Seville

Seville Alma Latina

“…And crazed by the horizon, 
it mixes in its wine
Don Juan’s bitterness
with Dionysius’ perfection.
Seville to wound.
Always Seville to wound!…”

García Lorca

Seville is located on the banks of Guadalquivir River and It is the Capital of Andalusia. It is the Fourth Largest City of Spain and it’s considered the Artistic, Cultural, Financial, Economic and Social Center of the South of Spain. The Metropolitan area of Seville has a population of more than 1 million people.

Seville  has become one of the most popular choices among visitors to  Spain: a Cultural Melting Pot, its towns and villages are like mosaics and columns on which the History of Tartessians, Iberians, Arabs and Christians is written and kept alive. This town was the most important city in the world several centuries ago when the Spanish trading fleet would bring back the riches from the Americas up the Guadalquivir River  where they would be bought by European traders to spread throughout the Mediterranean and the rest of Europe. Reminiscent of those days you can still see the Torre de Oro (Unesco World Heritage Site) and the Old Tobacco Factory (currently used by the University of Seville). Seville  remains the center of the Flamenco World, both for music and dance. Apart from Flamenco, Seville offers an Amazing Culinary Experience with Tapas Bars found on every corner and the Variety of Food that they offer is truly astounding. While mostly famous for its traditional Spanish and Mudéjar Architecture, here also boasts a wide variety of modern buildings and places of interest to see.

Seville  is a city that you could stay in for weeks and still not explore every corner. However, the good news is that 24 hours in Seville is enough to at least give you a good taste of what there is to see and do. Getting to Seville from the Airport is easy thanks to the EA City Buses, which let passengers get to downtown (Plaza de Armas) with about 35 minutes. It is without a doubt the cheapest mean of transportation (€ 4,00) to reach Seville. Taking a Seville Airport Taxi (around 15-20 minutes) costs approximately € 23,00.

Follow my quick guide on How to Spend 24 hours in Seville grab your comfortable shoes, and explore one of Spain‘s most memorable cities !

 

 

City’s Old Town

I stayed in  the City’s Old Town to explore

  • the Cobbled Streets of  barrio Santa Cruz :  It is the most picturesque and delightful part of the city, and it looks like Parisian boulevards, and It’s full of beautiful old palaces and churches. The area is bordered by Calles Mateas GagoSanta Maria La Blanca, San José, the Jardines de Murillo  and the Alcázar . It’s s one of the best ways to pass a long morning or afternoon in the Andalusian capital. And don’t worry if you get lost, because it’s a rite of passage for the first-time visitor to Seville to become happily disoriented in Santa Cruz !
  • the Cathedral: it  was conceived on the site of a former mosque during the city’s reconquest;  builders and city planners wanted to make it so grandiose that they’d be taken for madmen. Mad or not, your visit to Seville will start with the largest Gothic Cathedral in the world;
  • the Giralda Tower: the monument’s confluence of different architectural styles is a reflection of the cultures that have risen and fallen in Seville. The result, eclectic and remarkable, is fascinating. Originally a Minaret for Seville’s Primary Mosque, the first section of the Giralda was built in the Almohad Style by architects Ahmad Ibn Basso and Ali de Gomara. In 1356, the four bronze spheres that had crowned the tower fell to the ground and were destroyed. The bell tower is in Renaissance Style and was designed by in the 16th century. At the peak of the bell tower, at 104 metres high, a special weather vane can be seen: El Giraldillo, another symbol of Seville
  •  the Breathtaking Alcázar Palace: the Spanish word alcázar comes from the Arabic al qasr, meaning “castle.” Throughout its history, the magnificent structure saw use as both a fortress and a palace. The earliest known use of the site was for a Visigoth basilica. The Moors promptly destroyed it after arriving in Seville in 712. In its place, they built a military fortress, the remains of which can still be seen in some parts of the surviving Alcázar today. By the 12th century, the Christian Reconquest was in full swing across the Iberian Peninsula. After King Fernando III recaptured Seville from the Moorish rulers in 1248, he converted the existing  Alcázar structure into a Christian palace. Over the next few centuries, the ruling Christian monarchs were continuously renovating and adding onto the site, transforming it into the Splendid Royal Residence we know today; 
  • Plaza de Spana: this great building is Seville‘s most impressive after the Cathedral, for its sheer scale and grandeur. It is a semi-circular brick building, Renaissance/Neo-Moorish in style, with a tower at either end . In front of the building, following the curve of its façade, is a 500-meter canal crossed by four bridges, and in the center of it all is the Plaza itself. You can rent small boats to row in the canal – the Plaza is known as “the Venice of Seville”. A major tourist attraction, it is the finishing point of horse-and-carriage rides. The Plaza is situated inside Maria Luisa Park, next to Avenida Isabella La Catolica, a pedestrianized avenue with ice-cream sellers and bike rental stands – this is the best way to reach the park, entering near the Teatro Lope de Vega and Fabrica de Tabaco. You also can reach the park from the Prado de San Sebastián (served by metro, bus and tram) on one side, or the river on the other;
  • the Old   Triana Market : as I walked away from the center of Seville over the Triana Bridge, and across the Guadalquivir River, I decided to get energy in the 150 year Old Triana Market to go on with my adventure!  There are lots of Food & Wine Vendors that sell their product here.  It’s a perfect place to stock up on food for a great tapas lunch, like the one I  had at Loli Cerveria. I can’t forget my Sevillian Menù: mushrooms filled with a homemade mayonnaise, fried octopus with sweet and sour piquant pepper sorbet , fresh tomato salad with tuna and swordfish  and a of course a glass of  the Top Spanish White Wine  “Verdejo” . In the lower part of the market are the remains of the Castle of San Jorge, the seat of the Inquisitional Court. The barrio of Triana is less touristy than the center of Seville. This area was once the home of dockworkers and fishermen.

 

Nightlife in Seville. Tips for living “la marcha

 

Seville is famous for its vibrant Nightlife, which extends until dawn and beyond, and cannot fail to impress in comparison with major cities such as Madrid and Barcelona.

In Seville there’s a wide choice of Nightlife for all ages, including Jazz/Music/Night/Flamenco Clubs, Cabarets, Music Halls, etc. In winter the Bars in the center and other spots offer the best places to keep warm and follow la marcha. It’s common to begin with a beer or two and maybe a tapa, then head to a Bar de Copas as the night goes on. Those still wishing to continue often hit a discoteca to dance  until 6 or 7 am. We’re all different when it comes to what we want for Nightlife, so I’ve tried to offer some spots to enjoy the nightlife or la marcha in Seville.

  • Dinner at Casa Robles : it’s an intimate, cosy and comfortable restaurant in the heart of Seville ; it serves delicious meat or fish menus,  and it also boasts an excellent wine list. I had  Fish crudités, and a Cod à la Brás, made from shreds of salted cod , onions and thinly chopped (matchstick-sized) fried potatoes, all bound with scrambled eggs; 
  • Seville‘s Night View  at EME Hotel’s Roof Garden: it’s the best Rooftop Bars in Seville for the creative cocktails and stunning view. Here  your  Sevillian Night  turns into an Unforgettable Memory with its sophisticated atmosphere and its direct view over the Cathedral and the Giralda
  • A Typical Sevillian Bar at El Mariscal : a Dancing Night at this small Bar hidden away in a narrow romantic street of Calle Mariscal in the Santa Cruz neighbourhood. A very lovely place and perfect to end your stay in Seville .

Seville  is the city that captured my heart quickly. I fell in love with its narrow streets, its tiny bars, and its stunning Beauty– and, of course, with its Amazing Food & Wine. I greatly admire the devotion of the locals to their city; they’re obsessed (and rightfully so) with its Festivals, Climate and Cuisine. 

I have to say that in the midst of My Love Affair with Seville , I left! I am thrilled to have the opportunity to return to Seville soon. 

hasta luego

Enjoy it! 

Stefania

Food & Progress 2018, Florence, Tuscany

Tuscan food is  a kind of cucina povera or “poor cooking.” A concept that started very literally, it’s about simple meals that are inexpensive and could easily be made in large amounts.

Today it remains largely the same – but by choice instead of economy. Tuscan cooking doesn’t use complicated seasonings or elaborate creations because they’re not needed. Instead it’s made using fresh, high-quality ingredients that bring out the natural flavors in each dish, simple or not. When you arrive in Tuscany you will be faced with one doubt . What are the foods I can’t miss, what will I regret not having eaten? If you came and visit   “Food & Wine in Progress 2018 ” , you will have an idea! “Food & Wine in Progress 2018 ” is about Culinary Specialities in Florence and  showcases Tuscan Excellence. 

The program begins with Conferences, Master Classes, each focusing on a specific thematic about Wine & Food. Food & Wine in Progress 2018 ”  has a lot to offer to the guests, from locally sourced products to Wine Tastings with AIS (Italian  Sommelier  Association)

My favourite Master Class is the one about Riesling . I’m learning a lot about Germany Wine  Production  in  Pfalz thanks to a special Wine Tasting organized by the “ Bassermann-Jordan Winery “.

“ Bassermann-JordanWinery “ is  an established leader and an example of the efficiency of Riesling Production in GermanyThe history of the “ Bassermann-JordanWinery “ is the history of a family dynasty that has helped to establish quality viticulture for almost 300 years. Generation after generation, important personalities emerge from it who know how to preserve and develop the importance of the estate and top Palatinate Wines with intelligence, expertise and intuition as well as economic and political influence – up to the top rank of the world. Their wine labels are landmarks and stand for Wines from the best locations and pioneering work in cultivation and vinification with a passion for quality. These Wines are fruity ,  elegant and fit any specific need. These are Characteristic Wines of Origin which are cultivated and matured ecologically according to anthroposophical teachings. For most of their  Wines Art Nouveau label is used.

There are also  interesting Cooking Shows (including fresh pasta and vegan recipes)  at “Food & Wine in Progress 2018 ” and  hundreds of fans who come to join this magic Wine & Food Exibition.

Enjoy it !

Stefania

Cantina “Il Borro”. I Fasti di San Colombano, Lucca.

“San Colombano”, Lucca

Il mio fantastico viaggio nel Mondo del Vino inizia con  l’AIS di Lucca, ed è proprio nelle mura di questa città che stasera proseguo il mio itinerario enoico, fermandomi  in un posto esclusivo,  il Ristorante “San Colombano” . Seguitemi!

Il Natale è nell’aria , fa freddo a Lucca,  però  la città gioiello mi  scalda con il suo fascino e  le sue luci. Ad accogliermi nel ristorante la sua bella proprietaria  la Sommelier Simona Carmassi. L’atmosfera al “San Colombano” è intima e raccolta, e Simona con un sorriso enorme fa accomodare me e il resto dei numerosi ospiti ai tavoli, che sono elegantemente imbanditi per l’ Evento Speciale che mi aspetta: una Cena Degustazione tutta  Made in Tuscany.  Protagonisti dello Spettacolo Enogastronomico  i Piatti Stellati dello chef  Giuseppe Da Prato, preparati con prodotti rigorosamente locali, e i  Vini  della Cantina “Il Borro”, presentati dallo charmant  Berardino Dino Torrone,  responsabile vendita Italia di questa prestigiosa cantina in Valdarno. In regia dietro le quinte  ci sono i Sommelier Fratelli Zanni, che scelgono l’abbinamento Cibo/Vino per un Menù perfetto. Iniziano le danze, e tra una portata e l’altra, cala un  silenzio quasi sacro in sala, interrotto solo dalla spiegazione dello Staff del “San Colombano” sulle portate e sul  nettare divino. Da leccarsi i baffi! Provo a non farvi venire invidia, ma ho i miei dubbi. Siete pronti? Tra candele e scintillii di bicchieri, ecco i  fasti di “San Colombano” :

Provo a chiedere allo Chef  Giuseppe Da Prato di svelarmi qualche piccolo segreto delle sue ricette, ma non c’è niente da fare. Mi invita a ritornare e a provare qualche altro capolavoro culinario preparato da lui e da altri maghi dei fornelli,  che lo aiutano, un gruppo di ragazzi che,  nonostante la giovane età , hanno una grande esperienza nella migliore ristorazione regionale.

E sicuramente Domenica 16 Dicembre 2018 non mi perderò  il prossimo appuntamento al “San Colombano”: “Mille Bolle d’Auguri” , una passerella  dei migliori Champagne per celebrare l’arrivo di queste feste.  Non mancate a quest’altro galà Lucchese, per sorprendervi con  Nuovi Accostamenti ed Etichette che hanno dentro tutta la straordinaria Tradizione Enogastronomica della Toscana, una regione che fa sognare, come la storia che sto per raccontare.

La Cantina “Il Borro”: il Buon Vivere Toscano

La Cantina “Il Borro” è  in Toscana,  in Valdarno, nell’area Chianti DOCG, un ambiente unico per genesi e morfologia, da secoli fondamento per la coltivazione della Vite . Sembra che i primi “esperimenti di Chianti” siano stati fatti proprio in questa ricca vallata , che offre ai suoi visitatori boschi incontaminati, lunghi torrenti e dolci colline.

La Cantina  “Il Borro” si trova precisamente nel comune di Loro Ciuffena e prende il  nome dal borgo castello in cui sorge, detto appunto “il Borro”, che in dialetto toscano vuol dire “fossato”; una delle tante misure di difese prese nel Medioevo da questo posto spettacolare, a difesa delle frequenti incursioni degli stranieri , che  se lo sono conteso frequentemente  per la sua posizione e prosperità. La Cantina “Il Borro” è  un gioiello incastonato in un luogo pieno di storia,  che si estende per 700 ettari tra vigne ed uliveti, all’ombra dei cipressi dell’antica “Via dei Setteponti”,  un territorio vocato all’ Arte e alla Cultura,  tra  Firenze, Arezzo e Siena.  Si tratta di un angolo nascosto della Toscana, che una volta scoperto per la prima volta, fa innamorare e  non andare più via , come è accaduto in un lontano passato alle illustri famiglie dei Medici e dei Savoia, che ne hanno segnato le vicende, e in un presente più recente ai Numero Uno della Moda Italiana Ferruccio e Salvatore Ferragamo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 27-Salvatore-Ferragamo-2-1024x512.jpg

Ferruccio Ferragamo rimane folgorato dalla bellezza di questo Antico Borgo Toscano durante una battuta di caccia nel 1985,  e nel 1993 decide di acquistare definitivamente la proprietà dal Duca di Savoia, lasciandolo poi in eredità al figlio Salvatore Ferragamo.

Da allora Ferruccio e Salvatore hanno lavorato incessantemente e con amore, per trasformare quello che prima era un rudere distrutto dalla Seconda Guerra Mondiale in quello che oggi è diventato un Relais di Lusso.  “Il Borro Relais & Châteaux” è pensato per chi vuole prendersi una pausa fuori dal tempo. Un’Oasi interamente dedicata all’Arte, alla Cultura, al Cibo & Vino di Qualità, e  all’Ospitalità . Un lembo di paradiso che racconta una Toscana inedita, dove trovano rifugio dagli appassionati più esigenti di Spa, Golf ed Equitazione, ai Wine & Life Lovers più semplici, che si emozionano davanti alla natura, che qui  si manifesta in tutto il suo rigoglio nei filari di Merlot, Cabernet Sauvignon, Syrah, Petit Verdot e il più tipico Sangiovese. La famiglia Ferragamo porta in alto il nome del Made in Italy nel mondo attraverso il Vino firmato “Il Borro”  , un’ Etichetta  d’Autore, con qualità, classe, semplicità, rispetto della tradizione e del territorio, e con uno sguardo verso il futuro. Oggi  i Ferragamo  hanno salvaguardato la preziosità di questi paesaggi, mantenendone intatto il fascino,  e contribuendo così ad affermare  sempre più il brand Toscana nel Mondo, nel Turismo e nei Prodotti di Eccellenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Borro.jpg

 Scusate , adesso vado a preparare le valigie.

Alla prossima!  Sempre se ritorno…

Enjoy It! 

Stefania

Terre di Pisa

“Terre di Vino/Terre di Pisa 2018 “

Pisa è una città  unica al mondo che merita di essere visitata non solo per la celebre “Torre Pendente” e “Piazza dei Miracoli”, che richiamano ogni anno milioni di visitatori, ma anche per altre Eccellenze in fatto di Arte, Cultura e Tradizione Enogastronomica.

Purtroppo come nel resto d’Italia, da Nord a Sud, non si fa del Turismo il primo motore economico del Bel Paese, ed è una contraddizione pura, oltre che un  problema da risolvere, se è vero che  possediamo il 70% del Patrimonio Culturale di tutto il mondo. Non sto scoprendo nulla di nuovo, anzi, si tratta di una questione trita e ritrita, che sollevo solo quando mi accorgo che c’è ancora qualche speranza di andare verso la giusta direzione. Proprio per questo motivo voglio parlarvi di uno straordinario Progetto di Valorizzazione e di Marketing Territoriale , “Terre di Pisa” : un segno tangibile di volontà di cambiare le cose, di una fiammella che deve essere alimentata da parte di quanti hano iniziato questa avventura , per  dare energia e non bruciare ciò che si è seminato di buono in passato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3559eae3-08c6-4ed6-a54b-ae5a495ab6a8-1024x658.jpg

“Terre di Pisa” è un Nuovo Prodotto Turistico nato grazie al prezioso supporto della “Camera di Commercio di Pisa” e dei suoi imprenditori, un brand che identifica le Peculiarità Agroalimentari, Artistiche, Storiche, Saturali e l’Offerta Turistica d’Eccellenza.  

Terre di Pisa” è visibile  su  un suo sito internet nel quale trovare Eventi, Percorsi e Informazioni Aggiornate sul Territorio. Il progetto, al quale hanno aderito 33 Comuni, le Unioni Valdera e Altavaldera, numerose Associazioni di Categoria e soggetti turistici rappresentativi del  territorio pisano, si propone di  migliorare la qualità dei servizi turistici offerti sul territorio, di valorizzare i prodotti agroalimentari ed artigianali, di accrescere la consapevolezza dei soggetti interessati  e di attrarre i turisti in cerca di luoghi e prodotti non standardizzati, proponendo al contempo esperienze di autentico Lifestyle.  “Terre di Pisa” è una nuova destinazione nell’ambito dell’Offerta Turistica Toscana che può proporre al turista, contemporaneamente, un’esperienza complessa, poco standardizzata, costituita da:

Mi sento  coinvolta in prima linea in questo spiraglio di “Rinascimento Pisano”, pur essendo “straniera”, perché capisco da Operatore Turistico cosa vuol dire abitare in un paradiso, provare a fare qualcosa per cambiare le carte in gioco ed essere ascoltati e aiutati  a metà o nel modo sbagliato;  non certo per mancanza di professionalità o volere!

Sono nata in Sicilia, un gioiello nel Mediterraneo che fa innamorare e non andare più via! Pero alla fine molti scappano! Perché le cose funzionano solo in certe parti, a macchia di leopardo .  Io mi sono allontanata dalla mia Isola, perché sono una curiosa  e non per necessità, e alla fine avendo girato un po’ per studio e lavoro, mi sono accorta che appartieni a dove nasci e che prima o poi fai i conti con il richiamo di casa!  E nel momento in cui ho pianificato di tornare giù,  per scelta ho aperto  una parentesi per il mio percorso formativo a Pisa , che  mi ha rapito  il cuore. Qui  ho trovato il mio equilibrio, e spero di continuare  il mio percorso   professionale nel Turismo maturato nel tempo in diversi settori e in diversi luoghi ,  il cui risultato a oggi consiste nell’erogazione di alcuni  Servizi Culturali per l’Incoming. Tra questi propongo : Corsi di Italiano per Stranieri e Language Stay su Pisa coinvolgendo alcune diverse tipologie di Accomodation (B&B, Hotel, ecc),  Tour Enogastronomici, Organizzazione di Degustazioni in Cantine , Travel Counsultancy, e altro ancora. Tutto ciò  ha come obiettivo quello di provare ad attirare  i  Viaggiatori  e farli restare più a lungo, e quello di destagionalizzare l’offerta turistica a Pisa.   Si può avere un’idea della mia attività nel mio sito www.WeLoveItaly.eu, che  da poco fa parte di “Terre di Pisa”. Questo perché mi sento Italiana e se posso trasmettere il Top del Made in Italy e l’Italian Life Style in tutte le sue forme , che sia attraverso la Sicilia, la Toscana , poco importa, perché ho la fortuna di abitare in  una Nazione che possiede tutto ciò che un essere umano desidera per essere felice, e dove però bisogna ancora lottare e fare tanto. Non è facile, ma la Passione per ciò che Amo è più forte delle difficoltà e delle aspettative dei risultati.

“Consorsio Volontario per la Tutela dei Vini delle Terre di Pisa” 

Quello del 6 Dicembre 2018 non è un giorno qualsiasi: un giovedì uggioso illuminato dalla Conferenza Stampa presso la “Camera di Commercio di Pisa”  a cui partecipo per assistere alla nascita del “Consorzio Volontario per la Tutela dei Vini delle Terre di Pisa”.

Interviene il presidente della “Camera di Commercio di Pisa”  Valter Tamburini, che si ritiene soddisfatto dell’ulteriore passo avanti che il brand e progetto turistico “Terre di Pisa “ sta facendo in termini di Valorizzazione di Pisa e  del suo Straordinario Territorio  attraverso il suo stesso patrimonio Vitivinicolo.  A costituirlo ufficialmente con atto notarile sette Aziende Agricole della provincia di Pisa: 

Si tratta di aziende che, come ha precisato il Presidente del neonato consorzio, Nicola Cantoni (Fattoria Fibbiano Winery), hanno rivendicato nel 2017 ben 1.775 quintali di uva per un totale di circa 1.300 ettolitri di DOP “Terre di Pisa”. Il Consorzio, rappresentando oltre il 40% dei viticoltori e diVoltre il 66% della produzione certificata di competenza dei vigneti dichiarata DOP “Terre di Pisa”, potrà essere incaricato dal Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali a svolgere le funzioni erga omnes e quindi occuparsi della tutela, promozione, valorizzazione, informazione del consumatore e cura generale degli interessi della denominazione Terre di Pisa, nei confronti di tutti i produttori della stessa denominazione, anche non aderenti al consorzio. Hanno collaborato alla riuscita del progetto: Confederazione Italiana Agricoltori Pisa , Unione Provinciale degli Agricoltori di Pisa e Federazione provinciale Coldiretti Pisa-Livorno. Obiettivo del “Consorzio Volontario per la Tutela dei Vini delle Terre di Pisa”  è  rappresentare e tutelare tutte le diverse DOP e IGP della provincia di Pisa , modificando  il disciplinare di produzione sia dal punto di vista geografico che di tipologia dei vini, per consentire ad aziende escluse di poter rivendicare la DOC e associarsi. Altro obiettivo e quello di dotarsi di un piano di Marketing triennale per valorizzare e caratterizzare l’offerta.  Protagonista di questo Marketing Territoriale è la Vitivinicoltura : inventare  nuove strategie  per rilanciare sul mercato  nazionale e internazionale la Doc Terre di Pisa, la  produzione biodinamica e l’ Hospitality d’Autore!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Terre-di-Vino-2018-Pisa-1-1024x670.jpg

Pisa e Provincia necessita di una sua Identità che trova nel progetto  “Terre di Pisa/Terre di Vino” una possibilità di riscattare un Territorio  che possiede una sua Tipicità, un insieme di fattori fortunati che lo rendono Unico con  nulla da invidiare al Chianti, a Montalcino Bolgheri   

I Vini del Pisano , per esempio, sono tra i bianchi più buoni (Vermentino e Viognier) della Toscana, regione  tradizionalmente vocata alla produzione dei rossi .  I Vini del Pisano , la cui produzione interessa un’area che spazia dalla costa tirrenica (Riparbella) fino alle colline sui cui sorgono  rinomati borghi storici, come San Miniato, Peccioli, Terricciola e  Volterra, sono da far conoscere tanto quanto la  famosa  Torre di Pisa, terzo monumento più visitato al mondo.  La “Camera di Commercio di Pisa”, in collaborazione con l’Agenzia di Comunicazione “DarWine&Food”,  e il professor Pierpaolo Penco, docente, ricercatore e consulente nel settore vinicolo, stanno facendo un ottimo lavoro per Pisa e il suo Territorio e sono un punto di riferimento per tutti quegli imprenditori che giorno dopo giorno, ognuno in campi diversi e con proprie modalità, scommettono su questo lembo di terra baciato dal sole.  

Auguri a Tutti Voi/Noi !

Stefania

“I Pisani più Schietti 2018”

 

“I Pisani più Schietti 2018”   è l’evento dedicato alla premiazione e promozione  delle migliori Etichette di Vino a Pisa e Provincia

Quest’ anno la splendida rassegna tutta Made in Pisa organizzata “Fisar di Pisa” ,  si è svolta il 2 di Dicembre  2018 all’ interno del “Palazzo Gambacorti” , con una sezione dedicata al pubblico , e una dedicata agli addetti del  lavoro con una degustazione guidata dei vini in concorso . Ho avuto il piacere e l’onore di partecipare a quest’ultima parte della kermesse sul Vino Pisano   riservata agli esperti del settore, a cui hanno partecipato personalità di spicco del  Mondo del Vino, sia da un punto di vista tecnico che da quello prettamente comunicativo e commerciale: 

Un lavoro di squadra che ha visto impegnati la “Fisar di Pisa”, le Aziende Vinicole di Pisa e Provincia, il  “Comune di Pisa”, la “Camera di Commercio di Pisa”  e il “Museo della Grafica di Pisa”. Si sono presentate  31 Aziende , ci sono stati più di 80 vini in gara contro i circa 50 dello scorso anno! L’interesse e la partecipazione è notevolmente aumentata rispetto alle edizioni passate.

I Vini in gara comprendevano 12 etichette di 12 grandi Aziende Vinicole di Pisa e Provincia, per analizzare, ma soprattutto per  scoprire insieme alle caratteristiche vitivinicole dei diversi territori, l’unicità Vino Pisano.

Ecco di seguito le premiazioni per Categoria di Vino e Azienda: 

La Toscana è sempre stata terra di grandi campanilismi. Firenze, Siena e Lucca si presentano con grande compattezza dal punto di vista enologico, Pisa si configura come un mosaico le cui tessere sono ancora da comporre: si produce del Chianti, e questo lo accomuna alla Toscana enologicamente più classica, ma d’altra parte ci sono produzioni di vini di carattere più meridionale, realizzati a pochi chilometri dal bolgherese a cui si saldano attraverso la Strada del Vino Costa degli Etruschi.  

Stanti questi limiti, il fatto che i produttori più importanti ed affermati fra le Aziende Vinicole di Pisa e Provincia abbiano deciso di aderire a questa  manifestazione indica in positivo una volontà di riguadagnare una Identità Territoriale fin ora ritenuta poco rilevante dal pubblico più vasto. “I Pisani più Schietti 2018”   è un segno tangibile che le cose stanno cambiando. C’è nell’aria la voglia, il desiderio di unire le forze per correre insieme, ognuno a proprio modo, verso un traguardo unico: donare in un bicchiere lo splendore di Pisa. Il  Vino  di Pisa e provincia è Cultura e Tradizione e va tutelato e riconosciuto come un gran valore da parte di tutti. I Vini Bianchi e Rossi di Pisa e provincia meritano tanta attenzione, sono vini interessanti e potenti, che sono prodotti dalla costa tirrenica (Riparbella) fino alle colline che toccano  rinomati borghi storici, come San Miniato, Peccioli, Terricciola e  Volterra.

Il Vino del Territorio di Pisa è anche un forte motivo di richiamo per un Turismo Enogastronomico di Qualità, capace di regalare al Visitatore una città “oltre la Torre” , un gioiello  da scoprire attraverso  percorsi nuovi  in un vasto territorio di antiche origini, un ambiente unico modellato dal lavoro dell’uomo, sintesi delle migliori caratteristiche della Toscana; un paesaggio capace di stupire per varietà, colori e qualità dei prodotti. 

Enjoy it !

Stefania