"Ristorante Le Palette", il rifugio degli artisti. Anacapri

Capri. Napoli parte seconda

“…Sbarcai d’inverno.
Il suo abito di zaffiro
l’isola conservava ai suoi piedi,
e nuda sorgeva nel suo vapore
di cattedrale marina.
Era di pietra la sua bellezza. In ogni
frammento della sua pelle rinverdiva
la primavera pura
che nascondeva nelle fenditure il suo tesoro…”

P. Neruda

Ogni cosa a Napoli è un’esperienza!  C’è sempre qualcosa da raccontare anche dietro na tazzulella di cafè del “Vero bar del Professore” , inventato nel 1996 da Raffaele Ferrieri per proporre qualcosa di nuovo. E il  Ferrieri  ci riesce al punto che il suo ristretto alla nocciola diventa la stella del Made in Italy alla fiera agroalimentare di Osaka .

Sorseggiando l’oro nero di Napoli , ammiro  “Piazza del Plebiscito” in tutta la sua maestosità. Si tratta in origine di uno spazio irregolare dedicato ai festeggiamenti dei sovrani tra tornei, matrimoni, caroselli e gare di armigeri, che  poi tra il 1600 e il 1700 , grazie ai Borbone , si trasforma nel salotto della città partenopea con i suoi  imponenti edifici , quali la “Basilica di San Francesco di Paola”, il “Palazzo Reale”, il “Palazzo della Prefettura” e il “Palazzo Salerno”, un capolavoro tutto italiano protetto al centro dalle due statue equestri di “Ferdinando I” e  “Carlo di Borbone”. Divoro un babbà al gelato di cioccolato, e  carica di energia mi incammino verso il “Molo Beverello di Napoli”  per prendere un aliscafo , direzione paradiso,  Capri

Capri, Marina Grande. Gabriele Massa local tour guide
Capri, Marina Grande. Gabriele Massa local tour guide

Capri è un sogno che si materializza davanti i miei occhi in una mattina caldissima di Luglio. Un’isola dai mille colori, quelli del Sud, che la natura riesce bene a mescolare fino a creare un panorama mozzafiato come quello del ristorante “Le Palette” ad Anacapri, da cui inizia il mio viaggio alla scoperta di uno dei luoghi più visitati e suggestivi al mondo. Gabriele Massa, mio amico e collega sommelier pluristellato e responsabile food & beverage nell’hotellerie di fama nazionale e internazionale, mi aspetta a “Marina Grande” , unico porticciolo dell’isolotto, affollato di turisti , barche,  e yatch di lusso. Gabriele  è il mio Caronte che mi traghetta verso il suo empireo, che ama tanto quanto la bella moglie Raffaella . Gabriele è il classico napoletano pieno di fascino che ti sembra di conoscere da una vita. Casco allacciato  e montiamo su un piccolo scooter bianco , e mi sento per un attimo come in uno degli scatti di Nicolini, quasi un amarcord dei ruggenti anni sessanta. Girando tra le viuzze strette di Capri ombreggiate da bouganville e dipinte dal verde accecante della macchia mediterranea,  ascolto  Gabriele  , la storia di Capri on the road!

 

Storia di Capri

La storia di Capri è legata a quella del Mar Mediterraneo e delle antiche popolazioni che lo hanno attraversato, e che qui si sono stanziate tra Capo Miseno e Punta Campanella ,  teatro di grandi eventi e scambi culturali.  

Abitata sin dalla preistoria come risulta dal ritrovamento di cinte muraria megalitiche, Capri viene successivamente colonizzata prima dai Greci e poi dai Romani come dimostrano i preziosissimi resti classici e l’origine del suo nome dal greco antico “Kapros” (cinghiale) o dal latino “Capraeae” (capre). Da secoli la magia di questo posto rapisce chiunque ci metta piede , primo fra tutti Augusto, che nel 29 a.C. la scioglie dalle dipendenze di Napoli e inizia il suo dominio privato. Il suo successore, l’Imperatore Tiberio, la sceglie invece come sede per le sue manovre politiche sull’impero Romano e fa costruire ben 12 ville, tra cui “Villa Jovis” e “Villa Damecuta” . Durante il Medioevo i Saraceni assaltano Capri , costringendo gli abitanti a spostarsi dal primo agglomerato urbano nei pressi della “Chiesa di San Costanzo” a “Marina Grande” a quello seguente sorto accanto la “Chiesa della Madonna delle Grazie” , vicino l’ attuale “Via Le Botteghe”.  Nel 1371 il Conte Giacomo Arcucci amministra Capri come segretario della regina Giovanna I d’Angiò, e fa edificare la magnifica “Certosa di San Giacomo”, che si annovera tra i monumenti più interessanti da visitare in questo diamante del nostro stivale. Nel XIX secolo Capri è tra i tanti possedimenti contesi tra Inglesi e Francesi nel loro eterno conflitto di supremazia politica in Europa, che finisce con la vittoria dei cugini d’Oltralpe nel 1808 guidati da Gioacchino Murat,  e ivi  restano fino al crollo dell’Impero Napoleonico e il ritorno dei Borbone nel 1815 con Ferdinando IV di NapoliCapri risorge nella seconda metà del XIX secolo , quando diventa una tappa fondamentale del Grand Tour grazie ad una natura immacolata e alla semplicità dei suoi abitanti , che fanno innamorare tutti quei viaggiatori romantici che la costellano di dimore sfavillanti, un  buen retiro per i loro lunghi periodi di voluto esilio artistico e intellettuale. Nel 1826 due stranieri, August Kopisch e Ernst Fries, accompagnati dal pescatore locale Angelo Ferraro, scovano la “Grotta Azzurra”, in realtà già conosciuta da Augusto e Tiberio che la celebrano come loro ninfeo preferito. Questo avvenimento è riportato in un volumetto che al momento della sua pubblicazione è un successo editoriale clamoroso per la descrizione romanzata della bellezza e del mistero di  Capri, cosa che contribuisce alla notorietà di questa piccola oasi che tra il XIX ed il XX secolo passa da un’economia agricola e marinara ad una di tipo turistica di un certo spessore , allorché si arricchisce di una serie di servizi e di infrastrutture moderne ed esclusive che le valgono un decreto governativo che la  dichiara  stazione di cura e villeggiatura per la mitezza del suo clima. Ed è così che la fama di  Capri  di un Eden in cui potere scappare per trovare pace e serenità comincia ad accrescere, annoverando tra i suoi esuli i personaggi più disparati da imprenditori (Friedrich Alfred KruppEdwin Cerio) , medici (Axel Munthe) , premi Nobel (Thomas Mann ), e leader russi  Massimo Gorki e Vladimir Lenin a scrittori del calibro di Pablo NerudaCompton MackenzieJacques d’Adelsward-FersenNorman DouglasFilippo Tommaso Marinetti, Curzio MalaparteGraham GreeneRaffaele La Capria ecc. Negli gli anni cinquanta, quelli del boom economico in Italia,  Capri è la destinazione privilegiata dei regnanti (Re Farouk d’Egitto, lo Scià di Persia con la moglie Soraya) e degli attori più noti (Liz TaylorTotò, Rita Hayworth , ecc) di tutto il globo. Ieri come oggi Capri  affascina con il suo canto, e come una sirena adagiata sul Golfo di Napoli ti distrae dalla tua rotta fino a farti perdere nelle sue dolci acque cristalline.

“Le Palette”, il rifugio degli artisti . Anacapri.  

Quella di Gabriele  non è una favola narrata su due ruote mentre ci inerpichiamo su dei tornanti di roccia calcarea. Le sue parole descrivono un luogo che esiste davvero e che conosco attraverso un caprese DOC e le sue passioni , vino e cibo !

Come presentarvi Gabriele e dire quello che fa? Non so se sarò in grado, perché è come provare a fotografare un uragano! Classe 1969, Gabriele ha  una lunga carriera nel settore dell’enogastronomia ristorativa di lusso da quella caprese (è chef de rang all’hotel “Punta Tragara” ) a quella oltre confine in Svizzera, dove impara il rigore e la precisione del suo lavoro , cosa che, unita all’estro della sua personalità, lo fanno andare lontano viaggiando dall’Austria, e Liguria, fino a New York. Gabriele approfondisce e perfeziona gli studi all’AIS e Fisar da relatore, e impara Inglese, Tedesco e Spagnolo. È anche brand ambassador delle migliori aziende vitivinicole da lui stesso selezionate, tra cui “Sorrentino” a Boscotrecase, e “Gerardo Perillo” ad Avellino, di cui consegna una bottiglia al “Boccone” di Gianluca Ponticorvo che ci fa assaggiare una pizza strepitosa! Il nostro tour prosegue a piedi verso sud ovest ad Anacapri , un delizioso comune alle pendici del Monte Solaro . Ci ritroviamo all’interno del Parco Filosofico, un percorso tra aforismi e massime del pensiero filosofico occidentale e orientale , gestito da una fondazione dell’economista svedese Gunnar Adler Karlsson che abita a pochi passi da qui. Giunti al Belvedere Migliera, lontano dal caos e dalla folla di turisti , circondati da vigneti, giardini curati, pergolati di limoni, e querce secolari cinte dall’edera , improvvisamente mi metto a piangere davanti la vista drammatica dei tre faraglioni capresi . Saetta, Stella,  e Scopolo sono come dei giganti che spuntano dal mare in tutto il loro splendore,  sorvegliati dai gabbiani reali che librano nell’aria insieme a qualche falco pellegrino tra agavi, fichi d’india e ginestre,  posandosi ogni tanto più a Nord in cima sul Faro di punta Carena . Guardare  giù per quegli strapiombi infiniti lo spettacolo della di madre natura che si manifesta in tutto il suo splendore,  ti fa pensare che da qualche parte c’è qualcosa di più grande che manovra le fila della nostra esistenza. Ci lasciamo alle spalle  un orizzonte smisurato dove mare e cielo si confondono in un blu cobalto che ritroviamo nelle maioliche dell’ingresso del “Ristorante da Gelsomina” , in cui ci dirigiamo per  depositare dei liquori. Il proprietario Pasquale D’Ambrosio  ci fa accomodare e ci intrattiene per qualche ora con un antipasto di pomodori secchie su pane casereccio ed un cocktail di benvenuto il “Cosmopolitano” , un mix esplosivo di vodka, cointreaux, e succo di mirto dell’orto antistante questa struttura pensata per i palati più fini e per chi vuole allontanarsi dalla mondanità isolana. Gabriele è un vecchio amico di Pasquale  e dei suoi genitori Gelsomina e Raffaele , che raffigurati in una foto in bianco e nero , sembrano quasi salutarci ed essere felici di sentire il figlio parlarci  del passato del loro originario chiosco di panini e bibite risalente agli anni ’50 , che oggi si è trasformato in una meta obbligatoria per chi vuole recarsi nell’anima più selvaggia  di questo atollo e trovare un po’ di pace, come era solito fare Moravia, o lo scrittore svedese Axel Munthe , che cita Filomena, la mamma di Gelsomina, nel suo libro “Storia di San Michele”. Ciò che conquista sempre più clienti è la loro cucina , che da morbide caciotte, gustose salsicce, ottime conserve e melanzane sottolio , si aggentilisce poi sotto le mani sapienti del loro chef Perillo che prepara ottimi primi, secondi e dessert,  quali:  tortelloni al ragù di pesce, spaghetti alla “chiummenzana”  (una prelibatezza marinara che a quanto pare deriverebbe dal dialetto “chiorma” cioè “ciurma”,  quella cioè dei marinai che prima di riprendere a navigare ne fanno una scorpacciata enorme!) in salsa rossa saltata con aglio, olio e peperoncino, gnocchi di patate allo scoglio con  barbabietole peperoncino ed origano, “sciurilli” (fiori) di zucca in pastella ripieni di ricotta, patate e  totani (pescati a 1000 metri di profondità di  Punta Campanella)  e torta caprese cioccolato .

“Ristorante Le Palette”, il rifugio degli artisti. Anacapri

Si fa ora di pranzo e potete immaginare il mio desiderio di gustare quelle delizie , desiderio che  Gabriele realizza invitandomi in uno dei locali più esclusivi di questo fazzoletto di terra benedetto da Dio, il “Ristorante Le Palette”, fondato nel 1960 dal violinista Paolo Falco e oggi diretto dal giovane imprenditore Alfredo Celio e lo chef Giacomo Olivieri .  Alfredo Celio recupera me e Gabriele con una golf cart,  e dopo qualche convenevole di presentazione,  li ringraziamo per averci fatto risparmiare tanta strada in salita sotto un sole leone, un cadeaux che riservano a pochi! Ci muoviamo attraverso un viottolo irto pieno di ibiscus rossi selvaggi che adornano le facciate bianche di case eleganti, che con le loro persiane azzurre , timidamente spuntano qui e lì tra ville e alberghi sfarzosi, che riempiono come una cornucopia questo pugno di pietre emerso dalle acque milioni di anni fa! Il “J.K. Palace” ed  il “Caesar Augustus” sono per esempio  tra i boutique hotel più faraonici  della zona , senza dimenticare ovviamente il “Punta Tragara“ e il “Quisisana”,  fiore all’occhiello dell’ospitalità di alto livello di Capri  !

Il direttore Alfredo Celio e lo chef Giacomo Olivieri, anima de
Il direttore Alfredo Celio e lo chef Giacomo Olivieri, anima de “Le Palette”

Lo staff del  “Ristorante Le Palette”, ci accoglie nella sua raffinata terrazza panoramica prospiciente la “Baia di Marina Piccola”  con un “Capri DOC 2018” ,  blend di Biancolella, Falanghina e Greco dell’azienda avellinese  “Gerardo Perillo” di Castelfranci. Un bianco limpido dal giallo paglierino, aromatico con i suoi sentori di cedro, mela e fiori bianchi, che ci avvolge con il suo sorso leggero, sapido, minerale, e fresco. Alfredo mi svela che non è facile ripartire dopo l’emergenza Covid  che mette in seria difficoltà Capri  e la sua economia locale . Con quell’umiltà che appartiene solo ai grandi,   Alfredo  mi confessa che l’unica soluzione per lui possibile è portare avanti questo locale storico, che sa i segreti di quell’intellighenzia teutonica che da anni si riunisce qui per discutere di arte e riposare nella sottostante “Pensione Reginella”, oggi diventata un piccolo museo di quella folla di sognatori che ha dormito nei suoi letti,  dai pittori Walter Depas , e Hans Paule  al filosofo Willy Kluck  “l’eremita della Migliera” , alla scultrice  di busti in terracotta Annie Cottreau . Finalmente anche io ho l’opportunità di assaggiare a pranzo una cuisine caprese che rispetta la tradizione e modernizza le ricette della nonna con originalità senza stravolgerle nella loro genuinità , che è la base di piatti di successo appetitosi e indimenticabili come quelli che la raggiante Daniela ci serve abbinati ad altre superbe etichette firmate “Gerardo Perillo” : tartare di tonno marinato in crema di pomodorini secchi e marmellata di arancia, linguine Gragnano condite con una spuma di friarelli e cozze di Capo Miseno (tra le più pregiate d’Italia) e spolverati da un mix piccante di erbe rosse, spigola in crosta di pane,  e un tiramisù con vaniglia. Quel tripudio di odori e sapori che risvegliano tutti i sensi, quel tramonto incombente che sta per spennellare di arancione le scogliere di marna bianca visibile a un metro di distanza, e la  piacevole compagnia di questi tre brillanti napoletani fanno rallentare le lancette dell’orologio . In quel momento l’unica cosa che vorrei è non andare più via! Alla fine però devo svegliarmi! Ci congediamo e ringrazio Alfredo  e la sua calorosa e professionale accoglienza, di quella che puoi avere solo in Campania!

Piazza Umberto, Capri
Piazza Umberto, Capri

Gabriele mi accompagna alla nave ed eccomi di fronte all’effetto Capri , sbaglio infatti l’orario di partenza per Napoli di ben due ore che però recupero approfittando della gentilezza del mio maestro che mi può intrattenere solo per un amaro al “Quisisana Bar” , introducendomi il responsabile Paolo Ruggiero. La tempesta è passata, Gabriele si ritira nelle sue stanze e mi augura di tornare presto, promessa che manterrò a breve, consapevole del fatto che per stargli dietro a Capri necessiterò di un altro paio di scarpe, e di almeno un cambio! Il mio tempo è scaduto, e prima di salutare Capri, mi incontro con il giornalista Luciano Garofano, che per qualche minuto mi concede il piacere della sua presenza per concordare un mio prossimo viaggio in questa perla del  Tirreno per scrivere sul  suo libro “Un’altra Capri” . Chissà magari mi ricapiterà di prendere appunti in questo stesso tavolino del “Bar Tiberio” nella paparazzatissima “Piazza Umberto”, emblema della dolce vita caprese che fa girare la testa a tutto il pianeta come era in grado di fare solo Brigitte Bardot, quando qui adagiava i suoi sandali  dopo aver fatto shopping scalza a via delle Camerelle!

Faraglioni di Capri
Faraglioni di Capri

Enjoy it!  

Stefania

 

Sorrentino Cantina Vesuvio

Sorrentino Cantina del Vesuvio

“Io amo la luna, assai più del sole. Amo la notte, le strade vuote, morte, la campagna buia, con le ombre, i fruscii, le rane che fanno cra cra, l’eleganza tetra della notte. È bella la notte: bella quanto il giorno è volgare. Io amo tutto ciò che è scuro, tranquillo, senza rumore. La risata fa rumore. Come il giorno.”
Totò

Via Toledo 156, la porta per Napoli

Un racconto ha un inizio, una continuazione ed una fine, ma non quello del mio viaggio a Napoli, perché, come in uno breve di Čechov, non puoi scrivere in maniera regolare in quanto di regolare non ti capita nulla in questa città, che ti incanta e ammalia proprio come il canto della sirena Partenope , che la partorisce trasformandosi in scoglio per il dolore inflittole dal fallito tentativo di sedurre  l’insensibile Ulisse.  

La porta per Napoli me la aprono la bella e affascinante Roberta di Porzio, e  l’eclettico Salvatore di Vaia proprietari dell’ “In Centro Bed & Breakfast” sito in  via Toledo 156 Proprio da via Toledo, arteria principale di Napoli che ti porta ovunque e meta preferita degli viaggatori del Grand Tour (a cui sono sentimentalmente legata , scherzo del destino non so!), comincia la mia avventura. Avventura che però vi svelo a ritroso, partendo dal cuore del mio itinerario campano presso la “Cantina Sorrentino” nel Vesuvio (1281 mt) e il ristorante “Le Palette” a Capri sotto la guida dell’indimenticabile maître  stellato Gabriele Massa. Tutti questi sono dei personaggi singolari,  difficili da descrivere tout court per l’alto spessore del loro essere, del loro vissuto e dell’attaccamento incondizionato alle loro radici, e perciò riserverò a ognuno di loro un articolo per potere anche io rendermi conto in prima persona dell’esperienza unica di questi cinque giorni travolgenti a Napoli !

“InCentro B&B “, Via Toledo, 156, Napoli

2 Luglio 2020, Napoli. Mi sveglio  di buon ora nel mio “In Centro Bed & Breakfast” di  via Toledo 156  tra le lenzuola candide della mia stanza regale ‘Posillipo, letteralmente il mio “riposo dagli affanni” in linea con  il significato del termine greco “Pausilypon” da cui deriva,  che oltretutto firma anche uno dei quartieri più suggestivi di Napoli.  Questa suite infatti , che è un negativo dell’ingegno di  Roberta  realizzato  in positivo dalla maestria di  Salvatore , è il mio approdo dove gettare l’ancora per rilassarmi, tra gli arredi che la trasformano in una piccola barca che rimane ferma nel blu polvere delle sue pareti e sotto il soffitto sintesi di una vela illuminata in notturna . Abbandono il mio “In Centro Bed & Breakfast” , e mi avvio tra la folla per il mio primo caffè nero bollente a Napoli all’ “Augustus”,  uno dei suoi bar più storici; non mi faccio ovviamente mancare nulla sfogliatella alla ricotta compresa, emblema della ricca tradizione dolciaria partenopea. La voglia di vagare è più forte del caldo africano della mattinata e facendomi coraggio mi dirigo verso la vicina  “Metropolitana Toledo”, che già di per sé è un capolavoro,  con le sue maioliche azzurre fuoriuscite dalla testa dell’artista catalano Oscar Tusquets . Il design al servizio della funzionalità e viceversa per creare un museo all’aperto “al costo di una corsa in metro”, parafrasando il critico Achille Bonito Oliva: questo è il trend di un progetto di riqualificazione urbana della Napoli contemporanea, cioè quello di riportare l’arte nella vita quotidiana della gente, all’interno dell’ urbe per conferire un’identità ai “non luoghi” utilizzando spazi comuni dove si supera il concetto di decorazione. Giunta alla Stazione Garibaldi prendo la Circumvesuviana per vedere Sorrento e poi direzione  “Cantina Sorrentino”!

 

Storia della famiglia Sorrentino

Dopo un’ora in un regionale veloce e senza aria condizionata (il lato oscuro di  Napoli !)  sono a Sorrento . Percorro le viuzze del centro piene di negozietti di limoncelli e souvenir fino a Piazza Tasso adornata dalla statua del patrono Sant’Antonio Abbate , e  mi rifugio immediatamente all’ombra di un chioschetto per  rianimarmi dall’afa con una spremuta d’arancia ghiacciata.  Piazza Tasso è il  salotto di Sorrento che omaggia l’illustre e omonimo poeta Torquato Tasso,  che ha i suoi natali in questo paesino incastonato tra agrumi e acque azzurre cristalline. Subito dopo Corso Italia,  mi appare in tutto il suo  splendore Marina Grande, e appena affondo i piedi nella sabbia dorata socchiudo gli occhi ed  immagino Sorrento  come in cartolina frequentata da star del calibro di Sofia LorenVittorio De Sica Dino Risi.

Purtroppo visito Sorrento  di fretta perché raggiungo  Torre Annunziata  , dove mi aspetta sorridente e solare  Giuseppe Sorrentino   titolare della  “Cantina Sorrentino”  , che mi invita per un’intervista.  La fortuna premia gli audaci specie se entri nelle grazie del cosmopolita  Gabriele Massa che mi fornisce il prezioso contatto! Entriamo in macchina e pochi minuti dopo di tragitto, da lontano si scorge un agglomerato di case, che man mano che ci avviciniamo prendono forma: ci fermiamo a Boscotrecase il gioiello di Giuseppe  che dal 1337 , quando è poco più di un folto bosco detto  “Sylva Mala” con tre monasteri religiosi e una riserva di caccia angioina, successivamente  prospera in un delizioso borgo nel cuore del Parco del Vesuvio  a circa 250 metri sopra il livello del mare.  

Sorrentino Cantina Vesuvio

Sorrentino Cantina Vesuvio

Mentre guida  Giuseppe  mi parla dell’amore per la sua famiglia e della loro azienda la “Cantina Sorrentino”, che da tre generazioni produce vini di altissima qualità, olio, confetture, e il Pomodorino del Piennolo del Vesuvio D.O.P., un fiore all’ occhiello dell’agricoltura campana, orgoglio puro per la sua squisitezza tanto da essere perfino rappresentato nella scena del tradizionale presepe napoletano. Giuseppe  mi fa scendere dalla sua vettura che di bianco ormai non ha più nulla per via del polverone grigio che la copre per intero appena parcheggia davanti l’ingresso della cantina.  La tenuta consiste di 35 ettari di proprietà prospiciente  il Vesuvio che fa da sfondo al mio pranzo luculliano all’interno dell’elegantissima e minimale sala degustazione, un terrazzo in legno tutto a vetrate che si staglia sulla penisola Sorrentina, Capri,  Pompei e l’isolotto di Rovigliano, una fortezza costruita dagli aragonesi per difendere quei confini. Dalla cucina a vista gestita da mamma Angela Cascone, esce il menù del giorno rigorosamente a chilometri zero: una bruschetta rossa adagiata su un contorno di melanzane e zucchine grigliate, olive verdi, formaggi e salumi locali , degli spaghetti  sciuè sciuè , cioè in dialetto preparati veloci  con sugo di pummarola fresca , basilico e parmigiano, che ti mettono in pace con il mondo, e per finire una cocotte di parmigiana da urlo! Quelle pietanze sconvolgono i miei sensi e mi riportano per un attimo alla mia Sicilia, con cui Napoli condivide, oltre che la prelibatezza e la semplicità degli ingredienti di una gloriosa e acclamata gastronomia, una storia antica quanto l’uomo. Giuseppe è di una ospitalità disarmante, la sua professionalità e nobiltà d’animo è lampante, la respiri nell’aria in ogni gesto, in ogni parola spesa per conversare della sua vita, dei suoi affetti, del suo lavoro e dei suoi sogni che si intersecano l’uno con l’altro senza problemi chiudendo il cerchio della sua esistenza che è assolutamente felice. E come non esserlo in quel paradiso terrestre che,  come mi spiega Giuseppe davanti alla prima  bollicina di benvenuto, è  quel lembo di Eden rubato da Lucifero angelo del male e collocato poi nel Golfo di Napoli dopo la sua cacciata dal regno dei cieli. Quest’ultima è una perdita inaudita che addolora Cristo a tal punto che ivi piangendo irriga le viscere di questa terra mutando le sue lacrime soavi in vino, la “DOC Lacryma Christi”, punta di diamante della “Cantina Sorrentino” , che dal 1983 raggruppa tutte quelle viti secolari e indigene dei 15 comuni adiacenti al sinuoso vulcano che hanno una storia  che si perde nella notte dei tempi. Distratta di volta in volta dal suono assordante delle cicale e dalla suggestività di quei paesaggi infiniti che si confondono tra il Tirreno e la volta celeste,  rimango immobile ad ascoltare Giuseppe , che mi confida i segreti di un podere che da rustico e prevalentemente sfruttato per l’economia domestica nel 1800 è diventato oggi la “Cantina Sorrentino”, un’impresa agricola di importanza rilevante per la crescita e lo sviluppo di tutta la filiera produttiva, commerciale e turistica,  curata in ogni particolare, dove nulla è lasciato al caso.

Nonna Benigna

Il traino per la realizzazione di un business autentico per la  “Cantina Sorrentino” è nonna Benigna , che, classe 1953 e cresciuta a pane e vino, eredita dei possedimenti e , dopo qualche tentennamento nel cambiare rotta perché stanca della vita agreste, nel 1965 , quando prevale l’autentica sua vena di contadina esperta e savia, finisce  per organizzare tutti i suoi averi e quelli del marito per custodire e tramandare a prole e nipoti  i suoi tesori, dai vitigni autoctoni a tante varietà di frutta e ortaggi.  Da allora l’attività passa nelle mani del figlio Paolo Sorrentino che alterna giacca e cravatta in banca a guantoni da imprenditore agricolo.  Nel 1988 Paolo  intesta tutti i beni alla moglie Angela portando avanti un impero, che poi a partire dal 2001, è gelosamente e attivamente gestito dalle sue creature:  il più grande Giuseppe , senior manager e addetto alle pubbliche relazioni , e le figlie Benigna , l’enologa,  e Maria Paola , la responsabile marketing e comunicazione. A loro fianco si aggiungono nuove figure di esperti enoici da Bonaiuto Santolo e Marco Stefanini a Carmine Valentino, l’ultimo rimasto fino al 2010. C’è una forte identità in questa cantina, i  “Sorrentino” sono degli appassionati di vino e sono consapevoli della responsabilità che ricoprono, e la loro energia e competenza è devoluta al mantenimento degli elevati standard qualitativi del  vino vesuviano che, come tutto l’oro rosso e bianco delle cinte vulcaniche, oggi è di nicchia, ricercato in tutto il mondo e sicuramente molto di moda. Ci sono delle ragioni valide a tutto questo e ciò è da ricercarsi nella natura dei terreni e nelle caratteristiche pedoclimatiche dei vitigni aziendali, che si estendono in filari di un verde rigoglioso tutto attorno alla “muntagna” , come i napoletani si rivolgono affettuosamente e riverentemente al Vesuvio. Andiamo a capire il perché dell’eccezionalità di questo terroir !  


 

Il Vesuvio e il nettare divino

I vulcani esercitano un fascino misterioso. Sono montagne vive, mutevoli, in grado di fare affiorare in superficie l’anima calda del pianeta, e il loro ambiente circostante è di una suggestione ancestrale, che ci riporta agli albori del primo motore. I vini del Vesuvio  sono introvabili altrove, perché è un luogo magico e senza pari, pur tristemente celebre per la terribile eruzione del 79 d.C. che rade al suolo Ercolano e Pompei, oggi tra i siti archeologici più famosi e visitati del globo.

Tuttavia, il Vesuvio non è solo simbolo e testimonianza del passato, ma anche di come la vite dimora da millenni e fa da padrona nel Golfo di Napoli e nel suo entroterra sin dai primi insediamenti greci del XVIII secolo a.C. tra Ischia e Cuma. All’epoca degli antichi Romani, la Campania è rinomata per il ben noto “Falerno”, e anche quando la viticoltura si diffonde nelle nuove colonie dell’Impero, in particolare in Spagna e nel sud della Francia, i vini vesuviani si distinguono e sono richiesti per il loro valore indiscusso. Gli scavi presso la “Villa Augustea di Somma Vesuviana” (II secolo d. C.) stanno portando alla luce una dimora di campagna considerata il più clamoroso esempio di vinificazione dell’antichità, che ci conferma come la cultura e il commercio del vino è da sempre centrale in questi spazi vegliati da madre Vesuvio. Si tratta di un patrimonio enorme , una distesa di terreni lavorabili fino ad un massimo di altitudine che va dai 280 ai 780 metri, oltre i quali si trovano solo scenari lunari, una fonte di ricchezza custodita e regolamentata dal  “Consorzio Tutela dei Vini del Vesuvio” risalente al 2015. Quest’ultimo persegue l’obiettivo di migliorare la viticultura portandola al massimo delle sue potenzialità, rivisitando il sapere secolare per le colture di questi posti in chiave moderna grazie all’utilizzo della tecnologia per tutto ciò che serve a garantirne il pregio, il monitoraggio e favorire la sperimentazione, cosa che sta alla base della filosofia aziendale della cantina “Cantina Sorrentino” , che ne è membro attivo! Ma cos’è che rende i “Vini Sorrentino” così speciali come quelli che degusto davanti al panorama mozzafiato del Golfo di Napoli insieme a Giuseppe cantastorie e nume del Vesuvio ? La risposta è nei suoli vulcanici (tra i più vasti dell’Europa continentale con riferimento ai crateri esplosivi ancora attivi) da cui questi vini sono generati, la cui fertilità è conseguenza delle varie eruzioni nel versante sud -occidentale dove stanno i vigneti aziendali, che lo arricchiscono di minerali, pietre pomici, lapilli e potassio. Se a ciò si aggiunge un clima mite in inverno e caldo d’estate, e una posizione geografica che risente dell’influsso marino e di un’importante ventosità moderata dall’azione riparatrice delle catene montuose, si può intuire l’incomparabile tipicità di queste viti tra le poche a essere a piede franco grazie all’azione della sabbia, che le nutre e le ha difese dagli effetti nefasti della fillossera di fine Ottocento. Inoltre, alta porosità del sottosuolo e costante stress idrico costituiscono un’arma efficace contro gli attacchi di patogeni, favorendo così spontaneamente la conduzione biologica dei vigneti della “Cantina Sorrentino”, da cui sortiscono prodotti sani che vengono trasformati in modo naturale senza sconvolgere chimicamente le loro potenzialità. Ed è in questi strati di basalto che prosperano le secolari varietà autoctone vesuviane, quali CaprettoneFalanghinaCatalanescaPiedirosso e Aglianico , che formano il  “ Lacryma Christi DOC” , che secondo il recente disciplinare del 1983 può essere bianco, rosso e rosato. La “Cantina Sorrentino” rappresenta egregiamente il  “ Lacryma Christi DOC” con le sue tre linee aziendali “Bollicine”, “Classica” e “Prodivi”, trattando i vitigni vesuviani secondo le esigenze che richiedono quali: uso di appropriati sistemi di allevamento (da quello usuale della pergola a quello più recente della spalliera), accurata selezione delle uve, terrazzamenti , orientamento studiato dei filari , rese equilibrate , ed infine un lavoro impeccabile in cantina.

Lacryma Christi DOC Vini del Vesuvio

Incontrare Giuseppe è una buona stella, perché ho modo di assaggiare questi ricercati vini vesuviani attraverso alcune delle migliori  etichette della “Cantina Sorrentino” , create apposta per il piacere del palato e della mente:

  • “Dorè Lacryma Christi del Vesuvio Bianco Spumante DOC”: è in assoluto il primo maestoso tentativo di Metodo Charmat da  “DOC Lacryma Christi” a partire da Caprettone per il  90% e Falanghina per il rimanente 10%, come Giuseppe vuole sottolineare  chiamandolo apposta “Dorè”, ossia duplice ossequio  alla musica e alla grandezza reale di  Carlo D’Angio. Questo spumante fa affinamento per otto mesi in tini di acciaio con delle bollicine tanto fini da sembrare quasi evanescenti, ha un bel colore giallo paglierino chiaro, e sprigiona degli aromi fini e floreali, alla bocca ha un gusto etereo e fruttato, ed è perfetto da abbinare con antipasti e golosità di mare,  e  secondi di carne bianca;
  • “Benita 31 Caprettone DOC Bio 2019”: in onore della nonna Benigna, è un vino biologico di Caprettone in purezza. L’etimologia di Caprettone potrebbe fare riferimento alla forma del grappolo, che ricorda la barbetta della capra, oppure ai pastori suoi probabili originari coltivatori. A lungo  scambiato per il più affermato “Coda di Volpe”, il vitigno Caprettone viene alla ribalta nel 2014 con l’inserimento della varietà nel “Registro Nazionale delle Varietà di Vite (Mipaaf)”, catturando l’attenzione di tanti sommelier ed estimatori, che stanno contribuendo efficacemente al posizionamento del vino sulle principali piazze internazionali. “Benita 31 Caprettone DOC 2019”  è un bianco piacevole, deciso al naso con delle note minerali di grafite, mediterraneo nei sentori di finocchietto e timo e piacevolmente agrumato nei toni del bergamotto. Il sorso rimanda ad un’energia piena e succosa e con il suo finale lungo di note balsamiche di menta è l’ideale per calmare l’arsura estiva,  magari davanti a delle invitanti linguine allo scoglio;
  • “Vigna Lapilli Lacryma Christi del Vesuvio Bianco DOC Superiore 2018”: nasce da uve selezionate di Caprettone 80% e Falanghina 20% del vigneto “Vigna Lapillo” pieno appunto di lava e lapilli che si riflettono nella mineralità e grazia di questo bianco dal colore giallo paglierino, dal profumo intenso, che è corposo al gusto con sentori fruttati di mandorla, pesca bianca e pera. Se siete travolti dalla bontà di crostacei e molluschi, è il suo!
  • “Lacryma Cristi del Vesuvio Rosato DOC Bio 2018”: da  Piedirosso 100%  è il rosé per ogni tipo di banchetto, che dona piacere tanto alle papille gustative quanto alla vista.
    Un rosato dal colore cerasuolo che colpisce per la sua mineralità , il suo essere amabilmente fruttato, e  che  si presta a essere d’accompagnamento per arrosti di carne bianca, risotti, pesci tipici del napoletano, o per la classica zuppa di polipi servita con salsa di Pomodorini del Piennolo del Vesuvio D.O.P.;
  • “7 Moggi Vesuvio Piedirosso Bio 2018”: intitolato al “moggio” unità di misura agraria vesuviana corrispondente ad un terzo di un ettaro, questo rosso dal profondo color rubino è fuoriuscito dalle mani di papà Paolo che compra altra terra ove semina Piedirosso di cui questo rosso è fatto al 100% ; si presenta fruttato al naso e morbido al palato
    e la sua dolcezza  simile a quella del Pinot Nero gli consente di sposarsi con cibi molto diversi tra loro, come lasagnette di pesce azzurro e pomodorini, ma anche pizza e formaggi assortiti;
  • Lacryma Christi Rosso Vesuvio Bio 2016”:  proviene dai 500 m2 dati in gestione agli apicoltori , e da questo punto di alta salubrità dell’aria,  viene fuori  un rosso di  Piedirosso 80% e Aglianico 20%  , contraddistinto  da un forte  colore rubino e dalle sue inconfondibili  note di more; in bocca è molto asciutto e  leggero,  ma l’affinamento di 12 mesi in botte grande Allier di rovere sloveno ed altri 14 in bottiglia gli rilascia una punta di  piccantezza e liquirizia, giusto carni, paste e agnello.
Napoli nel cuore
Napoli nel cuore

Inebriata dai “Vini Sorrentino” mi incammino con  Giuseppe  all’interno del Parco del Vesuvio, la cui bellezza smorza di poco i fumi dell’alcol, perché  mi perdo tra le magnifiche vigne aziendali che abbracciano dei casolari  ristrutturati a Guest Houses  per la gioia dei Wine Lovers . I “Sorrentino” sanno trasmettere il Vesuvio con i loro vini, e offrono anche una superba  Bed & Wine Experience” a tutti quei viaggiatori che vogliono concedersi una fuga per connettersi con il proprio Io, lontano dal rumore, dal caos cittadino, da ogni pensiero, al fine di ritrovare quel senso di libertà che è facile recuperare in questo pianeta incandescente e selvaggio aggentilito dalla mano sapiente di chi ci abita e lo venera da millenni. I “Sorrentino” ti viziano dandoti la possibilità di essere coccolati dai loro servizi di gamma  “Vesuvio Inn” : da quelli più pratici quali transfer da e per l’aeroporto, porto , stazione e parcheggio gratuito, a quelli più sofisticati quali quelli di Horse Tours”, “Cooking Classes” e colazione a bordo piscina . I “Sorrentino” mettono a disposizione anche una depandance collegata alla cantina (in cui aprirà il loro prossimo ristorante ) che ospita delle camere deluxe che vi faranno innamorare di Napoli e che non vi toglierete più di dosso. Proprio come è successo a me! L’unica cosa che rimpiango é l’essere andata via così presto, ma il rimedio è tornarci !

Enjoy it!

Stefania

 

 

 

 

 

Wolfgang Reitzle

Villa Santo Stefano, Lucca

“Chi non ama le donne, il vino e il canto è solo un matto non un santo”.
A. Schopenhauer

Villa Santo Stefano, Lucca

L’ esplosiva e poliedrica Claudia Marinelli , responsabile della società di comunicazione e marketing ‘Darwin & Food’,  mi invita alla ‘Festa del Loto, un evento indimenticabile per conoscere le migliori etichette di ‘Villa Santo Stefano’, una cantina quasi surreale per beltà, che sta nascosta , ma ancora per poco,  tra le magnifiche e dolci colline lucchesi a Pieve di Santo Stefano. 

Mattina del 6 Luglio, 2020. Un sole cocente e un po’ di smarrimento in macchina per delle stradine strette e irte non mi fermano per raggiungere ‘Villa Santo Stefano’, e non finirò mai di ringraziare Claudia per l’opportunità di scoprire un tesoro inestimabile per persone, paesaggi e vini di grande eleganza con un’ ottimo rapporto qualità prezzo che esprimono al meglio  la bellezza, la cultura, l’arte e la tradizione enogastronomica della Toscana. Arrivata a destinazione lo staff di ‘Villa Santo Stefano’ ci accoglie con un sorriso enorme e ci fa accomodare all’ interno della sala degustazione, dove, persi e ammaliati dalla raffinatezza degli interni e dell’apparecchiatura, stiamo fermi e immobili ad ascoltare la storia della tenuta attraverso le parole dell’ ingegnere tedesco Wolfgang Reitzle, che ne è proprietario e fondatore  insieme alla moglie, la giornalista e presentatrice alemanna Nina Ruge.

Wolfgang Reitzle
Wolfgang Reitzle

Wolfgang Reitzle , un sogno diventato realtà

Wolfgang Reitzle è un signore alto , distinto , di una classe innata, che dà il benvenuto a me ed altri giornalisti e blogger nel suo regno, felice  di parlare  di come nel tempo è riuscito a trasformare la sua passione per il vino in un lavoro, che adesso  si è  materializzato in  ‘Villa Santo Stefano’, un’ azienda agricola a metà tra  sogno e realtà.

Wolfgang Reitzle, ex dirigente della BMW e poi CEO della Ford, ci spiega che tutto è nato quasi per caso. Sin da piccolo Wolfgang Reitzle si reca frequentemente  in Toscana  per le vacanze  con la sua famiglia e da allora il desiderio di viverci è forte, a tal punto che poi , nel corso della sua vita e  carriera lavorativa , decide di trovarsi un angolo di paradiso nella regione più amata d’Italia. Wolfgang Reitzle  vuole creare così un posto dove coltivare la vite e produrre nettari divini  fatti di vitigni locali come Sangiovese, Ciliegiolo, Colorino, Canaiolo e Vermentino, insieme ad altri alloctoni quali Merlot, Petit Verdot, Cabernet Sauvignon ed Alicante. L’ occasione è il 2001 quando Wolfgang Reitzle acquista  la “Villa Bertolli”, situata in Lucchesia, assieme ad alcuni oliveti e ad un vigneto di circa un ettaro. A seguito della cessione, da parte della famiglia Bertolli, dell’omonimo marchio a Unilever, i signori Reitzle e Ruge ribattezzano la villa in onore della pittoresca ‘Pieve del IX secolo’ che si trova nelle immediate vicinanze. Così nasce ‘Villa Santo Stefano’.

Wolfgang Reitzle ci confessa che non è facile mettere in piedi un’impresa agricola di tale portata e da straniero in Italia, perché ci sono molti problemi burocratici e logistici da risolvere, non ultimo l’interrogativo se fare tutto ciò è da pazzi o da pionieri! Da grande uomo di affari qual è Wolfgang Reitzle riesce nel suo intento e dal 2005 a oggi l’avventura continua con successo  grazie anche al supporto dei suoi affetti e dei suoi fidati collaboratori nelle figure del manager direzionale Alessandro Garzi, dell’enologo Alessio Farnesi , dell’agronomo Antonio Spurio, e  della responsabile marketing Petra Pforr. Al momento l’azienda rileva, nei suoi 11 ettari di terreno, circa 30.000 bottiglie tra vino rosso e bianco (esportati per il 20% in Versilia e il restante tra Svizzera e Germania), nonché 2500 litri di olio extravergine di oliva. La filosofia che guida la ‘Società Agricola Villa Santo Stefano’ è la ricerca della perfezione nel fare vino ed olio sfruttando al massimo tutte le potenzialità di questo fazzoletto di terra benedetto da Dio.

I vini di 'Villa Santo Stefano'Le migliori etichette di ‘Villa Santo Stefano’ per ‘Darwin & Food’

 

I Vini di Villa Santo Stefano

I vini di ‘Villa Santo Stefano’ sono particolari, biologici, strutturati i rossi e leggiadri i bianchi, ed assaggiare un calice di vino lucchese è un’esperienza speciale che ancora una volta conferma la ricchezza e la varietà enoica della Toscana senza passare per forza attraverso nomi blasonati!

Una delle caratteristiche più distintive dei vini di  ‘Villa Santo Stefano’ è la sapiente mescolanza di vitigni autoctoni con varietà di origine francese, oltre un terroir da manuale fatto di peculiarità pedoclimatiche esclusive. Queste ultime sono i terreni misti e prevalentemente argillosi, una temperatura mite tutto l’anno e una combinazione di vicinanza al mare e montagna che conferisce a questi vini il loro sapore distinto, come ho modo di provare nella degustazione dei seguenti vini:

  • ‘Gioia 2018 e 2019’ : IGT Toscano, è un vino bianco 100 % Vermentino, che cresce spontaneo dalla Lucchesia alla Liguria e che proviene da un vitigno adiacente l’azienda esposto a Sud vicino alle spiagge della Versilia distanti circa 20 km , un microclima straordinario che si riflette nell’aroma fragrante del vino stesso. La selezione e la raccolta delle uve , è eseguita scrupolosamente a mano, e dopo la diraspatura e pigiatura, le uve subiscono una leggera macerazione di qualche ora prima di essere vinificate in bianco. La fermentazione dura dai 15 ai 20 giorni e si avvale delle tecnologie più innovative, il processo avviene infatti in vasche di acciaio a temperatura controllata tra i 15° e i 16°. Questo vino bianco, nelle due diverse annate, possiede un bouquet armonico e fruttato, una buona acidità e un tocco di mineralità che si avverte nel finale;
  • ‘Luna 2019’ : 50% Merlot e 50% Sangiovese è un rosé sobrio, che va bene su tutte le portate di mare e di carni bianche ed è perfetto anche per un aperitivo; ha un colore rosa provenzale, al naso è pulito con profumi che ricordano la pesca bianca e la buccia di mela rossa;
  • ‘Volo 2019’ : IGT Toscano 40% Petit Verdot, 40% Cabernet Sauvignon e 20% Alicante, è un vino che si presenta con un colore rosso intenso e con sfumature violacee frutto della sua giovane età. Al naso è floreale, con note di prugne, more e ciliegie, con un finale delicato di cipria. Al palato si esprime frizzante, con un buon tannino ed un’ acidità equilibrata  che lo fanno diventare di gradevole beva;
  • ‘Sereno 2016, 2017 e 2018’ : è una ‘DOC Colline Lucchesi’ fatto da  80% di Sangiovese e 20% tra Ciliegiolo e da altri vitigni del posto. Si tratta di un vino dal colore rosso rubino con riflessi porpora, al naso  note di violetta, frutti rossi e spezie. Al palato è morbido con un finale gradevole di frutta;
  • ‘Loto 2015, 2017 e 2018’ : è il vino più pregiato di ‘Villa Santo Stefano’ fatto di  50% Cabernet Sauvignon,  40% Merlot e 10% Petit Verdot . Per ogni vite vengono selezionati non più di quattro grappoli, per garantire il massimo della resa da ogni pianta. Nel 2015 è stato installato un impianto computerizzato ad alta tecnologia utilizzato per garantire un processo di fermentazione e vinificazione ottimale. Di norma, il processo di fermentazione dura 12 giorni. L’affinamento dura, a seconda della tipologia di uva e dell’annata, dai 12 ai 18 mesi ed avviene in pregiate barrique francesi, in una barriccaia a temperatura (15°C) e umidità (83%) controllate. Il tipo di legno utilizzato per le barrique viene selezionato a seconda della tipologia di uva. Al termine dell’affinamento viene composta la cuvée e viene quindi imbottigliato il vino, che dovrà attendere almeno altri 6 mesi prima di essere distribuito. Questo è un vino di spessore, di corpo, che si presenta con un colore che può arrivare al rosso rubino intenso ed ha sentori di frutti di bosco, tabacco e vaniglia.
Claudia Marinelli , Darwin & Food

Tra una chiacchiera e l’altra il tempo vola ed è ora di pranzare nello splendido giardino di ‘Villa Santo Stefano’, dove ci sono tavoli superbamente imbanditi, sparsi tra fontane zampillanti di acqua e alberi abbracciati da boccioli di rosa.

Il nostro pergolato ci protegge un po’ dalla calura estiva che finisce di darci fastidio non appena lo chef Riccardo Santini del Vignaccio ci annuncia il menù della festa: una panzanella di pomodoro e cipolle all’aceto balsamico, una torta lunigiana  d’Erbi di bietole spinaci e rapini, uno sformato di fagiolini e formaggio di Scoppolato di Pedona, faraona, zuppa di porro e patate e a finire un sorbetto al melone per pulire la bocca.

Barriccaia di ‘Villa Santo Stefano’

‘Villa Santo Stefano’ è un borgo incantato che ti strega non appena varchi il cancello all’entrata, dove perdersi e rilassarsi tra lusso e  vini pregiati che danno il meglio riposando a lungo, pronti così per essere stappati e consumati a celebrare un momento speciale, che è sempre quello che vivi e non quello che aspetti!

Enjoy it 

Stefania

Cantina Michele Satta

Michele Satta, Bolgheri

L’essenziale è invisibile agli occhi”. 
Antoine de Saint-Exupéry

Michele Satta, un giorno in Cantina

I vini di Michele Satta sono l’essenza di Bolgheri e raccontano la Toscana.   La Toscana è maledetta, pensi di starci poco e poi ci rimani stanziale! Michele Satta, uno tra gli storici winemaker di Bolgheri, è stato vittima di questo incantesimo, quando appena diciannovenne nel 1974 , ci trascorre le vacanze di famiglia. Come biasimarlo, la Toscana rapisce anche me, che nel  mio peregrinare dalla Sicilia ci finisco per scelta,  galeotta  una gita scolastica del liceo a Firenze. Vi risparmio questo lungo aneddoto, e sono qui per condividere con voi la scoperta di un altro angolo di paradiso posto tra Nord e Sud , perfetto bilanciamento degli opposti!

Novembre 2019, una mattina soleggiata e si parte in macchina lungo le vie strette che in pianura si srotolano come tappeti d’erba puntellati da papaveri, trifogli e alberi maestosi.  Direzione Bolgheri, destinazione la cantina di Michele Satta, che mi inebria con il suo ‘Bolgheri Rosso’ qualche Pasqua fa a una cena all’ ‘Osteria San Guido’, vivamente consigliata per chi vuol perdersi tra i sapori , le meraviglie e i tesori  di questa regione centrale da annoverare  tra i patrimoni dell’UNESCO.

Michele Satta
Matteo Bonaguidi racconta i vini di Michele Satta 

Ad accogliere me e gli altri ospiti da Michele Satta è Matteo Bonaguidi, un giovane e brillante sommelier. L’ ingresso semplice e minimale della cantina  inganna perché la sua struttura invece si impone con tutta la modernità, la raffinatezza e la maestosità dell’architettura dei suoi due piani, quello sotterraneo per l’affinamento dei vini, e la terrazza panoramica prospiciente la famosa Costa degli Estruschi, dove siamo riuniti per ascoltare i segreti di Michele Satta. Appoggiandosi al muretto rovente della balconata, Matteo  ci  indica un punto preciso di Bolgheri tra acque trasparenti, cielo ed ulivi da cui inizia l’avventura di Michele Satta. Si tratta della ‘Vigna del Cavaliere’, il cui rudere è l’ombelico di quella che adesso è una superficie vitata di 24 ettari con una media di 150.000 bottiglie annue ottenute tutte da uva propria. In questa area benedetta da Dio il vino è nato molto prima dell’uomo, il vino qui è cultura, è tradizione, è l’anima stessa di Bolgheri che Michele Satta è riuscito perfettamente a svelare e che noi apprendiamo attraverso le parole di Matteo prima del banchetto!

Michele Satta, l’uomo

Sant’ Ambrogio Olona, un paesino vicino Varese, da i natali a  Michele Satta, che è di sangue mezzo sardo e mezzo piemontese. Dopo il Classico il giovane varesino si iscrive ad Agraria a Milano per un richiamo istintivo verso la natura, che da bimbetto in villeggiatura gli appare in tutta la sua magnificenza ora sotto forma di paesaggi nudi brulicanti di pecore e spiagge bianche della Sardegna ora sotto forma di girasoli e dolci pendii della Toscana.

E tra una punta e l’altra dello stivale con le sue diramazioni isolane, come la verità che sta in mezzo, Michele Satta si ritrova a vivere a Castagneto Carducci inizialmente metà estiva per un impiego occasionale da fattore propostogli da un amico del padre ingegnere. Nulla è per caso, ed evidentemente c’è una linea sottile, misteriosa, l’Io più profondo, che unisce tutti questi eventi e che spingono Michele Satta a spiegare le vele verso il suo porto. Così ventiquattrenne Michele Satta continua l’università a Pisa e sposa Lucia da cui ha sei figli, di cui Giacomo, l’enologo, e Benedetta, responsabile comunicazione, costituiscono l’asse portante dell’azienda agricola. Il 1983 è un periodo faticoso per  Michele Satta , che però lo tempra e lo fortifica nello spirito.  Per mandare avanti la baracca si sporca le mani, quelle stesse con cui sfoglia i libri da cui apprende con passione l’Ars Agricolae,  ma la poesia dura davvero poco!  Michele Satta  è infatti testimone di un’agricoltura che sta mutando a vista d’occhio, si sta ammodernando con il conseguente e negativo effetto di prediligere la quantità alla qualità e ciò fa abbassare i costi della merce. Non si guadagna molto con quella fattoria ormai fuori moda di appena settanta ettari coltivati a pesche, fragole, carciofi, grano, e un po’ di vigna rivenduti per una miseria ogni mattina all’alba ai mercati centrali limitrofi.  Michele Satta ce la mette tutta per fare funzionare gli ingranaggi di una macchina che però ormai è al collasso, come le sue finanze. C’è da affannarsi il pane tanto quanto basta per sfamare la cospicua prole. Un concorso in banca a Roma potrebbe essere l’ancora di salvezza, un peso troppo grande tuttavia da sopportare, allorché da parte del suo vecchio capo sopraggiunge la proposta di curare la parte commerciale e i proventi delle vigne della stessa fattoria che abbandona in preecedenza per sfinimento! Michele Satta non esita neppure un attimo e fa ritorno al solo destino cui è designato, il più nobile della terra, il vino! Da allora non si ferma più. 

Degustazione vini Michele Satta
Degustazione vini Michele Satta, Bolgheri

Michele Satta, i vini

Il nostro viaggio a Bolgheri   prosegue con la degustazione dei vini Michele Satta. Matteo  si fa notare subito per la sua classe e la sua professionalità e si capisce subito che fa quello che gli piace fare. Matteo  prepara i tavoli con dei cestini di pane sciocco e taglieri di salumi e formaggi locali.

Matteo  sistema in fila tutti i bicchieri che riflettono una luce calda che entra attraverso le vetrate in modo gentile e che ci avvolge come il gusto del meglio della selezione dei rossi e dei bianchi di Michele Satta. Tra quelli che proviamo  mi hanno particolarmente colpito:

  • ‘Bolgheri Bianco Costa di Giulia 2019’: battezzato così dal vigneto da cui proviene oltre che quello di ‘Querciola’, è  una bomba esplosiva di 70% di Vermentino e di 30% Sauvignon e fa innamorare Michele Obama in occasione del suo quarantunesimo compleanno al  ‘Caffè Milano’ di Washington. Questo bianco  a contatto con le fecce fini fa affinamento lungo per circa sei mesi in tini di acciaio. Dal colore giallo paglierino, alterna i suoi profumi di pesca bianca e fiori delicati a evidenti sentori di  timo,  erba appena tagliata, miele , vaniglia. Dal finale lungo si presta a invecchiare qualche anno ;
  • ‘Syrah Michele Satta 2016’: 100% Syrah del vigneto ‘Vignanova’ è un vino mediterraneo sofisticato che non ha nulla da invidiare ai superbi rossi francesi del Rodano. Fermenta in botti di rovere da trenta hl ed affina diciotto mesi in barriques di secondo, terzo e quarto passaggio ed un anno in bottiglia con capacità di invecchiamento fino a venti anni. Nel calice si annuncia con un colore rosso rubino cupo, con note di frutta a bacca nera e si arricchisce di sensazioni speziate e nuance di erbe aromatiche. In bocca è di ottimo corpo, con un tannino maturo e termina con una chiusura persistente;
  • ‘Il Cavaliere 2017’: 100% da selezione di uve Sangiovese raccolte a mano nei vigneti di ‘Vignanova’ e ‘Torre’ fa cemento per diciotto mesi e può invecchiare fino a venti anni. Presenta un colore rubino ed al naso è molto aperto, con aromi di prugna, violetta, tabacco, cuoio e terra di bosco. In bocca è sapido e con tannini morbidi, con un retrogusto di liquirizia e un piacevole finale;
  • ‘Piastraia Michele Satta’ 2017: è un taglio bordolese di Cabernet, Merlot e Sangiovese che con l’aggiunta di una punta di Syrah prende il corpo  dei vini del Sud. Le uve provengono da cinque diversi vigneti che sono ‘Torre’, ‘Poderini’, ‘Vignanova’, i ‘Castagni’ e ‘Campastrello’. Ciascuna varietà è fermentata separatamente in botti di rovere troncoconiche da trenta hl.  Sosta in barriques di legni francesi tra i diciotto ed i ventiquattro mesi. Un vino smart con un colore tendente al porpora con riflessi violacei. Al naso emergono note di ciliegia, cacao, e fiori blu. Il vino è sapido, con tannini rotondi e finale lungo. Capacità di invecchiamento fino a venti anni.
DOC Bolgheri Consorzio di Tutela Vini
DOC Bolgheri Consorzio di Tutela Vini

I vini di Michele Satta stregano e fanno venire voglia di stare bene, di godersi la vita, di rilassarsi. Ogni commensale è fermo al suo posto a sentire Matteo  che si volta verso una foto gigantesca che ritrae  Michele Satta insieme a chi ha per così dire inventato il ‘caso Bolgheri’! Prendete un calice magari di bollicine, o di cosa vi pare, e unitevi a noi! Il silenzio cala, e la voce di Matteo è l’unica melodia che vogliamo udire.

Bolgheri, la Bordeaux d’Italia

Chiunque arrivi a Bolgheri finisce vittima del suo incantesimo non appena si percorrono i cinque chilometri dell’Aurelia fiancheggiati da 2500 “cipressi che alti e schietti quasi in corsa giganti giovinetti vanno fino a San Guido in duplice filar “. Questi ultimi sono i versi del poeta Giosuè Carducci, premio  Nobel per la letteratura italiana nel 1906, che immortalano questo antico borgo medievale fondato nel XI dal Conte Gherardo della Gherardesca, il cui stemma all’ingresso del castello in mattoni rossi   saluta migliaia di visitatori all’arrivo della bella stagione . Bolgheri è una frazione del comune di Castagneto Carducci, in provincia di Livorno, la cui  posizione strategica, tra le Colline Metallifere e la leggendaria ‘Costa degli Etruschi’, fa di questo villaggio un territorio unico al mondo per arte, cultura, tradizione vitivinicola e paesaggi mozzafiato.

Immersa in una vegetazione rigogliosa e con le sue torri  affacciate su un mare cristallino,  Bolgheri è il fiore all’occhiello della Toscana grazie al Marchese Mario Incisa della Rocchetta, la cui genialità si materializza in tre suoi capolavori e ora attrattive del posto:  il celebre vino Sassicaia, il purosangue Ribot, e il Rifugio Faunistico Padule . Cominciamo da Bacco, perché è una forza divina inebriante quella che invade il Marchese e gli fa realizzare il nettare, il purosangue e l’ oasi dei suoi sogni.

In principio è il Sassicaia, il Marchese Mario Incisa della Rocchetta

Il Marchese nato a Roma e di stirpe sabauda, giunge in Maremma al seguito del suo matrimonio nel 1930 con l’affascinante Clarice, discendente del conte Ugolino cantato da Dante nella sua ‘Divina Commedia’. Agronomo, cosmopolita, visionario e di classe il Marchese  ‘colonizza’ Bolgheri, un centro agricolo di appena cento abitanti e dimenticato da Dio, e la trasforma in una corte stupenda con il suo entourage aristocratico.

Nei poderi ereditati il Marchese  apre un allevamento di cavalli da corsa da cui fuoriesce Ribot, che tra il 1955 e il 1958, vince sedici competizioni su sedici, dall’Arc de Triomphe, al Royal Ascot da San Siro a Longchamp. Ci fa anche una fattoria e in particolare a Castiglioncello di Bolgheri nel 1944 il Marchese semina delle barbatelle di Cabernet importate dai Duchi Salviati di Migliarino , che frequenta ai tempi dell’università a Pisa, e come il cappellaio matto tira fuori il primo taglio bordolese della Maremma. Il Marchese  non è del tutto soddisfatto di quella miscela di vitigni per nulla armonico, ma in fin dei conti gli sta bene, è un esperimento, il suo vino non vuole venderlo ma solo goderselo con chi gli sta intorno e con gli amici. Il Marchese  non si arrende e azzarda a regolare il tiro spostando il vigneto in un campo più alto che chiama ‘Sassicaia’ per il mix di sassi e ghiaia che la caratterizza in onore a Graves a cui si ispira,  e da cui ha origine l’omonimo vino che farà di  Bolgheri la Bordeaux d’Italia e un prestigioso centro di riferimento per l’enologia europea. Ci vogliono venti anni di perfezionamenti e vicende varie prima che nasca il rinomato ‘Sassicaia’ che ognuno di noi vorrebbe in uno scaffale in bella mostra! In questo arco temporale di fondamentale importanza è lo slancio e la lungimiranza del Marchese  nell’avere individuato in Bolgheri la base per la replica di quella tipologia di vini particolari francesi che sono di gran tendenza in Europa e oltre oceano,  in modo tale da offrire qualcosa di nuovo al mercato italiano che, da dopo il sofferente e disastroso dopoguerra alla lenta ripresa economica, dorme almeno fino agli  anni ottanta in fatto di vini! E senza dubbio lo scossone del terremoto  ‘Sassicaia’ con epicentro a Bolgheri si avvertirà in superficie e profondità lungo tutta la penisola ! Pazzo o pioniere, il Marchese  lascia il segno a Bolgheri. A differenza dei contadini della sua era per cui il vino è un modo per sopravvivere e da bere prima dell’inverno successivo, il Marchese è un nobile dentro e fuori , e vuole fare un vino di pregio, si interessa ai problemi agricoli evidenziando la necessità dì uscire dall’improvvisazione e di imitare i francesi dando un tono alla materia. Seguendo il metodo francese e in controtendenza con l’allora dominante produzione di massa dovuta all’avvento delle nuove tecnologie, il Marchese  impianta vitigni selezionati e sperimenta nuovi metodi di vinificazione; preferisce basse rese in vigna e vitigni alloctoni a quelli autoctoni, lascia perdere il torchio a favore di una pressatura più dolce, e introduce l’affinamento in botte. Tutti questi sforzi sarebbero stati forse vani se ad un certo punto di questo bel romanzo non ci sarebbero stati altri protagonisti! Da una parte il figlio Nicolò Incisa della Rocchetta,  che, capendo la reale potenzialità di quel  ‘primitivo’ ‘Sassicaia’   osa commercializzarlo, e dall’ altra i parenti patrizi degli Antinori nelle figure di Niccolò e Piero , che si occupano del marketing. Questi ultimi fanno scacco matto facendo assumere il loro enologo,  il pater vinorum Giacomo Tachis, che, stabilendo tecniche  e tempi di affinamento, ingentilisce e struttura quello che sta per essere il primo cru del Bel Paese! Con l’inconfondibile etichetta della rosa dei venti dorata su sfondo blu disegnata dallo stesso Marchese  , il ‘Sassicaia’ viene imbottigliato per la prima volta nel 1968 e messo in distribuzione nel 1972 . L’oro rosso di Bolgheri è sgrezzato dalle sue impurezze a tal punto da abbagliare i big del giornalismo enogastronomico. Le prime luci del ‘Sassicaia’ colpiscono Luigi Veronelli , pietra miliare nostrana del  wine & food , che gli dedica un articolo intero su ‘Panorama’ nel 1974. Successivamente  con l’annata del 1978 il  ‘Sassicaia’ vola oltre i  confini quando la rivista inglese ‘Decanter’   lo proclama come migliore Cabernet tra quelli in competizione di altri trentatré paesi in un concorso tenutosi a Londra , dove prevale addirittura sui famosi chateaux bordoles . La vendemmia del 1985 regala al ‘Sassicaia’ 100 punti assegnati dalla penna di  Robert Parker,  guru della critica americana che lo consacra a fama internazionale.

Sassicaia

E se vi dico che il ‘Sassicaia’ star indiscussa del jet set planetario usciva con la denominazione ‘vino da tavola’? Un paradosso questo che scatena e indigna al punto che, per questa categoria di vini speciali che non si adattano  alle regole dei rigidi disciplinari di allora come le DOC del 1983 che tutelano i soli bianchi e rosé, si conia in America il termine di ‘super tuscan’, dove ‘super’ sta per ‘diverso’ e non ‘migliore’. Bisogna attendere fino al 1994 con la formazione delle ‘DOC Bolgheri’ ,  ‘DOC Bolgheri Superiore’ e ‘DOC Bolgheri Sassicaia’ per placare le ire funeste . La costituzione  del ‘Consorzio per la Tutela dei Vini Bolgheri DOC’ , di cui Michele Satta è uno dei soci fondatori, nel 1955 con le sue cinquantacinque imprese agricole, sigilla a fuoco una business venture che ricerca costantemente di preservare sapere antico congiunto a modernità  e innovazione con lo scopo  di garantire a Bolgheri  un futuro tutto in salita. In soli cinquanta anni Bolgheri  passa da 120 a circa 1300 ettari di vigna e assurge a  fenomeno di  vini da collezione che oltre al ‘Sassicaia’ vede spuntare nelle immediate vicinanze  mostri sacri del made in Italy quali ‘Ornellaia’, ‘Guado al Tasso’, ‘Grattamacco’ e  il ‘Masseto’ , Merlot al cento per cento che nel 2001 il ‘Wine Spectator’ celebra come secondo solo al ‘Petrus’ di Pomerol. Bolgheri non è una moda o un capriccio di qualche blasonato ma il ‘Rinascimento’ del vino in Toscana, nel momento in cui il ‘Brunello’ e l’Italia sonnecchia per poi svegliarsi del tutto a fine anni Novanta ed essere in classifica tra le potenze enoiche del globo . Bolgheri è il frutto del lavoro e il più dolce dei piaceri di uomini intelligenti e illuminati che, titolati con risorse o artigiani con pochi mezzi e tanta voglia di fare, hanno collaborato e dialogato ribaltando le sorti di questa deliziosa cittadina. Bolgheri ieri landa del deserto e considerata addirittura non vocata alla viticultura oggi chicca dell’enologia italiana e luogo densamente popolato e affollato di turisti, curiosi e investitori provenienti da ogni parte del pianeta.

Cantina Michele Satta
Cantina Michele Satta

Michele Satta, l’azienda

Michele Satta scommette tutto il suo essere e il suo avere a Bolgheri sin da quando ci mette piede. Genius loci , vate, o cosa? Michele Satta è certamente un imprenditore fuori dagli schemi, dotato di grande personalità, sensibilità ed intuito.

Non dimentichiamo però che se Michele Satta è un’autorità in fatto di vino non è solo per  i suoi studi, il suo carattere, le sue esperienze, e certe circostante favorevoli, ma principalmente per la devozione, la costanza , la  gioia e la serietà con cui ha perseguito  i suoi obiettivi, i suoi ideali. Tutto quello che dai ti torna indietro nel bene e nel male, e quanto è vero per  Michele Satta ! E si sa che la fortuna non è una dea cieca ma aiuta gli audaci!  Tutto questo associato a un rapporto quasi ancestrale tra  Michele Satta  e la terra, che è il leitmotiv della sua esistenza stessa, si traduce nella nascita della sua azienda nel 1983 e nel suo primo vigneto nel 1991. Michele Satta si distingue dagli altri fuoriclasse a Bolgheri  perché è una voce fuori coro nel dare largo spazio alle uve del posto quali Sangiovese e Vermentino (sia in assemblaggio che in purezza), e nel cimentarsi con altre varietà quali per esempio il Sauvignon Blanc, il Tempranillo e il Petit Verdot. Una mossa alquanto temeraria quella di Michele Satta in un ambiente di altolocati e di certezze stellate tra le quali primeggia quella del ‘Sassicaia’ , ma mossa del tutto inevitabile per movimentare l’identità territoriale di questo paesotto maremmano, rispettandone sempre l’inclinazione per i vini bordolesi. In linea con i bolgheresi classici,  Michele Satta ha una sua personale visione del vino in cui soggiace prevalentemente l’intenzione di esaltare al massimo la complessità aromatica tipica del terroir mediterraneo che Bolgheri riesce a sprigionare. Ciò si incarna perfettamente in tappe importanti della sua carriera enoica che dà alla luce nel 1987 il ‘Costa Giulia’ , 100% Vermentino,  e  nel 1994 il ‘Piastraia’ , blend di Cabernet Sauvignon, Merlot e Sangiovese. A fine anni novanta, reduce di una consulenza presso l’ ‘Ornellaia’ e sotto la supervisione del prof. Attilio ScienzaMichele Satta pianta anche una piccola porzione di Teroldego, quest’ultimo ingrediente di un’altra opera d’arte di Michele Satta che è il ‘I Castagni’.

Michele Satta, Paolo Lazzarotti studio fotografico
Michele Satta, Paolo Lazzarotti studio fotografico

Scendendo giù nella cella rocciosa in cui i vini riposano, Matteo ci confessa che alcuni Wine Lovers & Experts snobbano i vini bolgheresi perché troppo freschi, fin troppo fruttati e non tipici, ed accontentano in maggiore misura il palato degli intenditori americani e cinesi. Lo ascoltiamo attenti lì tra le botti e le anfore di terracotta, e dopo avere assaggiato i vini di Michele Satta, nessuno dei presenti ha dubbio alcuno che il bello per Bolgheri  deve ancora arrivare. E come non credere ad un avvenire glorioso per questi vini marittimi, sontuosi, con una traccia balsamica indimenticabile che è il ricordo della macchia mediterranea, tratto specifico che li rende irripetibili.  Michele Satta vanta una superficie vitata di 24 ettari e affiancato tecnicamente e moralmente dai suoi affetti frutta attualmente 150.000 bottiglie ottenute da uva propria. Matteo ci fa fare un giro all’interno della bottaia ed è orgoglioso di quello che ci sta descrivendo. I suoi occhi brillano quasi a illuminare quegli spazi bui e freschi della grotta dove i vini di Michele Satta dormono per esprimere al meglio tutto il loro valore, che è strettamente legato a quelle specifiche peculiarità pedoclimatiche che stanno solamente a Bolgheri e che la fanno oggetto di invidia di tutti! Una alchimia naturale di sole, mare e terra questa è Bolgheri! Matteo ci spiega il motivo. Le vigne di Michele Satta sono tra quelle più a sud di tutto il comprensorio, il cui suolo è particolarmente fertile essendo  variegato per struttura (per lo più sabbia e in molti punti argilla e  limo) ,  di medio impasto,  drenante, e privo di sedimenti, cosa che facilita alle radici delle viti di scendere giù a fondo per alimentarsi.  Il nostro bell’Antonio va avanti narrando che i filari, trattati con pratiche biologiche, sono protetti dal vento a est dalle colline, mentre a sud beneficiano degli effetti del mare e dei fiumi Cornia e Cecina che li irrorano di luce favorendo la fotosintesi, ne mitigano il clima con estati fresche e inverni miti, e vi apportano brezze gentili che tolgono la dannosa umidità in superficie.  

Bolgheri, a presto
Bolgheri, a presto!

Una passeggiata tra le stradine ciottolate di   Bolgheri  e una cena a lume di candela nell’ intima e raffinata ‘Enoteca del Centro’ conclude magicamente il mio incontro con Michele Satta. Un sorso del suo ‘Syrah 2015’ è in poesia una frase di Antoine de Saint-Exupéry: “E’ il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante”. 

Grazie Matteo, Michele e Paolo Lazzarotti per il suo infallibile obiettivo fotografico! 

 ‘A chi ancora è capace di emozionare. La bellezza non si misura con ciò che possiamo apprezzare semplicemente guardando con il senso della vista, la vera bellezza  è un atteggiamento. ‘ 

Stefania

 

Marco de Canaveses

S.Caetano, Vinho Verde, Portogallo

“Sa volare solo chi osa farlo” . L. Sepulveda

L’oro verde del Portogallo.

Il Vinho Verde è un vino portoghese prevalentemente bianco, ma anche rosato e rosso (quest’ultimo è presente in quantità minore in Portogallo e di solito piace poco fuori confine per la sua struttura debole dovuta al basso contenuto in alcol, al contrario invece dell’alto consumo a livello locale nelle caratteristiche ciotole di ceramiche) che sta riscuotendo un’enorme popolarità. Perché? Il Vinho Verde è un lusso alla portata di tutti, che ammalia per la sua delicatezza, eleganza, e soprattutto per la sua versatilità perché adatto a tutti i tipi di piatti e palati, da quelli più semplici a quelli più esigenti. Altro e indiscutibile X factor del Vinho Verde è la sua frizzantezza, derivante in origine dal carbonio naturale dell’uva ed ultimamente procurata da molti vignaiuoli con l’aggiunta di una lieve dose di anidride carbonica per venire incontro al gusto dei consumatori specie quelli americani!

Il Vinho Verde è una Denominazione di Origine Protetta, ed è tipico delle sinuose alture del Nord del Portogallo che trasuda vino dagli albori della viticoltura. Forse si chiama così per il colore verde dei suoi vigneti e delle sue valli ,  per quello delle uve acerbe da cui è fatto perché raccolte in anticipo, o perché va bevuto giovane. Il Vinho Verde è fresco, erbaceo, ma leggermente sapido e con un sentore di frutta finale che stupisce, come la vita che ti regala sempre qualcosa di magnifico quando meno te lo aspetti. Ed è quello che accade a me con il mio blog sul vino e viaggi www.WeLoveItaly.eu che mi dà la possibilità di condividere le mie esperienze emozionali attraverso il racconto di persone e storie di successo che è misurato non in soldi guadagnati, ma in obiettivi raggiunti. Come ogni sommelier adoro andare in giro alla ricerca di nettari prelibati. Viaggiare poi è una droga da cui non tento neppure di disintossicarmi, non perché così si stacca dalla routine, o perché fa tendenza, o ci si va con qualcuno di speciale. Nulla di tutto questo. Viaggiare mi apre il cuore, non smetto mai di imparare, mi fa vedere le cose e la gente da una prospettiva diversa, controllo meglio i problemi, me stessa e avverto una pace interiore e con l’universo immensa. Miglioro ogni volta che faccio la valigia e poi la ripongo nell’armadio di casa mia, che sia la Sicilia, dove sono nata, o la Toscana dove vivo ormai felicemente da sei anni.

 

Andrè Amaral, cantina Quinta de Torre. Niente è per caso!

Per pura coincidenza o destino non lo so,  Andrè Amaral , responsabile di ‘Quinta de Torre’, una delle più prestigiose cantine di Vinho Verde del Portogallo, naviga sul mio sito www.WeLoveItaly.eu. Lo scorso Agosto due miei articoli dedicati a Lisbona e Faro lo incuriosiscono e  mi contatta  via social.   

Il Portogallo non me lo tolgo proprio di dosso, mi attiva una strana dipendenza. A Pasqua del  2017 atterro a  Lisbona , una moderna capitale che non appena sfiori con lo sguardo, la fai tua e non la lasci più per il suo patrimonio artistico culturale, il suo charme, l’azzurro del suo oceano e delle sue ceramiche, il calore del suo popolo . A Lisbona ci si perde tra i suoi vicoli irti e ciottolati. Lì si respira un passato glorioso fatto di esplorazioni e conquiste, cantate nelle languide musiche del  fado , la cui malinconia o saudade la senti nell’aria e pare manifestarsi al primo chiarore di luna annidandosi tra i tavoli delle piccole taverne sempre a festa  . Un’estate fa sono  a Sud , ad Algarve, nella splendida Faro. Faro è una deliziosa cittadina lusitana che ipnotizza con le sue falesie grandi e immobili come giganti, che acceca lo sguardo con le sue interminabili distese di sabbia dorata e le sue acque azzurre cristalline. Avere tra i miei follower un noto produttore di vino come Andrè Amaral mi lusinga, e il successivo Settembre, tra messaggi e video chiamate varie, ci faccio amicizia  e mi confessa che leggere i miei post gli fa venire voglia di andare in vacanza e di bere qualcosa di introvabile. Mi viene spontaneo confessargli che c’è una sorta di richiamo irresistibile verso il Portogallo, perché forse è così simile alla mia isola per il suo fascino decadente e misterioso.  

Food Life Style rivista ristoranti stellati
Food Life Style di Carmela Loragno, rivista ristoranti stellati

Andrè segue assiduamente il mio diario di bordo virtuale di questo mio girovagare per posti, e personaggi straordinari che ti entrano nell’anima. Duranti questi contatti via etere, tra me ed Andrè scatta una certa sintonia professionale, che presto si traduce in una collaborazione che ci porta a realizzare il desiderio comune di valicare i nostri confini territoriali: io da reporter del vino  in Portogallo, e lui da esportatore del suo Vinho Verde nel nostro Bel Paese! C’è molto entusiasmo, ma non è sufficiente, perché per la riuscita dei nostri intenti ci sono delle variabili esterne tutt’altro che trascurabili da considerare. Per prima cosa è abbastanza complicato avere dei risultati positivi in un settore competitivo come quello della vendita del vino in l’Italia, a cui basta il suo e per il quale oltre tutto è già famosa in tutto il globo. Con Andrè poi non ci conosciamo personalmente e ci separano chilometri di distanza. Non occorre solo che il suo vino sia eccellente, che il suo packaging sia curato, e che il suo sito web aziendale sia impeccabile sotto ogni punto di vista. Per sfondare necessita studiare qualcosa di strategico, e capire anzitutto se rispetto all’Italia:   

  • il Vinho Verde può essere adatto al nostro mercato;
  • si può impostare un piano di marketing efficace creando relazioni on line e off line ;
  • si possono fare eventi nell’immediato in presenza del winemaker portoghese in questione per dare visibilità al suo prodotto.

Vi spiego come tutto si è piano piano sbrogliato come il bozzolo di una matassa e come sboccia una fiducia e  stima tale da portare Andrè a  finanziare il mio soggiorno presso ‘Quinta de Torre’! Le  moderne tecnologie sono indispensabili, e nel frattempo io e Andrè ci diamo da fare senza sperare che la ruota giri da sola.  Ancora una volta il mio intuito non si sbaglia  e mi rendo conto che si fa sul serio quando Andrè mi spedisce a Pisa, con mia meraviglia, il primo di una serie di campioni dei suoi vini etichettati “San Caetano” , chiamati così  in onore di una cappella del suo wine relais che lo protegge come Dio fa con i suoi fedeli. Mi innamoro inevitabilmente di ognuna delle sei bottiglie di quell’oro verde! Se voglio fare l’inviata all’estero per toccare con mano ciò che stuzzica le mie papille gustative, ho davanti un’impresa quasi pioneristica da affrontare: lanciare i vini portoghesi in Italia, che certamente non ama molto i forestieri in campo enoico! In realtà c’è un algoritmo che potrebbe funzionare! In due regioni vocate per lo più ai rossi come Toscana e la vicina Puglia, in cui i bianchi non sono molti e quelli esistenti di un certo spessore sono piuttosto costosi, i vini  “San Caetano” potrebbero essere un’ottima alternativa! I vini  “San Caetano” potrebbero infatti fare gola ai ristoratori delle coste tirreniche e adriatiche, i quali avrebbero delle bollicine esotiche di alto livello per i loro clienti, che non hanno nulla da invidiare a un Riesling o a uno Chablis, a fronte però  di una spesa decisamente più contenuta (al momento attuale il Vinho Verde è accessibile, perché in passato l’economia del Portogallo ha sofferto della recessione globale, quindi il costo dei terreni e del lavoro è relativamente basso ).  

  

Il Vinho Verde in Toscana.

Per scendere in campo non posso combattere da sola! Mi avvalgo di tre solidi alleati a cui faccio avere l’arma potente dei vini ‘San Caetano’  per vincere la battaglia !

A Ottobre il primo è Andrea Baldeschi , Toscano puro sangue e grande degustatore Ais Toscana, che nel suo ristorante “Nautilus” a Tirrenia organizza delle cene a base di baccalà più elaborate di quelle fatte da me nel mio terrazzo con i miei amici. Come tutti i commensali anche Andrea  rimane piacevolmente stupito dal sapore avvolgente di quei vini bianchi portoghesi, che esaltano il gusto di ogni tipo di piatto leggero di terra o di mare che sia. Andrea cede al fascino di quel vino straniero al punto che per Maggio ha in mente di farne una degustazione al “Palace Hotel”,  un cinque stelle molto rinomato a  Livorno . A Dicembre il secondo è Orazio Sinigallia, un eclettico distributore di vini che, conosciuto fortuitamente a Bari nella sua bottega di vini georgiani in anfora, diventa promoter dei vini di Andrè in Puglia. Per merito di Orazio, il terzo è la strabiliante Carmela Loragno, direttrice di  Food Life Style’, un’illustre rivista stellata sulla gastronomia italiana per la quale a Natale mi commissiona una pagina tutta dedicata al Vinho Verde e ai vini di ‘San Caetano’ . Questi avvenimenti picareschi coinvolgono Andrè, che , dopo una lunga e giusta attesa, mi vuole avere come sua ospite a ‘Quinta de Torre’ per farmi sperimentare con mano la bellezza di quei luoghi lontani e per farmi vedere cosa ha combinato Bacco da quelle parti. Non ci sono più voli diretti ed economici da Pisa per il Portogallo né tanto meno date compatibili che ci vadano bene per impegni vari da parte di entrambi. Quando non c’è una soluzione cambio completamente direzione. Senza una ragione plausibile invece di rodermi dentro, pianifico il mio Capodanno dalla mia amica Lory a Bruxelles e poi perché non volare comodamente  dal centro dell’Europa verso Marco de Canaveses e starci per esempio tre giorni?  L’anno nuovo del 2020 è un sogno diventato realtà.

Bruxelles 2020
Bruxelles 2020

Capodanno 2020, Bruxelles

Esattamente come due anni fa in occasione del mio compleanno, al mio arrivo Lory mi fa perlustrare  Bruxelles in lungo e in largo.  Prima tappa il ‘Quartiere del Parlamento’  all’interno del ‘Parc Leopold’, dove con la sua solarità Lory si occupa dell’accoglienza al pubblico.

Si tratta di un complesso di edifici postmoderni in vetro e acciaio senza fronzoli, ove l’Unione Europea tiene le riunioni di comitato. Una struttura asciutta e minimale a parte la sovrastante cupola detta ‘Le Caprice de Dieux’ , un’enorme sfera a forma di emiciclo che è sede della camera parlamentare degli eurodeputati. Senza pagare nulla ed obbligo alcuno di prenotazione dopo facciamo un salto al ‘Planetarium’,  una sezione dedicata alla didattica, per far comprendere al viaggiatore come funziona l’ U.E. Un gruppo di hostess ci mostrano tre modelli architettonici dei quartier generali di  Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo e sintetizzano quali sono i  compiti più importanti del Parlamento del Consiglio Europeo , del Consiglio  e della Commissione Europea. La fama istituzionale di Bruxelles non deve ingannare, oltre ad essere frequentata assiduamente da politici e giornalisti, essa è da sempre una delle destinazioni turistiche più amate del Vecchio Continente. Passeggiando per l’urbe l’atmosfera è allegra e pittoresca dal suo simbolo il ‘Manneken-Pis’ a la  ‘Grand Place’, che riflette negli ori dei palazzi laterali le luci degli addobbi natalizi che la rendono ancora più baroccheggiante. Rivedere Lory poi è una sensazione indescrivibile, come il festeggiare a mezzanotte l’ultimo dell’anno ballando tra i cafè di Bruxelles fino all’alba, l’ultima insieme prima della mia partenza per il Portogallo.

 

Aeroporto Sà Carneiro Porto
Aeroporto Sà Carneiro Porto

3 Gennaio

Porto, Tre Gennaio 2020, otto del mattino. Andrè mi aspetta fuori dall’ Aeroporto Internazionale  “Francisco Sá Carneiro” . Appena lo intravedo mi fa un cenno, si avvicina e il suo sorriso smagliante scioglie l’imbarazzo dell’incontrarsi per la prima volta. Andrè carica me e il mio bagaglio nella sua macchina e ci dirigiamo verso Marco de Canaveses, un delizioso borgo a pochi chilometri da Porto attraversato dal fiume Tâmega. Ci troviamo nella feconda valle del Douro e proprio qui, dove la natura esplode in tutto il suo rigoglio dall’entroterra all’Oceano Atlantico, nasce il Vinho Verde, vitigni autoctoni che si abbarbicano dappertutto dai palazzi nobiliari alle piccole case di villaggi sperduti. Un cielo grigio con i suoi nuvoloni, che non rende giustizia all’unicità di quei paesaggi portoghesi,  una lunga ora di viaggio tra strade sinuose e larghe, e la  mia stanchezza non distraggono la mia attenzione dal racconto di Andrè della sua vita, della sua  azienda, e  del suo vino. Durante il tragitto Andrè mi svela nel dettaglio i segreti del Vinho Verde .

Ascoltare Andrè è come seguire la linea del tempo del Portogallo. Il Vinho Verde cresce solo nella regione del Minho, approdo ambito di antichi popoli a partire dal 100 AC, quando Fenici e Cartaginesi vi introducono, tra le altre cose, i primi vitigni che curati da Greci e Romani, cadono in abbandono durante il periodo dei Mori, e si risollevano grazie al generoso contributo dei monasteri e della corona portoghese nel Medioevo. Tra il XII ed il XIII secolo il Portogallo è protagonista di una crescente espansione demografica ed economica specie nel commercio agricolo a cui si associa un rapido sviluppo della moneta metallica. Tutto questo trasforma il vino in una fonte essenziale delle entrate, al punto che esso entra a far parte delle abitudini alimentari della popolazione della regione del Minho. Andrè sottolinea orgogliosamente che rispetto al porto, suo fratello liquoroso, il  Vinho Verde è più antico perché, secondo alcuni fonti scritte, se ne registrerebbe già l’esistenza nell’ 870 d.C nel convento di  ‘Alpendurada’ di Marco de Canaveses , anche se in entrambi i casi la prima documentazione della loro esportazione da parte degli Inglese in Europa è attestata alla fine del XIX secolo. Andrè mi confessa che non si stanca mai di vagare per il Minho, perché, ricco di storia, arte, cultura e panorami mozzafiato, è una delle zone più boscose del Portogallo caratterizzata da una vegetazione abbondante e verdeggiante, è. Ad un tratto Andrè si ferma e dal finestrino del veicolo mi fa guardare fuori ed entra nel vivo della sua novella raccontandomi altre cose interessanti sul Vinho Verde . Mi dice che il Minho possiede un terroir distintivo dato dal connubio tra alcuni fattori irritrovabili per la viticultura e la memoria del sapere umano tramandato da secoli di generazione in generazione, che dà alla luce vini dallo stile inimitabile e dall’ equilibrio quasi perfetto. Prosegue asserendo che  il Minho è un fazzoletto di suoli prevalentemente granitici, a tratti scistosi, calcarei e sabbiosi, che da Nord Ovest, bagnato dall’Oceano Atlantico, si apre a ventaglio verso Nord Est lungo la Galizia spagnola con vallate immense e lunghe e abbondanti corsi d’acqua, che rigenerano e rinfrescano le montagne  garanti di una barriera naturale contro i venti più dannosi. Andrè tiene a precisare che aspetti senza eguali quali una tipografia irregolare, che influenza un clima di tipo continentale, un tasso medio annuo di precipitazioni di 1200 mm (concentrate in inverno e primavera), e altitudini che sfiorano circa i 700 m, si riflettono superbamente nelle diverse tipologie di uve delle nove subregioni del Vinho Verde che sono Amarante, Monção, Melgaço, Lima, Basto, Cávado, Ave, Baião, Sousa e Paiva.  Andrè definisce la coltivazione della vite nella regione del Vinho Verde di tipo “eroica”, per la presenza di pendii molto scoscesi, e perché essendo i livelli di fertilità del Minho naturalmente bassi, esso è stato reso produttivo grazie ad una serie prolungata di interventi  quali terrazzamenti concimati con sostanze organiche. Andrè si sente pure risollevato che negli ultimi anni la qualità del Vinho Verde è migliorata notevolmente, ciò è dovuto in parte a una migliore formazione e ad un rinnovato trasporto tra i winemaker di oggi. Dove la vite per esempio una volta cresceva alta tra gli alberi e in pergole (questo per liberare il terreno sottostante per altre coltivazioni di cereali, frutta e ortaggi), attualmente molti dei vigneti invece sono formati lungo moderne righe cablate, in modo che le uve sono più esposte alla luce del sole e alla brezza, e quindi il vino è più maturo e più sano. Andrè mette in evidenza anche l’esistenza di una legislazione nazionale che ha contribuito, tra alti e bassi, a sigillare l’autenticità e il valore dei vitigni del Vinho Verde. A sentirlo sicuramente sono stati fatti passi da gigante. Si riprende la via e Andrè conclude rammentandomi che nel 1926 vengono fuori le linee guida per la produzione e la commercializzazione del Vinho Verde con la definizione dei suoi limiti geografici, e nel 1984 esso viene riconosciuto come D.O.C. sotto la supervisione di una ‘Commissione della Viticoltura della Regione del Vinho Verde’. Un progresso tutto in salita quello del Vinho Verde che registra adesso questi numeri nel Minho:

  • rappresenta 15% della produzione totale di vino di tutto il Portogallo;
  • occupa una superfice vitata di 21,000 ettari;
  • Ci sono 19,000 produttori;
  • Esistono 68 varietà di ‘Minho IGT’  e 47 varietà di ‘Vinho Verde D.O.C’.;
  • L’87 % della produzione di riguarda il bianco, il 7% riguarda il rosso, e il 6 % il rosé;
  • Circa 80 milioni di litri di vino prodotti all’anno e più di 100 paesi per le esportazioni (USA, Germania, Francia, Brasile, Canada, Svizzera, Regno Unito, Angola, Belgio, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Giappone, Danimarca).

Stiamo quasi per arrivare percorrendo i paesaggi da favola del Minho (la sua demarcazione risale al 1756), che formano la cosiddetta ‘Strada del Vinho Verde’.  La ‘Strada del Vinho Verde’ è un ambiente grandioso, con vigneti terrazzati , e masserie imbiancate a calce arroccate in cima alle colline, tra le quali si scorgono villaggi fiabeschi quali Guimarães, Braga, Amarante, Barcelos, Viana do Castelo, Ponte de Lima, Ponte da Barca e Arcos de Valdevez. Il cancello della cantina di ‘Quinta de Torre’ si apre e quando lo oltrepasso capisco che qualunque traguardo dipende esclusivamente dalla nostra volontà e dal nostro atteggiamento. Il Portogallo è un refrain costante nella mia mente, come la  bossa nova , e in maniera quasi automatica a furia di sintonizzarmi su quelle frequenze per una sorta quasi di legge universale finalmente, mi spingo come wine blogger oltre le alpi per scoprire da dove provengono quei vini che sorseggiati mi emozionano ! Andrè mi accoglie a ‘Quinta de Torre’ facendomi sentire come a casa. Mi presenta alla mamma, ai suoi figli, e ai suoi dipendenti e per tutto il resto della mattinata esploriamo il suo regno in cui sono stata catapultata quasi per magia. C’è da recuperare un po’ di forze perché è ora di pranzo. Dopo avere nutrito dei buffi lama e delle pecore di angora,  io e  Andrè ci spostiamo  nella vicina locanda ‘Tapada do Xandoca’ per deliziarci di prelibatezze portoghesi quali: vongole stufate e pesce grigliato all’ aglio e olio d’oliva che fanno finire tutto il pane in tavola . Intanto Andrè mi spiega che  in origine ‘Quinta de Torre’ è una vecchia casa padronale acquistata in famiglia nel 1995 da Josè Manuel Mendes, che restaurata e ammodernata, diventa quella che è oggi, cioè un’azienda agricola a conduzione familiare di circa venticinque ettari, di cui dodici di vigna. Per smaltire il lauto pasto torniamo a passeggiare all’interno della sua tenuta che mi appare in tutto il suo splendore: filari infiniti, giardini, cascate d’acqua, alberi secolari di limoni e mirtilli, un mini zoo popolato da alpaca, canguri, lepri della Patagonia, pony, anatre selvatiche, tartarughe, pesci e altri animali rari che sembrano quasi bearsi della semplicità della loro esistenza. Andrè descrive ‘Quinta de Torre’ come fosse un quadro, essa è incastonata come un gioiello prezioso nell’ Amarante , con le sue viti immerse nel verde, che cercando il sole,  si arrampicano sugli arbusti o pergolati e abbelliscono i campi costellati dagli espigueiros , i tipici granai in pietra e legno costruiti su una base sopraelevata per essiccazione dei cereali. Il discorso si fa sempre più tecnico e preciso. L’ Amarante ha quei presupposti pedoclimatici specifici che la rende l’ambiente ideale per i principali vitigni autoctoni con cui si fanno i vini nella sua cantina ‘Quinta de Torre’: Alvarinho , Loureiro (contraddistinti da note tropicali e da una certa complessità se invecchiati in botti di rovere), Azal, Arinto e Avesso  (noti per  la loro spiccata acidità e ministerialità) per i bianchi, ed Espadeiro e Vinhão per i rossi. Queste sono dunque le uve base e anche il nome dei sette diversi tipi di vino firmati ‘San Caetano’ ,  che lasciano il segno per il loro carattere vivace, delicato e invitante. Con una produzione di 50,000 bottiglie annue,  ‘Quinta de Torre’ , premiata ogni anno in concorsi nazionali e internazionali,  dà alla luce un Vinho Verde  unico al mondo, che rivela rispetto per la vigna, per la tradizione e  per l’innovazione. I vini ‘San Caetano’  , monovitigno o cuvée , sono il risultato della raccolta di uve selezionate a mano durante la vendemmia, che,  una volta riposte in cassette da 20kg, vengono fatte affinare in serbatoi d’acciaio per garantirne il brio. Le vinificazioni avvengono secondo moderne tecniche che includono un sistema informatizzato per il monitoraggio della fermentazione, linea di imbottigliamento e un rigoroso laboratorio di analisi. I vini ‘San Caetano’ sono la migliore espressione del Vinho Verde, e devono il loro Woh  factor non solo alla generosa operosità di chi da sempre rende fertile e florido questo pezzo di Portogallo, ma anche ad un’attenta operazione di marketing e di comunicazione dirette a migliorare sempre più la distribuzione commerciale sia su territorio nazionale che internazionale. Tra una chiacchiera e l’altra non ci accorgiamo che cala la sera con la sua luna bianca e il suo manto di stelle, e per quanto piacevole la compagnia siamo vittime di  Morfeo che ci reclama! Rimontiamo nel suo fuoristrada direzione Porto dove mi attende il mio ‘Métier  Boutique hotel’, che con il suo charme e le sue comodità allieta il mio sonno fino alla sveglia dell’indomani.  

Porto
Porto

4 Gennaio

4 Gennaio. Il tenue sfarzo del ‘Métier  Boutique hotel’ mi coccola dal bianco candido delle lenzuola e degli asciugamani profumati alla ricca colazione della hall. I banconi del bar sono pieni di ogni delizia: spremuta di arance, dolci appena sfornati, burro, marmellate di more, miele e frutta.

Mi ricarico con un caffè nero bollente e sono pronta per un nuovo capitolo di un libro senza fine. Andrè viene a prendermi e via a ‘Quinta de Torre’. Appena giungiamo lì si entra nel laboratorio e nella barricaia di Andrè, che lavora senza sosta per garantire l’alto standard dei suoi vini. Davanti le vasche d’acciaio sigillate con le sigle delle varie annate, comprendo che trasformare l’uva in vino è un miracolo, essendo tutto ciò non solo fonte di rendita ma soprattutto di felicità. Ci sono spazi molto grandi e moderni, pieni di attrezzature all’avanguardia per conferire pregio al bene finale. La sala degustazione che si affaccia sui poggi di Marco de Canaveses è tutta a vetri, e nelle grandi vetrate si riflettono le sagome dell’erba che si confondono con il grigio di una fitta nebbiolina improvvisa che disturba la visuale. Un tavolo cerimoniale e una credenza antica piena di medaglie e riconoscimenti vari fanno bella mostra attorno a una vecchia Bedford. Terminata la visita il sole torna a splendere e nel primo pomeriggio Andrè mi accompagna nel centro storico di Porto, il leggendario quartiere della ‘Ribiera’ situato sulle sponde del fiume Duro che incanta qualsiasi visitatore con le sue casine dipinte e le sue facciate decorate, sorvegliate da gabbiani che si librano leggeri nell’aria a qualsiasi ora del giorno. I pescatori e i commercianti ambulanti ti sorridono e si lasciano osservare nel loro affaccendarsi quotidiano. Mi è familiare questa zona e mi perdo tra i labirinti delle sue viuzze strette per poi rilassarmi al ‘Cafe do Cais’ , un loft bar molto chic della  ‘Ribiera’ da cui mi godo la vista di  ‘Vila Nova de Gaia’. La temperatura diventa quasi estiva e mi dirigo verso l’altra parte della città. Salgo nel vecchio tram linea 1 che mi consegna letteralmente alle onde di un oceano blu cobalto. Entro al ‘Praia dos Ingleses’ un chiosco vista mare e ci resto fino al tramonto. Si fanno le sette e risalgo verso la stazione di ‘Sao Bento’, la cui entrata principale è rivestita da oltre ventimila ‘Azulejos’, le tradizionali piastrelle turchine che raffigurano i principali momenti storici del Portogallo e dei suoi mezzi di trasporto. Lì trovo Andrè che mi fa salire nella sua peugeout. Non c’è molto traffico e dopo aver parcheggiato Andrè e io ci  accomodiamo al ‘Royal 4’ , un delizioso posticino per gustarsi il meglio della cucina portoghese. Una cameriera simpatica e sorridente ci serve dei crostini con burro e formaggio, seguiti da un risotto ai gamberi fumanti e per finire del pane fritto con zucchero e gelato alla vaniglia. Non mi accorgo neppure che è ora di andare via, il locale sta per chiudere! Salutiamo ed eccoci al mio hotel dove a malincuore è l’ultima volta che sto con Andrè! Non è un addio ma solo un arrivederci! Appena rientro in stanza faccio fatica ad addormentarmi, penso a tutto quello che di incantevole sto vivendo. Non ho voglia di  riposare ma devo farlo l’indomani si torna a Pisa!

Portogallo
Portogallo

5 Gennaio

Un tassista mi viene a prelevare in albergo per condurmi all’aeroporto ed è inevitabile sentirmi come la protagonista di un romanzo inedito. Il mio pensiero non va su quello che è stato in Portogallo ma su quello che ancora sarà, perché ritornerò per inebriarmi da nord a sud del suo clima mite, del suo litorale dorato, delle sue sconfinate pianure, dei suoi tesori e dei suoi vini nobili che stanno uscendo a poco a poco dall’ombra grazie agli ultimi sforzi governativi per rilanciare un’economia fino a qualche decennio fa in bilico.

Riprendo la mia quotidianità aprendo la porta del mio appartamento a Pisa, nella mia comfort zone che mi sta subito stretta e di conseguenza la mia mente è al prossimo obiettivo. Non mi fermo mai, e questa non è sempre una bella caratteristica, perché non mi fa godere il cammino che è più importante della meta, ma fa parte del mio modo di essere. Sistemo i souvenir e mi metto sul divano per fare il punto della situazione e per orchestrare tra Febbraio e Marzo la giusta musica per animare le notti toscane con il Vinho Verde con l’estate che non è molto lontana. La lista delle serate predisposte a dare il benvenuto ai vini  ‘San Caetano’ di ‘Quinta de Torre’ è folta ma a bloccarla è il Covid-19.

Andrà tutto bene!

Stefania