diverse edizioni ci sono tra i Terroir più potenti ed espressivi del nostro panorama viticolo, che  si combinano in un unico blend, all’interno del quale i requisiti propri dei singoli componenti si esaltano l’uno con l’altro anziché ottenebrarsi a vicenda. L’eredità di questo percorso, è adesso raccolta dal progetto “Cipresso 43” che Roberto condivide con il fratello Gianfranco, e che vede la sua realizzazione nella sua cantina/incubatore del “Winecircus”, alle porte di Montalcino. Poche chiare e importanti regole caratterizzano il progetto “Cipresso 43”: Roberto mescola solo uve di vitigni autoctoni coltivati all’interno del 43° Parallelo, provenienti da vigneti di proprietà e conduzione, con totale vinificazione nella sua cantina, con pratiche di viticultura sostenibile, con rese contenute (1 pianta, 1 bottiglia), e continua ricerca in collaborazione con le più importanti Università. Il 43° Parallelo, situato tra l’Equatore e il Polo Nord, è un itinerario enologico che passa attraverso i Continenti e le Regioni più Vocate ed Espressive della Vite, zone che hanno dato forma alle principali fasi dell’evoluzione della Viticultura dalla Mesopotamia agli USA. In Italia il 43° Parallelo tocca la Toscana, l’Umbria e le Marche . Pur essendo ateo, Roberto è convinto che ci sia qualcosa di ultraterreno nel 43° Parallelo, e non può negare il contrario, se è vero che lungo questo binario si snodano le principali capitali dei pellegrinaggi più leggendari, da Santiago di Compostela alla Grotta di Lourdes, dalla Francescana Assisi a Medjugorje. Quella di Roberto è una visione ambiziosa e globale del concetto di Terroir , che a fine secolo scorso scandalizza l’intellighenzia dello Stivale al pari del taglio della tela di Lucio Fontana. Esattamente come l’artista argentino che muove il suo capolavoro avanti lo spazio e fuori da ogni cornice fisica, Roberto esce fuori dai comuni canoni per vinificare e anela all’Oro Rosso. I suoi primi tentativi non lo lasciano soddisfatto, come quando fa un blend improbabile di Schioppettino del Friuli, Montepulciano d’Abruzzo e Sangiovese di Montalcino. Roberto cambia direzione dopo avere letto un trattato di André Tchelistcheffdel, agronomo e biologo russo, padre della viticoltura californiana, a cui oggi gli americani nella Napa Valley hanno dedicato una statua. Su insegnamento del suo maestro Roberto abbina il Sangiovese al Primitivo di Manduria e thumb up! Non è facile, è una battaglia che diventa guerra! Roberto lotta per  trovare le armi e le tattiche giuste per essere più che un vincitore un bravo stratega nel fare Vino. Roberto non smetterà più di sperimentare, studiare, farsi aiutare da professionisti , Università ed Enti del settore, ed esplorare. Roberto ha sì il suo porto a Montalcino, ma si muove come un marinaio dall ’Argentina, a Venezia, dall’Armenia a Bassano del Grappa. In ognuno di questi anfratti sperduti e lontani del Nuovo Mondo e Vecchio Mondo Roberto, con l’aiuto di altri impresari, ha sempre avuto il goal  di valorizzare il più remoto dei Terroir e dare vita a Vini di carattere, che esprimessero al meglio l’identità di un preciso fazzoletto di terra dimenticato da Dio. Dal Malbec argentino (“Wine & Spirits” ha definito il vino “Achaval Ferrer Finca Altamira 2010 “ il miglior Malbec del mondo” per l’anno 2013) alla Dorona veneziana, al suo progetto di inserire Bassano del Grappa tra le Città del Vino, Roberto acts local and thinks global! 

Roberto Hits Parade

Prendete fiato , non è ancora finita! Nel 2000, in occasione del giubileo, Roberto esegue la Cuvee speciale per il Papa. L’anno successivo l’ ”Associazione Italiana Sommelier” organizza presso l’hotel “Cavalieri Hilton di Roma” una serata dedicata interamente ai suoi vini.

A partire dal 2002 viene chiamato, sia in veste di relatore che come ospite, a numerosi convegni e conferenze nel mondo organizzati dai più prestigiosi enti, Università, testate specializzate e operatori del settore, intervenendo a Valencia, New York, Bruxelles, Berlino, Düsseldorf e nelle più importanti località italiane. Nel 2004 l’ esordio in radio di Roberto , anno in cui collabora con “Rai Radio Due” alla trasmissione “Decanter”. Dal  2006 al 2009 inizia a scrivere e pubblicare i suoi tre libri:  “il Romanzo del Vino”, che vince il Premio Veronelli, “Vinosofia”, e “Vineide”.  Su forza , ancora un po’ di attenzione, ci sono ancora gli svariati riconoscimenti di Roberto, ma niente panico, ne elenco solo qualcuno, perché se no Google mi blocca! A partire dal 2007 Roberto viene insignito del titolo di: “Uomo dell’Anno Categoria Food” dalla rivista “Men’s Health”, “Enologo Italiano nel mondo” al “Merano Wine Festival”. A febbraio 2010 viene eletto “Accademico Corrispondente all’ Accademia Nazionale di Agricoltura di Bologna”, mentre ad Aprile  Roberto incontra il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano e riceve l’incarico da “Città del Vino” della Produzione del Vino Speciale per il 150° Anno dell’Unità d’ Italia. Stop, perché la lista è troppo lunga! Vi dico solo che uno degli ultimi obiettivi di Roberto è quella di fare assaggiare il pianeta in poche gocce! Da moderno alchimista Roberto presto eseguirà una cuvée unica nel suo genere, fatta da barrique di Argentina, California, Georgia, Italia e Spagna, che saranno spediti e poi lavorati negli USA. Un vino planetario etichettato spiritualmente  “La Luz”, un mix di cinque continenti, che insieme esalteranno le loro identità piuttosto che oscurarsi a vicenda. Un piano molto ambizioso, degno di un visionario qual è Roberto, che non smette mai di mettersi in gioco. Sono agli ultimi capitoli del libro e mi rendo conto di come Roberto sia uno di quei pochi che ha avuto è ha tutt’ora il coraggio di inseguire la felicità.

Roberto Cipresso

Grigliata Argentina a Poggio al Sole

Neppure finisco di rifletterci su che è già l’imbrunire. Roberto mi chiama per bere del prosecco nel pergolato con lui e gli altri commensali prima di un’ appetitosissima grigliata di carne argentina in abbinamento ai suoi migliori Rossi tra i quali:

Con Roberto non ti annoi mai. Gli altri ospiti, Simone, la  moglie Cristine e il loro piccolo Pablo, sono  simpaticissimi e riempiono di allegria la tavolata, che Roberto continua ancora a rifornire di verdure scottate al carbone e morbidissimo pane fragrante. Simone e Cristine sono una coppia di liberi professionisti che sono lì per fornire a Roberto le loro preziose Anfore in Ceramica prodotte dalla loro ditta “Demetra”  a Vicenza. La loro discussione  sulle tecniche di conservazione del Vino nelle Anfore è interessantissima. Mi spiegano che per le loro Anfore usano la  ceramica , perché questo materiale permette al Vino, mentre riposa, di mantenere integre le proprie qualità e caratteristiche, grazie alla sua capacità di essere impermeabile, resistente e isolante. L’efficienza del Nord al Centro Italia funziona! La voglia di fare dei Veneti, la loro creatività, la loro costanza, ti spiega perché sono tra i migliori in Italia in fatto di produttività economica. C’è sempre da imparare, e io ero nel posto giusto al momento giusto tanto quanto l’indomani in occasione della visita della splendida cantina di Roberto.

Winecircus

Pochi giorni fa scompare un grande scrittore Italiano, nato in Sicilia, la mia isola, il suo nome è noto in tutto il mondo, sto parlando di Andrea Camilleri, per intenderci la mano che regala le vicende del commissario Montalbano. Andrea Camilleri lascia un vuoto nella cultura italiana e in tutti noi. Mi colpisce in TV la risposta che il Camilleri Nazionale dà alla domanda dell’intervistatrice, l’arguta comica palermitana Teresa Mannino, in merito al suo impegno di essere scrittore e mi viene in mente Roberto . Roberto è in queste poche righe, cioè il trapezista che è in Andrea Camilleri: « …lo vedi che fa il triplo salto mortale col sorriso sulle labbra, la leggerezza, e non ti fa vedere la fatica bestiale dell’allenamento, perché se te lo facesse vedere rovinerebbe il godimento che tu stai provando. E allora qui mi diverto, capisci? Non è un lavoro…».  Non mi dilungo sulla comparazione, perché come avrete intuito, è in sintesi la capacità di Roberto di avere trasformato ciò che gli piace di più nel suo pane quotidiano. 

Ciò lo avverto totalmente l’ultimo giorno in visita al “Winecircus”, la sua cantina laboratorio a Montalcino, che è uno show in prima fila. Tre piani di un grande edificio moderno tra barricaie, uffici e sale degustazioni in cui Roberto fa da cicerone a me e un gruppo folto di Wine Lovers argentini e colombiani. Ci mostra il suo tesoro e ci fa assaggiare in anteprima il meglio tra Bianchi e Rossi delle sue bottiglie e quelle di altre aziende Italiane e non di cui ne è consulente e produttore. Quel giorno per me è fondamentale perché è l’unica volta in cui posso sentire la sua storia ma dimentico l’imprevedibilità di Roberto, che Fabio, il fido collaboratore, mi dice di mettere sempre in conto! Impeccabile oratore e istrione come sempre Roberto affascina me  il suo pubblico hablando de su bodega en Español ! ¿Qué más se puede pedir? Mi salvano i miei ultimi viaggi a Siviglia in cui imparo un po’ la nostra lingua sorella e in qualche modo riesco a stargli al passo. Lì tocco con mano il mondo di Roberto e il suo ingegno. A distrarci dall’incantatore di serpenti è solo il dispettoso Kira, il lagotto romagnolo di Roberto, che gioca con i bimbi a un tira e molla con i fogli di plastica da imballaggio a bolla d’aria! Dopo l’ultimo assaggio del “Monica 2017” di Renzo Manca dei “Garagisti di Sorgono”, il percorso in cantina prosegue con la parte più esclusiva del tour enoico: una degustazione delle etichette più preziose di Roberto.  Tutti i presenti gradiamo infinitamente il dono di Roberto, che però esclude i Rossi conservati gelosamente ed esclusivamente  in delle casse di  legno  per i figli Matteo e Gianmarco, in memoria un giorno del loro babbo. Roberto continua imperterrito il suo panegirico sul Vino in Spagnolo , e anche se non afferri tutto al volo, lui è capace di farti capire esattamente cosa c’è dentro quel bicchiere, come fa non lo so! Però il risultato è sorprendente, tanto quanto ciò che le mie papille percepiscono in Rossi fenomenali, che non mi si ripresenteranno mai più, tra cui un esplosivo  “Quarto Viaggio 1998”, un mix di 50% Montepulciano, Teroldego 10%, Carmenere 40%  indimenticabile per qualità delle uve e  lungo affinamento . La mia pancia inizia a brontolare, come quella di tutto gli altri, un concerto, che spinge Roberto e Fabio a zittirle! E così organizzano un pranzo memorabile in un ristorante sardo di Montalcino  l “Osteria dei Briganti e dei Poeti” , con 45° al sole. Protagonisti di quel banchetto cosmopolita sono i  toscanissimi Pici  al Ragù  e i succulenti  Culurgiones , gnocchi della Terra dei Nuraghi fatti di patate, formaggio e menta, piatti perfetti per gli immancabili Vini Rossi che ci portiamo dietro dalla degustazione al “Winecircus”. In omaggio al Sud America Roberto apre delle bottiglie strepitose di “Achaval Ferrer 2000”, una combinazione esplosiva di Malbec, Cabernet Sauvignon e Merlot, il cui corpo e gusto deciso bene sposa il nostro pasto luculliano. Tutti devono scappare via, un hasta luego dei Sud Americani, e in assenza di Roberto e Fabio che hanno appuntamenti urgenti , mi avvio con Simone e Cristine a un evento sul Vino in centro a Montalcino.

Tutto un Sorso 2019 Montalcino
Tutto un Sorso- 2019- Montalcino

“Tutto in un Sorso”, Montalcino

Lasciamo la macchina nelle vicinanze, Simone abbandona consegna Cristine e me alla festa di Bacco e si dirige in piscina con il figlioletto Pablo! Sinceramente lo abbiamo invidiato!

Christine e io saliamo con fatica fino alla parte più alta di Montalcino. Montalcino è soprattutto nota per il Rosso per antonomasia, il Brunello appunto. Come in una fiaba Montalcino è rimasta intatta come nel XVI secolo ed è coronata da un bellissimo castello e racchiusa dentro possenti mura, da cui è inevitabile rimanere stregati dalla vista della Val d’Orcia, una delle parti più suggestive e rappresentative della Toscana. Dopo una bella scarpinata entriamo all’interno del “Complesso di Sant’Agostino”, un’antica fortezza medievale, dove ci attende “Tutto un Sorso 2019”, una fiera enologica in cui proviamo il meglio di molti importanti viticoltori provenienti da tutta Europa. A unirli, al netto delle provenienze e delle differenze linguistiche, l’alto livello qualitativo dei prodotti, e la stessa voglia di stare insieme, tra loro e noi appassionati. Lì è una grande festa e io e Cristine ci separiamo per un po’ per poi ricongiungerci e scambiarci opinioni su quello che ci è piaciuto di più. In tutta le kermesse la mia attenzione viene carpita da “La Charanga Ancestral” dell’ azienda “Fernando Angulo”, che si trova  a Sanlucar de Barrameda, vicino Cadice. Si tratta un Palomino lavorato con il Metodo Ancestrale, una seconda fermentazione in bottiglia senza aggiunta di ulteriori zuccheri, che ne fanno un qualcosa simile allo champagne ma più fresco e leggero. Francesi iniziate a tremare! Per fortuna né io né Cristine guidiamo al ritorno da Montalcino, lei si ricongiunge alla sua bella famiglia e io torno con Roberto e Fabio a “Poggio al Sole”, dove spegnere i fumi dell’alcol e conversare con il mio guru del Vino sulle sensazioni di questo mio interminabile weekend  a Montalcino. C’è poco da fare anche Roberto è un essere umano, le sue palpebre stanno per calare e mi concede le ultime ore del suo prezioso tempo davanti a una cena frugale confessandomi qualche sogno nel cassetto. Roberto, per esempio, vorrebbe fare di “Winecircus”un club esclusivo, che propone un calendario annuale di incontri enogastronomici stravaganti ed elitari. E vorrebbe pure trasformare “Winecircus” in una Tenuta  Internazionale, in cui gli Amanti del Vino di tutto il Mondo possono acquistare piccoli ettari di vigneti, e a fare il Vino per loro ma con le loro labels ci pensa lui, il fratello Gianfranco e la sua équipe. Roberto è un Mago del Vino, alla perenne Ricerca dell’ Eccellenza e della Tradizione e dell’Innovazione. Ha  creato un piccolo impero, su cui veglia come un nume tutelare. Come in tutti i poderi, le attività sono complementari: Vino, Accoglienza e Agricoltura, e Roberto fa di tutto per gestirlo al meglio e fare il bene del territorio. Roberto è sempre un inguaribile ottimista e con cognizione di causa va avanti, perché c’è ancora del grande potenziale inespresso ovunque in fatto di Vino. Roberto e Montalcino saranno sempre un punto di riferimento per il Mondo del Vino e per coloro che vogliono evadere da una società caotica alla ricerca di Benessere, Valori e Semplicità. 

Roberto Cipresso
Roberto Cipresso

A chi ha un Cuore che pulsa e lo fa battere agli altri con un bicchiere di Vino! 

Grazie Roberto!

Enjoy it!

Stefania

 

 

 

I Garagisti di Sorgono, l’oro rosso di Sardegna

I Garagisti di Sorgono, l’oro rosso di Sardegna

“…siamo il regno  ininterrotto del lentisco, delle onde che ruscellano i graniti antichi,  della rosa canina, del vento, dell’immensità del mare. Siamo  una terra di antichi silenzi, di orizzonti ampi e puri, di piante fosche, di montagne bruciate dal sole, e dalla vendetta.  Noi siamo Sardi…”

G. Deledda

 “I Garagisti di Sorgono”

 “I Garagisti di Sorgono” è la risposta di Roberto Cipresso, enologo di fama internazionale, alla mia domanda riguardo a dove scovare nuovi vini da assaporare e nuove emozioni da raccontare nel mio Blog DiVino e viaggi  WeLoveItaly.eu.

Galeotta una cena fra sommelier presso l’elegante ristorante “Nautilus” a Tirrenia, Pisa, il 28 Novembre del 2018. Roberto è ospite d’onore della serata. Tutti i commensali lo ascoltiamo affascinati mentre descrive le sue bottiglie di rossi e bianchi e presenta il suo libro “Il Vino, il Romanzo Segreto” , in cui scrive delle sue esperienze in giro per il mondo e del suo approdo finale a Montalcino nel 1987. Nella città del Brunello il talentuoso winemaker fonda, tra le altre cose,  il “Wine Circus”, una società di consulenza agronomica ed enologica ora a disposizione di trenta aziende dislocate in tutta Italia, isole comprese. Proprio in Sardegna Roberto scopre un territorio e quattro giovani imprenditori che osano trasformare un’antica passione di famiglia per il vino nel lavoro della loro vita. Si tratta di Pietro Uras, Renzo Manca, Simone Murru e Andrea Macis, amici sin da piccoli, che grazie all’aiuto di Roberto avviano un’azienda vinicola. Il loro sogno ha un nome “I Garagisti di Sorgono”, che trae volutamente ispirazione dal movimento francese dei “ Vins de Garage”, a sottolineare la tipologia ricercata e introvabile dei loro vini rossi, garbati, caldi, e destinati a una nicchia di intenditori.  Il fenomeno dei “ Vins de Garage”, nasce a Bordeaux negli anni ’90, quando Robert Parker stella l’altissima qualità ed esclusività di alcuni “microchateaux” prima a Pomerol e poi a Saint-Emilion (“Le Mondotte” di Chateau Canon-La-Gaffeliere, Le Dome” di Chateau Teysser e il “Gracia”), facendoli diventare carissimi e  oggetto dei desideri da parte di collezionisti di tutto il mondo. Ciò succederà inevitabilmente anche ai rossi de  “I Garagisti di Sorgono” , il meglio della tradizione vinicola sarda in quattro etichette che hanno il loro cognome e il loro volto : “Macis” per il  Bovale o Muristeddu in sardo, “Manca” per il Cannonau, “Murru” per la Monica e “Uras” per il Mandrolisai , una chicca di cui vi dirò a breve. Nel giro di pochi mesi volo verso la Terra dei Nuraghi per conoscerli di persona, perché attraverso i loro vini desidero afferrare lo spirito della Sardegna, della sua cultura, delle sue tradizioni, delle persone che la abitano. Un pellegrinaggio verso paesaggi mai monotonamente uniformi, che ora mostrano e ora nascondono le remote vicende di questa isola le cui origini sono tra le più complesse e singolari del Mediterraneo.  Un Eden dove la viticoltura viene praticata da millenni, da prima della dominazione romana, e poi con i Fenici, i Romani, i Bizantini, le signorie toscane e genovesi con i monaci benedettini e camaldolesi, il lungo dominio spagnolo, per finire con il regno sardo-piemontese, ininterrottamente sino ai giorni nostri.

“Uras”, il Mandrolisai di Sorgono

Sono le 10 di venerdì sera. Attero a Cagliari in un weekend piovoso di fine Maggio. Il mio primo pensiero è Giulia, raggiante medico della capitale, una di quelle amicizie che porti con te sempre e per sempre, a cui devo l’onore d’ avermi fatto scoprire per prima questo angolo d’Italia. Ad attendermi all’aeroporto c’è Pietro Uras, che mi accoglie con un gran sorriso. Il suo fare gentile e amichevole mi mette subito a mio agio.  Mi fa accomodare in una piccola Fiat Panda grigia per il nostro viaggio, direzione Sorgono! Mi fa stare solo un po’ male l’idea di due ore di curve prima di raggiungere la meta. Pietro però riesce a distrarmi con una parlantina degna di un avvocato non appena mi parla della sua Sorgono, un paesino di appena 1700 abitanti, e di come inizia l’avventura imprenditoriale dei quattro “garagisti”. Seguitemi!

Pietro colloca Sorgono nel centro della Sardegna, a 700 metri d’altezza sul versante occidentale della catena montuosa del Gennargentu, a sud ovest della Barbagia di Ollolai. Questa è l’area geografica del Mandrolisai, da cui l’omonima DOC , di cui però non so molto. Pietro non esita a intervenire dandomi precise informazioni al riguardo, che riporto nel dettaglio perché molto interessanti. La denominazione Mandrolisai DOC risale al 1981, e comprende i vini rossi e rosati delle zone collinari della Sardegna centro occidentale, includendo per intero oltre che Sorgono i seguenti comuni: Ortueri, Atzara, Sorgono, Tonara, Desulo e Meana Sardo, in provincia di Nuoro e il comune di Samugheo in provincia di Oristano. I vini “Mandrolisai” sono il risultato dell’uvaggio in diversa percentuale dei tre vitigni sardi , cioè, secondo disciplinare, 35 % Bovale /20%-35% di Monica (vitigni autoctoni) e 20%-35% di Cannonau (simile alla Grenache francese) . I tre vitigni vengono vinificati assieme in maniera da conferire al vino ognuno le proprie qualità migliori: il Bovale il colore, l’intensità, il corpo e un po’ di rudezza e di tannicità, il Monica la gentilezza, la freschezza e la fruttuosità e il Cannonau l’alcool. A un certo punto Pietro si sofferma sull’unicità della tecnica dell’uvaggio multivarietale che è praticata solo nel Mandrolisai, ed è antichissima. Con sistematicità i loro nonni e bisnonni, possedendo filari di viti con tante tipologie di uva, dopo la raccolta vendemmiavano tutto insieme, mescolando anche 5/10 differenti tipi di uva e producendo così quasi esclusivamente vini misti. Rispetto al passato Pietro fa notare che tale mescolanza non dà più vita ad un miscela casuale, ma è bensì il frutto di approfonditi studi dei tempi di maturazione dell’uva ed è mirata a conferire al vino particolari note e sfumature. Leggo negli occhi di Pietro la fierezza di preservare questa alchimia enoica, e ne ha tutte le ragioni, perché sono vini rossi pregiati che richiamano i più modaioli Bordeaux, Valpolicella e Chianti, solo per citarne alcuni.

 

Sorgono, l’ombelico del Mondo

C’è ancora un po’ di strada da fare. Durante il tragitto la notte è troppo fonda ed oscura per ammirare il paesaggio intorno, che solo una luna tonda e bianca riesce a tratti ad illuminare. Quelle sagome nere che ci circondano improvvisamente prendono forma nella mia mente, non appena Pietro evoca i suoi ricordi d’infanzia: quella è sempre la stessa vegetazione rigogliosa che ricorda da bambino, fatta di querce, mirto, corbezzolo e cisto, che si alternano ai vigneti in una cornice suggestiva, avvolta da un silenzio profondo. 

Rimango un po’ perplessa, c’è una nota di nostalgia in Pietro, come se tutto ciò che ama non è sempre lì a portato di mano, e mi chiedo il perché dal momento che sta sempre a Sorgono! Il mio dubbio svanisce quando Pietro mi confessa del suo desiderio di trasferirsi presto in Sardegna per dedicarsi completamente alla sua attività. Vengo infatti a sapere che lui è l’unico che abita fuori, precisamente a Parma, dove si forma come tecnologo alimentare collaborando con importanti imprese emiliane da 19 anni. Da studente va via per la curiosità e la necessità di vedere cosa c’è oltre la sua isola, e gli fa bene, ma non può stargli lontano per molto. Pietro risente della lontananza da casa, e al momento può rientrare solo qualche volta al mese. Non può lasciare definitivamente la sua occupazione attuale, come del resto gli altri tre soci, perché c’è bisogno continuamente di soldi da investire. Devono decollare e non possono permettersi di stare dietro i tempi e la burocrazia infinita e macchinosa delle istituzioni governative di settore e non, che sono sempre più lente laddove invece dovrebbero agevolare e favorire lo sviluppo della cittadinanza. L’Italia è il lupo cattivo di questa favola. I quattro vigneron sardi però non si arrendono di fronte a nessuna difficoltà, sono testardi e risoluti ad andare avanti a tutti i costi, senza mollare mai. Pietro, Renzo, Simone e Andrea si conoscono da sempre, e ciò che li accomuna oltre a un grande affetto, è la passione per la Sardegna e per le loro vigne, ereditate dai loro padri e dai loro nonni. Hanno competenze tecniche e grinta giusta per imbottigliare quel patrimonio enorme in rossi versatili, fini e particolari, da quelli che rallegrano la famiglia, a quelli che soddisfano i palati più esigenti. Un grande passo quello di mettersi in proprio e un terno al lotto in Italia, eppure sono accanto a chi ci sta provando, che mi sta accompagnando proprio in quel borgo sardo da cui tutto trae origine. All’improvviso Pietro svolta verso una piccola stradina e spegne il motore del veicolo nei pressi di un promontorio in mezzo alla campagna. Mi porta vicino a un santuario, quello di San Mauro e me lo dipinge con orgoglio, perfetta sintesi di arte tardogotica, barocca e rinascimentale. Questo è un edificio di culto, un ampio complesso architettonico, la cui caratteristica è la presenza di abitazioni a schiera, dette muristenes in sardo, veri e propri alloggi per i pellegrini. Ancora oggi le muristenes sono utilizzate da migliaia di devoti come luogo di ritrovo in occasione della “Sagra di San Mauro”, celebrata l’ultima domenica di Maggio a Sorgono. Abbagliata dalla maestosità di quel monumento di arte sacra, risalgo nella Panda e dopo un po’ giungiamo finalmente a Sorgono. Pietro mi lascia al mio alloggio e prima di andare via mi comunica che l’indomani il mio itinerario prosegue con gli altri due “garagisti “, Simone e Renzo, perché lui è a un matrimonio, e Andrea a Cagliari per lavoro. Sono nella mia stanza e non ho la forza di disfare le valigie per la stanchezza. Vado a letto con il pensiero di quei vicoli stretti e deserti, e la voglia di perlustrare alle prime luci dell’alba questa piccola cittadina, di cui fino a qualche tempo fa non ne conoscevo neppure l’esistenza!

“Manca”  il Cannonau e “Murru” la Monica

Sabato mattina mi risveglio nel mio accogliente B&B “Minù”, una mansarda elegantemente arredata in centro, che mi coccola con una colazione sublime di dolci e frutta fresca per avere l’energia giusta e vivermi Sorgono, con i suoi tesori e le sue delizie enogastronomiche.

Renzo e Simone vengono a prendermi con una jeep. Parcheggiamo e ci sediamo a un bar vicino il comune per prendere un caffè perché fuori diluvia. Le lancette dell’orologio sembrano fermarsi, tutto a Sorgono scorre lento, ogni cosa è al suo posto e la gente si saluta per strada. C’è un senso di pace e di quiete che fa bene all’anima. Renzo mi indica fuori dalla finestra una piazza che è il luogo di ritrovo per i compaesani. Lì si svolgono quasi tutte le più significative manifestazioni  del calendario sorgonese “Autunno in Barbagia“, tra cui “Sa Innenna“, ovvero la vendemmia tradizionale. Quell’agorà cambia in meglio il loro destino quando nel 2014 vi si tiene “Wine and Sardinia”. In occasione di questo rinomato concorso enologico di vini regionali e locali, entrano in contatto con Roberto Cipresso, il presidente della commissione esaminatrice. I quattro amici non esitano a chiedere consigli a Roberto per il loro progetto di vinificare con le loro risorse e in modo del tutto autonomo. Da lì a poco Roberto si reca a Sorgono per studiare più da vicino le loro vigne e rimane meravigliato delle straordinarie potenzialità di quell’angolo di paradiso, e decide di fargli da guida per tutto il loro percorso imprenditoriale. Nulla accade per caso! Io Renzo e Simone siamo ancora dentro il piccolo cafè sardo, fuori c’è solo qualche passante che si affretta a rientrare in casa, fa freddo e grandina, quale momento migliore per prendere ancora appunti. Ora è il turno di Simone che prosegue la narrazione citando il 2016 come il loro anno di svolta, quando, contando sul supporto professionale di Roberto, lanciano circa 6000 bottiglie della loro azienda vinicola direttamente nel mercato nazionale. Nel 2017 i loro quattro rossi sono presenti nella gettonatissima enoteca della Locanda Mariella, un piccolo e noto ristorante vicino Parma. Subito dopo nel 2018 fanno il debutto ufficiale nel mondo del vino al “Vinitaly” di Verona e i loro quattro marchi suscitano la curiosità e l’interesse di innumerevoli Wine Lovers e Wine Experts.  Mi rendo conto di avere la fortuna di intervistare un’azienda cult, e proprio quando penso che faranno strada, giocano d’anticipo! Quasi incredula vedo pubblicato nel giornale del paese un articolo in merito ai premi che nel 2019 i loro rossi strepitosi ricevono a livello europeo al “Concurs Mundial Bruxellese a livello mondiale al “Decanter World Wine Award”! Quale è la prossima mossa? Non so se riesco a stagli dietro! Proviamoci. Neppure un attimo per rendersi conto di cosa gli stia succedendo di così bello, che questi quattro prodi marinai sono di nuovo in mare aperto. Nuove sfide li aspettano. Adesso il loro compito è quello di cavalcare quelle onde che li porterà in alto senza sommergerli, perchè sono dei bravi navigatori e sanno dove vogliono andare. Sfrutteranno i venti loro favorevoli e  guideranno la loro nave fino agli oceani più lontani, con la consapevolezza di avere sempre nella loro Itaca un porto sicuro dove ormeggiare.

Il  Mandrolisai, essenza di un terroir

Qual è il segreto dell’eccellenza dei vini firmati dai quattro “garagisti” sardi? Alla base c’è la loro terra, che anche in altri parti dell’isola in questi ultimi anni dispensa fiumi di oro rosso, apprezzato tanto in Italia quanto all’estero. Non siamo di fronte a un fenomeno o a una moda passeggera del momento. Molti giovani intraprendenti, tra cui i nostri quattro amici, sanno semplicemente che gli abbondanti terreni che hanno tra le mani, quelli tramandati dalle generazioni precedenti dopo la crisi dell’edilizia, valgono una fortuna immensa per il presente e il futuro. I beni di madre natura sono così lavorati con sudore e sapere da impresari di nuova era e ne consegue il proliferarsi di piccole aziende. E sono proprio queste ultime che stanno dando un certo respiro all’economia regionale, con una produzione enoica di qualità a tiratura limitata, sempre più richiesta nel mercato dai consumatori moderni più attenti e con elevato potere d’acquisto.  I vini sardi dunque rappresentano oggi una possibilità di rinascita per il paese e possono contare su prodotti di punta come quelli de “I Garagisti di Sorgono”. I loro vini fanno impazzire, perché sono un mix perfetto di rispetto per la tradizione e occhio all’innovazione per raggiungere e farsi raggiungere dalle persone: sono dei rossi mediterranei profondi e snelli, complessi e non troppo alcolici o difficili da bere.

Adesso voglio sapere di più, capire e vivere un’identità territoriale vincente e senza uguali, quella di Sorgono, capoluogo del Mandrolisai, regione estrema ma ancora per poco sconosciuta, da cui provengono quei vini che smanio di degustare. Il mio viaggio è con olfatto, gusto e occhi, tesi a percepire profumi, sapori e colori che si avvertono subito nell’aria non appena un sole timido ci permette di uscire fuori dalle mura urbane. Con il loro piccolo fuoristrada  Renzo e Simone mi fanno varcare i cancelli del loro El Dorado, fornendomi ogni sorta di dati e delucidazioni su tutto quanto sperimento in prima persona con loro. Qui di seguito il mio tour ora turistico ora più squisitamente enologico:

  • Ferrovia di Sorgono: tappa imperdibile un binario unico utilizzato cento anni fa per collegare Sorgono con Cagliari e altri centri della Sardegna. Nel 1997 si decise di destinare questa tratta ferroviaria esclusivamente a uso turistico, e la maggior parte degli spazi abbandonati sono oggi adoperati come rimessa degli autobus urbani. Quello che si può vedere adesso è lo scheletro di questa vecchia ferrovia e dei vagoni treno dell’epoca, che però farebbero bene a essere sfruttati come un museo plein air piuttosto che come vasi per l’erba rampicante! Ci sarebbe molto da dire su questo pezzo di storia cittadina, come per esempio del fatto che proprio da qui lo scrittore inglese D. H. Lawrence nel gennaio del 1921 vagabonda per l’interno della Sardegna e lo rende eterno in un capitolo del suo diario “Sea and Sardinia” (Mare e Sardegna);
  • “Biru e Concas”: scavalchiamo un muretto basso, l’accesso è libero, è davanti a noi la maggiore concentrazione di menhir (dal bretone men “pietra”e hir “lungo”) del Mediterraneo, risalente a circa cinquemila anni fa. Un sito archeologico di circa 200 monumenti megalitici immerso in cinque ettari di campagna selvaggia, rigogliosa, puntellata da sugheri, castagni, noccioli, conifere e fiori colorati che crescono spontaneamente ovunque.  Questi grossi massi sono scolpiti e levigati fino a ottenere una forma ogivale: i più antichi, proto-antropomorfi, risalgono al Neolitico recente (3500-2800 a.C.), quelli più lavorati e stilizzati, antropomorfi, sono da collocare nell’Eneolitico (2700-1700 a.C.). Queste teste di roccia allungate hanno posizioni diverse, ora isolate, ora messe in fila l’uno dietro l’altro, ora in coppia o in triadi, ora in circolo.  Alcune invece sono stese per terra e rivolte a ovest, verso il tramonto, atre spezzate, forse per effetto della ‘guerra santa’ contro gli idoli dei barbaricini, dichiarata da papa Gregorio magno nel VI secolo, durante la cristianizzazione della Sardegna più interna. Un’ area suggestiva che strega chiunque entri al suo interno e di cui rimane ancora irrisolta la motivazione della sua costruzione. Siamo di fronte a una testimonianza di arte cultuale preistorica, a un osservatorio astronomico, o cos’altro? Molti archeologi stanno tentando di dare una risposta. Io invece da persona comune, mi domando se in Sardegna, come del resto in tutta Italia, esisterà mai un giorno una classe politica in grado di produrre valore dalle ricchezze storico – culturali che tutti gli stranieri ci invidiano. Per fortuna laddove non c’è il pubblico c’è il privato e allora accontentiamoci delle telecamere del programma televisivo “Voyager”, che abilmente condotto da Roberto Giacobbo, dedica una puntata intera a “Biru e Concas” con l’appellativo di “Stonhenge Italiana”. Che dirvi se non buona visione!
  • I vigneti del Mandrolisai: sono ancora sotto effetto del carico di magia di quel giardino di pietra. A scuotermi il meteo che torna a essere avverso, e perciò riusciamo ad avere accesso solo al vigneto di Simone in località “Pischina/Bau Perdosu”, dove c’è prevalentemente il Monica per il suo “Murru”. Il paesaggio è costellato da filari splendidi il cui colore verdeggiante è sbiadito da una nebbiolina fitta e densa. La nostra passeggiata viene interrotta da un acquazzone improvviso che ci spinge a trovare riparo all’interno di un vecchio edificio lì nelle vicinanze. Simone ne approfitta per mostrami almeno in una mappa la posizione degli altri tre complessi di viti, che, suo compreso, offrono le tipiche varietà della tradizione vitivinicola sarda: il Cannonau di Renzo per il suo “Manca” sta a “Figu/Su Boscu/Burdaga”, il Bovale di Andrea per il suo “Macis” a “Monte Pischina /Ghennargiunei”, e infine il Mandrolisai di Pietro per il suo “Uras” a “Sa Sedda/Perdu/Cresia”. Simone, l’enologo dell’azienda, poi con semplicità mi fa luce sul perché i loro vini rossi sono così speciali e possono essere fatti solo lì a Sorgono e in nessun’altra parte del globo terrestre. Le loro uve nascono da terreni di alta collina (a circa 400/600 metri sul livello del mare), soleggiati e magnificamente esposti (sud-est) con un suolo di origine granitico, sciolto, povero. Da qui vini rossi che hanno un bouquet fresco, fruttato, rotondo, e un gusto secco, sapido, pieno, giustamente tannico e bilanciato. Anche il clima, caratterizzato da forti escursioni termiche, poche piogge e da lunghe estati, contribuisce alla buona riuscita dei vini, garantendo una perfetta maturazione dell’uva anche nelle annate più fresche. Inoltre la maggior parte delle loro vigne essendo per lo più centenarie, e per lo più allevate ad alberello (da sempre diffuso in Sardegna), risultano essere molto poco generose nel produrre una buona quantità di grappoli (densità di quattromila ceppi per ettaro e rese bassissime, non superiori a 35 quintali), ma sono ideali per offrire una altissima qualità. Tutte queste caratteristiche geografiche e pedoclimatiche, questo tipo di natura aspra e dolce, forte e delicata, regalano ai quattro “garagisti” di Sorgono magnifici vini di terroir, che non hanno nulla da invidiare a quelli dei cugini d’Oltralpe;
  • Agriturismo “Su Connuttu”: giustamente vi starete chiedendo se ci è venuta fame dopo questo lungo giro! Certo che sì, e ci siamo egregiamente viziati all’ Agriturismo “Su Connuttu”, Sorgono. Ad aprire la porta di questo casolare intimo e accogliente il proprietario Costantino e il figlio Daniele che ci fanno accomodare davanti una tavola ben imbandita piena di delizie sarde da abbinare ai quattro  rossi de “I Garagisti di Sorgono”. Ed è così un po’ on the road che tra un boccone di agnello e ‘carasau’ li tasto uno a uno per la prima volta! Sono una rivelazione dei sensi magnifica. Ogni vino rosso al calice esprime al massimo tutte gli elementi distintivi dei quattro vitigni sardi: colori vivaci, profumi inebrianti, tannini gentili e levigati, e intensi al punto da potere essere perfettamente abbinati al resto del succulento banchetto a base di verdure fritte, polpettine di maiale in umido e delle immancabili ‘seadas’, dolci di pecorino filante e miele. Come in ogni buona tavola sarda sai quando inizi ma mai quando finisci!  Così termino il sabato sera in pizzeria e poi al pub del paese con Renzo e Simone. E sorpresa si aggiunge pure Pietro, arrivato sfatto dalle baldorie di uno sposalizio appena concluso!

Omphalos, la Sardegna di Atlante, primo centro del mondo

Domenica, partenza, è da mettere in conto , così come la consapevolezza che ti mancheranno, però non faccio prendere dalla malinconia.

Mi godo ancora una camminata a Sorgono con Renzo e Simone e Pietro che mi illustrano i quartieri e le abitazioni più tipiche, tra cui la casa nobiliare dello stesso Uras del 1600 appartenuta al vescovo Aragonese Joan Per Ecarta. All’interno del suo bel palazzo, Pietro mi confida esserci custoditi dipinti di un pittore spagnolo molto acclamato del 1900, Antonio Ortiz. Dopo Parigi e Roma, Ortiz sceglie il centro della Sardegna per manifestare nei suoi quadri tutto il suo talento nel ritrarre la vita quotidiana e scene di aggregazione sociale , come voleva il movimento artistico a cui apparteneva, quello costumbrista. Non c’è neppure un minuto purtroppo per contemplare quei capolavori perché c’è una tabella di marcia da rispettare, che mi sorprende ancora una volta:

  • “Omphalos, la Sardegna diAtlante, primo centro del mondo”: titolo di una mostra a cui necessariamente i tre “garagisti” mi invitano a partecipare. E non finirò mai di ringraziarli per questo, perché affidati tutti quanti alla graziosa Francesca, guida del museo, facciamo un salto nel passato più remoto di questa isola così intrigante e misteriosa. Questa esposizione approfondisce tutto ciò che tra libri, interviste e video riguarda Sergio Frau, uno scrittore di origine cagliaritane che vive a Roma. Con le sue teorie Frau fa accendere i riflettori su Sorgono, sostenendo, tra assensi e dissensi, che Sorgono è il centro del mondo, dove secondo Eschilo, nel suo “Prometeo Incatenato”, Atlante reggeva il cielo. Frau è certo (fino a che, come osserva lui, qualcuno non lo smentisce) di avere trovato nella Sardegna con Sorgono l’ombelico del mondo, quello cantato da Omero, Diodoro Siculo, cercato dall’uomo attraverso le tenebre dei secoli e l’oblio dei Questo giornalista infrange ogni ”certezza” moderna, spostando le Colonne d’Ercole da Gibilterra al canale di Sicilia, individuando così nella Sardegna del II millennio a.C. la mitica Atlantide, raccontata quasi come su una mappa da Platone proprio oltre le Colonne. A concludere la visita un excursus storico di Francesca su tutto ciò che rende la Sardegna degna di essere visitata tutto l’anno: dai Nuraghi a San Mauro, dai vestiti folkloristici dei sardi alle cassapanche di legno di fine secolo sapientemente intagliate da maestri artigiani locali per il corredo di giovani spose;
  • Vigneti di PietroRenzo : questi sono gli ultimi spazi benedetti della mia esperienza sarda, una delle più significative del mio errare per le bellezze del nostro Bel Paese sia a livello professionale che umano. Aperta un’inferriata tra trazzere strette e lunghe Pietro guida fino ai suoi 10 ettari di terra seminati tutti a Mandrolisai. Un vento leggero e gentile soffia su tutto il resto della vegetazione incolta, e mentre affido agli scatti distratti della mia macchina fotografica l’immortalità di quegli attimi, Pietro sussura qualcosa a una vite, Renzo e Simone ne abbracciano una e io li seguo. Lì in quell’universo primordiale ritorni all’essenza e alla straordinarietà della vita, che si manifesta in quei gesti spontanei così semplici e veri. Dal poggio della tenuta ci dirigiamo verso la villetta dei genitori di Pietro, dove si rifugia quando può, piena di oggetti che ricordano una mamma dolce e sempre presente, e di quadri che ritraggono Sorgono. Questo legame con la famiglia è forte, lo senti a pelle, e lo riavverti nella masseria di Renzo in cui ci spostiamo poco dopo. Una magnifica distesa di Cannonau protetta dal guardiano di turno, Pasqualino il ciuchino, che ci fa qualche festa appena ci vede avvicinare, e poi ci snobba tornando al suo riposino pomeridiano. Renzo  ci presenta intanto uno per uno le facce delle foto in bianco e nero appese nelle pareti dello stabile del suo fondo. Sono i suoi zii, i suoi cugini, padre, madre, e Simone e Pietro interrompono Renzo perché ci scorgono qualche parente. Mi allontano quasi per rispettare quella loro atmosfera così intima e mi rilasso su una panca di legno. Sotto un albero fronzuto e attorno a un tavolo di marmo io, Pietro, Renzo e Simone finiamo l’ultima bottiglia di Mandrolisai brindando alla bellezza, che, parafrasando Dostoevskij , un giorno salverà il mondo!

E in vino veritas tutti e tre  mi fanno notare che è ora di recuperare le valigie e spedirmi a Pisa! Pietro mi riporta alle partenze e , sfiorando l’idea non andata in porto di restare ancora un po’, abbraccio lui e virtualmente tutti gli altri tre “garagisti” di Sorgono, promettendomi di essere presto con loro un’altra volta ancora.

 

Ajò,

Stefania

 

 

Roberto Cipresso: a DiVine Novel

Roberto Cipresso: a DiVine Novel

… perché se vuoi emozionare, devi provare per primo le emozioni che desideri suscitare…/…if you want to thrill someone,  try first to feel  the same emotions you desire to awake…” . 
R. Cipresso.

Wine Tasting at “Nautilus” Restaurant, Tirrenia, Pisa. 

Scanning across the bookshelves in my flat, it dawns on me that my collection falls into three categories: Wine, Food & Travel! Three passions that blend in perfect harmony to a special book, that is “Wine, the secret Novel” written by Roberto Cipresso.

This Outstanding Work is available for purchase in occasion of its presentation prepared by the same author Roberto Cipresso. It takes place at “Nautilius”, an elegant restaurant in Tirrenia, Pisa. On 28th November 2018  Andrea Baldeschi, an experienced Sommelier and the owner of the fascinating place by the seaside, invites me for this memorable event. It is especially a Guided Tasting of Wines from Roberto Cipresso’s most significant Labels , paired with delicious  dishes:

Guests  enjoy the pleasant atmosphere and the refined cooking, and they are under lovely Roberto‘s spell. Before I sit down together with the other people to taste the lavish food, “Nautilius” ‘s  Wine Cellar grabs my attention. After a while , Andrea leads me in a journey through his best Wines, such as “Masseto”, “Le Difese”, “Sassicaia”, “Keber”, “Dom Perignon 2009”, and more over. Andrea is very proud of his fine Wines Collection. He talks with me about his jewellery, his restaurant “Nautilius”. Andrea manages it with great enthusiasm and success since last April, after his former experience in the catering service. Our conversation about his great Wine Cellar goes on , and at a certain point, he tells me about an incredible story about his precious treasure: the White Wine “Chateau Montelena”-he owns the Top “Chateau Montelena” vintages! Let’s go to France! 

 

Chateau Montelena and the Judgment of Paris

“Chateau Montelena”’s history is unbelievable. It is in the Napa Valley and California.

Founded just North of Calistoga by a senator and San Francisco entrepreneur in 1882 at the turn of the century, it was one of the largest wineries in the state. Prohibition put an end to “Montelena”’s winemaking, and the next major era began in 1968, when Jim Barrett purchased the estate. Jim fell in love with this exceptional property. He had a dream of  winemaking at the highest quality level. In 1976 “Chateau Montelena” put California at the forefront of the wine world. That year there was an exclusive tasting at the “Inter-Continental” Hotel in Paris. Four white Burgundies were tasted against six California  Chardonnays. When the scores were tallied, the French Judges were convinced that the top-ranking white wine was one of their own. In fact, it was “Chateau Montelena’s 1973 Chardonnay”, rated above all other wines. This seminal event has been memorialized in the book ”The Judgment of Paris,”” by George Taber, as well as in the 2008 feature film “Bottle Shock”. Today “Chateau Montelena”’s distinct 19th century stone structure stands as a quality icon in Napa Valley , consistently producing some of the finest wines in California. Master Winemaker Bo Barrett, Jim’s son, now runs the estate with the help of Winemaker Matt Crafton .

Wine, the Secret Novel  by Roberto Cipresso

At the end of the “Chateau Montelena” ’s tale, Andrea brings me in the main lounge of his ”Nautilius”  to start the gala dinner in honour of  his friend Roberto CipressoI really enjoy Roberto ‘s  sentimental speech about his book “Wine, the secret Novel” . We  all Wine Lovers and Experts are delight to listen to Roberto, while speaking about his passion, Wine ! 

Roberto Cipresso is an Oenologist, a Winemaker, a Writer, but above all he is a Visionary Leader . His way of  life makes him stand out from the rest of the crowd in the Wine Field. I can feel Roberto‘s personality power, while presenting his book.  He can imagine things that others cannot imagine. He sees the whole process of a big picture, and not a single step. He is present and focused, you can connect with him when you  talk about what he has  in mind, when he  teaches you something about Wine, his Travels, his previous job experiences, his Life!  Roberto Cipresso, a native  of  Bassano del Grappa (Veneto), completes his agricultural studies and starts his  Winemaking career  at the outstanding estate of “Ciacci Piccolomini d’Aragona” in 1987 .  Some years later he and two partners founds “Fattoria La Fiorita”, located in Castelnuovo dell’Abate, near Montalcino. He collaborates with well-known  Wine Producers in Italy (“Case Basse”, “Poggio Antico”and abroad (Achaval-Ferrer Winery, Argentina). Roberto ‘s chances to put his professional skills and  ideas about Wine into action are three of his major projects:

    • “Wine Relais Poggio al Sole”: a secret lair for his visitors and his relax in  Montalcino, where Roberto  tries to give birth to his unique “Brunello di Montalcino”, that grows only in this  magical territory with just 5000 inhabitants ; it is on a hilltop at 567 meters above sea level, between Siena and Florence; 
    • “Winemaking”: a Wine Consultancy for  wine-industry professionals ( in collaboration with his brother Gianfranco, his friend Santiago Achaval , and the Universities of Padova, Venezia, Palermo,Torino, Pisa and Udine);
    • “Wine Circus”: a laboratory aimed at ones who don’t inherit a winery and want to manage a wine label! 

Roberto Cipresso Wine Awards

Recalling the most important Roberto‘s enterprising ventures and lifetime achievements awards in terms of Wine & Food  culture, means understanding his complex and sensitive soul: 

The list would already be too long! Roberto is a creative and multitalented man. Along with the benefits of his many abilities and passions, there is his love for writing, occuring in his books about Wine and its Mystery published between  2006 and 2009:

Roberto is also a frequent speaker at different national and international conferences on technical-scientific nature  at Wine Schools and important Universities world-wide.

The 43th Parallel

Roberto still continues his  incredbile adventure  in his challanging Wine Experiment  entitled “Cipresso 43th”, moving ahead with his ambitious and global vision of the concept of Terroir

“Cipresso 43th” is an attempt to create an Oenological Itinerary using only grapes grown at 43th degrees North Latitude.  According to Roberto’s recent researchesthe 43th Parallel is a magical line with  singular physical/spiritual features for Wine Production. It is  situated halfway between the Equator and the North Pole, running through central and florid places that have shaped the main phases in the evolution of Vine Culture from Mesopotamia  to the USA. A circular line that engulf the Earth among important autochthonous vines:

Roberto demonstrates his  theory about the inimitable  Terroir of Wines produced along the 43th Parallel in his three red Wines  I’m  sipping this evening: 

In collaboration with the University of Florence, Roberto Cipresso is studying what makes the 43th Parallel so special for Wine Production together with its general aspects (geography, geology, orography, climates, soils, altitudes,etc). Moreover, Roberto remarks that there is Something Magic and Mystical  behind the 43th Parallel, because it is the same axis where holy places are also  located, from Medjugorje, Assisi, Santiago De Compostela to Lourdes . And, of course, that is something very special for Roberto, who think of   himself as an atheist! 

Roberto‘s life is a strivinfor Exellence and Harmony  not only  for Wine, but above all for  Life.  

He is open minded . He doesn’t  limit himself to his own thoughts and ideas. When you talk to him, he listens to what you talk about attentively. He  encourages you to be as creative as possible and never afraid of presenting your point of view! Roberto  gives me a big picture of  his vision about Wine and living in this world. His job  is  an essential part of his existence. It’s not only about running a laboratory or doing analysis, it’s  mainly to be part of making Something Amazing. It’s to combine Science, Creativity and Love, that keeps things interesting, and a  great industry to be in as well. You are surrounded by great Food, Wine, and awesome People. It’s hard work, but very rewarding, like this unforgettable Tasting Dinner skillfully prepared  by Andrea Baldeschi at “Nautilius” restaurant Tirrenia, Pisa. .

Roberto experiments with unconventional colors to find inspiration for his Next Masterpiece, that is still to come! I’m looking forward to it!

Enjoy it! 

Stefania